Quantcast

Piano di Sorrento, riunione al centro parrocchiale Zama , i dubbi di Michele Maresca, perchè ora? E Agorà fa i nomi di candidati

Piano di Sorrento ( Napoli ) . Positanonews ha parlato dell’iniziativa  di Michele Gargiulo al Centro Parrocchiale Zama  a tre giorni dalla presentazione delle liste per candidato sindaco, facendone diversi articoli , visto che di fatto siamo il media di riferimento della Penisola sorrentina non si può far a meno di evidenziare inziative del genere che riguardano la città, sopratutto perchè viene presentata come iniziativa di carattere generale e non di parte, visto che siamo in piena campagna elettorale con le liste già definite anche se non ancora presentate.

Però  da varie parti questa riunione viene vista in versione anti Iaccarino, il sindaco in carica  che è stato protagonista della lotta contro la pandemia da questo Covid.  A sollevare dubbi anche il dottor oncologo Michele Maresca, consigliere comunale, ma di opposizione allo stesso Iaccarino, che ha scelto la via del silenzio ,  con un commento  a un post dello stesso Gargiulo.

Il commento di Michele Maresca al post di Michele Gargiulo sul luogo dell’inontro e sui tempi

“L’iniziativa è sicuramente lodevole. Confrontarsi e discutere è essenziale in ogni società civile. Purtroppo non mi convincono appieno le motivazioni che hanno portato alla scelta del luogo dell’incontro. Se fossi stato tra gli organizzatori, avrei cercato in tutti i modi di trovare una sede alternativa, proprio per fugare ogni sospetto di “orientamento” precostituito. E poi ho letto che il fine dell’incontro è quello di “parlare di bene comune, portare richieste, esigenze e progetti per la terra che amiamo”. Bellissime parole.. Solo, mi chiedo, come mai queste esigenze non sono state avvertite nei 5 anni passati, nei quali l’amministrazione uscente ha governato e preso decisioni in, pressoché totale, autonomia, nonostante il costante e puntuale pungolo delle opposizioni, ma senza che ci fosse stata alcuna minima iniziativa pubblica di approvazione o “richieste, esigenze e progetti”??” .

Il ruolo della Chiesa a Piano di Sorrento nelle elezioni comunali e gli scenari elettorali

La lista di Cappiello, antagonista del sindaco in carica Vincenzo Iaccarino , è sostenuta dall’ex sindaco Giovanni Ruggiero, vicino alla Chiesa retta dall’amico don Pasquale Irolla,  per questo Michele Maresca probabilmente fa riferimento al “fugare ogni sospetto” , ma l’impressione che sia un incontro pro Cappiello  viene rafforzata dall’intervista rilasciata al settimanale Agorà della Penisola Sorrentina , dove Gargiulo fa nomi di possibile candidati che si sono tirati fuori all’ultimo momento dalla lista di Vincenzo Iaccarino, come Marco d’ Esposito e Rossella Russo, quest’ultima rimasta ancora regolarmente in Giunta anche se oramai l’incertezza è solo se si candida in prima persona contro il suo stesso sindaco, ed è forse anche questo uno degli scopi spingerla ad entrare in lista contro il sindaco di cui è attualmente ancora assessore .  Sembrano discorsi d’altri tempi , anche se non è un mistero che la Chiesa ha ispirato questo incontro politico, lo stesso Michele Gargiulo, persona stimata e rispettata da tutti,  oltre ad essere imprenditore nella gestione del “Caffè Maresca”, è Priore dell’arciconfraternita . Il “Centro” , come semplicemente viene chiamato dai carottesi, ha sempre avuto una grande funzione propulsiva di carattere sociale, ma anche politica, il Vescovo Arturo Aiello, molto amato e carismatico come parroco, ora ad Avellino, sembra aver avuto un forte ascendente sulle vicende carottesi, una tradizione quella della forza della Chiesa nella politica che si è quasi persa , la Chiesa ha sempre avuto un ruolo determinante, ma non nell’elezione di Vincenzo Iaccarino e di certo  le persone nominate nell’intervista su Agorà da Michele Gargiulo non gli sono vicine. A esprimere dubbi sull’iniziativa e sul suo “tempismo” è paradossalmente proprio una persona che ha fatto opposizione al sindaco Vincenzo Iaccarino, e che ha deciso di non partecipare attivamente e non candidarsi, il dottore e oncologo Michele Maresca, figura di grande spessore secondo noi di Positanonews che lo abbiamo sempre apprezzato per le sue idee e l’amore per la città in tutti questi anni. A completezza di informazione riportiamo le risposte sul post e l’articolo di Agorà

I commenti dopo l’intervento di Michele Maresca su facebook

A Michele Maresca replica Michele Gargiulo “Carissimo Dott. Maresca mi domando e le domando: esiste una location alternativa che possa soddisfare la vigente normativa anti Covid? Certamente si, ma abbiamo pensato alla disponibilità immediata e con tutti i requisiti in considerazione del fatto che anche il comune ha utilizzato il Centro Parrocchiale per alcune manifestazioni estive! Si rischia di non essere “ Laici”? Mi creda, lo sono abbastanza da correre il rischio di parlare del mio Paese in una struttura Parrocchiale e di assistenza, volontariato, dignità del lavoro, tradizioni e giustizia sociale anche nella Casa Comunale. Lei ha pienamente ragione, perché non farlo prima? Fino a marzo 2020 mi sbagliavo: pensavo che alla fine potevamo cavarcela senza l’aiuto della politica (attenzione, quella alta e nobile). Il solo proporre progetti era una perdita di tempo. Si doveva e si poteva fare da soli! Poi ho avuto la possibilità di poter “essere” utile, e questa volta non in maniera “laica”, ma con la mia Confraternita, alle tantissime persone in difficoltà durante l’emergenza Covid. Lei si ricorda il fallimento del gruppo “emergenza Covid” voluto fortemente dall’opposizione. Iniziativa lodevole ma nei fatti si è limitato ad essere un gruppo WhatsApp! Questa esperienza ha maturato in me ancora di più la convinzione che da soli non si va da nessuna parte. Mi domando e le domando: come mai, quando avete visto che la vostra azione “costante e puntuale”, si limitava ad essere un semplice “pungolo” per la potentissima (????) Amministrazione non avete chiamato voi a raccolta l’opinione pubblica per proporre con maggior forza “richieste, esigenze e progetti”. Conosco il vostro “pungolo” avendo usufruito del canale istituzionale youtube per seguire gran parte dei tanti consigli comunali di questo mandato. Ma sono ancora più convinto, leggendola , del contributo importantissimo ed indispensabile che potete apportare alla nostra discussione. Con stima, michele g.”

Poi interviene Gianni Mormile caro dottore, spesso ho avuto modo di condividere e di trovarmi in sintonia con le sue considerazioni sulla politica locale e non ! La stimo ! Sarò sintetico sulla location noi abbiamo trovato quella ci aiuti o ci proponga qualcosa di alternativo con le medesime caratteristiche e gratuita’! Superiamo se possibile certi pregiudizi!, Mi spiace sia stato disattento su quello che come imprenditori abbiamo chiesto a questa e alle precedenti amministrazioni pur riconoscendo le difficoltà ! Inoltre lei comprende che l’ultimo anno ha stravolto non poco la vita di noi tutti e quindi ecco il motivo di stringere! Quindi la invito a partecipare con la serenità che in questo momento ogni cittadino deve avere per lavorare tutti in sintonia ! Adesso la lascio perché la Juve e’ passata in vantaggio  volevo con questa chiosa distendere gli animi ma credo di aver aggravato la situazione ! Un saluto la aspettiamo !

Infine l’ultimo commento di Michele Maresca Caro Gianni Mormile, non devo essere io a proporre sedi per campagne elettorali perché, finito il quinquennio amministrativo, ritengo conclusa anche la mia esperienza politica. Poi, mi scusi, ma forse è stato lei non molto attento nel non comprendere il significato del mio intervento. Io non mi riferivo alle richieste particolari degli imprenditori o commercianti alla amministrazione o ai loro interessi di categoria. Di quelli sono bene a conoscenza, e di quanto gli stessi spesso non coincidono con “il benessere” della cittadinanza tutta. Io mi riferivo al coinvolgimento dei cittadini con azioni e progetti che potessero, esse si, andare incontro alle richieste ed alle esigenze dei semplici cittadini. So bene che questa non è un’operazione semplice e gratificante in una comunità come la nostra in cui la coscienza e la partecipazione civica non raggiunge certo livelli eccelsi. Molti sono stati i tentativi che abbiamo fatto, soprattutto nei primi anni della nostra attività come opposizione, organizzando incontri, appelli e convegni, anche con partecipazione di politici ed imprenditori di livello nazionale, e, purtroppo, quasi mai i risultati sono stati all’altezza delle aspettative. Però, dato che io non sono certo un politico, sono abituato a chiamare le cose col proprio nome. E questa iniziativa io la chiamerei, piuttosto, operazione elettorale, seppure legittima e lodevole. E poi, mi dispiace, ma avendo tirato in ballo la squadra dei noncolorati, credo che la discussione non possa restare su un piano di piena condivisione

L’intervista ad Agorà a Michele Gargiulo e l’appello a  candidati anti Iaccarino

Nell’intervista ad Agorà viene detto “Rossella, Marco d’Esposito, Antonio D’Aniello e Monia Cilento ci siano” nel sottotitolo e quindi come rilievo dell’iniziativa .  Gli ultimi due nomi, che sono stati critici verso Iaccarino, sono all’opposizione, anche se Antonio si è candidato con Iaccarino, i primi due hanno condiviso senza critiche il percorso di Iaccarino fino a qualche giorno fa , c’è incertezza sulla loro candidatura, che sia un appello a candidarsi a tre giorni dalla presentazione delle liste? E’ un incontro di campagna elettorale di parte, come sostiene qualcuno,  o si rimarrà equidistanti fra i due candidati sindaco Vincenzo Iaccarino e Salvatore Cappiello , come ha pure detto Gargiulo nel post che parla dell’incontro sottolineando che non è politico? Staremo a vedere, intanto ecco l’intervista uscita su Agorà.

Commenti

Translate »