Quantcast

Scienze Gastronomiche “sforna” i primi laureati grazie a don Alfonso e Gennarino Esposito

Più informazioni su

Dalla Federico II i primi laureati in scienze gastronomiche.

Evento finale col laboratorio di gastronomia per gli studenti del corso di laurea in Scienze Gastronomiche Mediterranee. Entro fine luglio i primi laureati. La cerimonia si è svolta nella Sala Cinese della Reggia.

Ultimo atto di un triennio di studi che li ha portati a conoscere tutti i segreti della cucina, dal management alla comunicazione in campo gastronomico con focus sulla dieta mediterranea. Alla cerimonia ha partecipato il direttore del dipartimento di Agraria, Danilo Ercolini, ed è stata consegnata a tutti i laureandi la divisa creata dal sarto degli chef stellati, Antonio Goeldlin.

Il corso di laurea, unico in Italia, è stato istituito tre anni fa dal Dipartimento di Agraria della Federico II in collaborazione con altri tre Dipartimenti dello stesso Ateneo, riservato a cinquanta studenti selezionati su oltre 300 aspiranti. Col completamento del Laboratorio di gastronomia sono stati assegnati i 20 CFU obbligatori per conseguire la laurea.

LA SCIENZA AI FORNELLI
Nel percorso di studi, coordinato dal professore Raffaele Sacchi, ordinario di Scienza e tecnologia dei prodotti alimentari, anche le lezioni di pratica svolte con affermati chef stellati campani coinvolti nelle attività di laboratorio. All’esperienza pratica è stata affiancata la decodifica scientifica curata da Sacchi, esperto di fama internazionale sulla gastronomia molecolare mediterranea, che ha trasferito agli studenti dosi di scienza in cucina per completare il loro bagaglio culturale, spaziando dalla biochimica alla microbiologia del cibo, dalla botanica delle piante alimentari all’antropologia del cibo, dal turismo al giornalismo eno-gastronomico, dall’analisi sensoriale alle tecniche gastronomiche contemporanee. «Nonostante le limitazioni imposte dalla pandemia dice Sacchi che ha costretto alla didattica a distanza, siamo riusciti a completare l’intero percorso. L’esperienza fatta con gli chef Gennarino Esposito, Francesco Sposito, Franco Pepe ed Ernesto Iaccarino è stata molto stimolante e ha fornito ai ragazzi, ricetta per ricetta, approfondimenti e basi scientifiche alle diverse preparazioni».

Più informazioni su

Commenti

Translate »