Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Sant’Antonino in processione 2018

Pubblicato da Positanonews su giovedì 15 febbraio 2018

Pur tra i tanti disagi, dovuti ai lavori di riqualificazione del Corso Italia, la processione con il Santo Patrono ha ottemperato alle soste canoniche e tradizionali dell’Ospedale e della Cattedrale.L’impossibile è stato reso possibile grazie agli opera, alle forze dell’ordine e alla pazienza dei partecipanti nell’attraversare quello che è un vero e proprio cantiere di lavoro.Tra campane e sirene, tra fango e sole la benedizione di Sant’Antonino è stata portata in ogni angolo.

Aggiungiamo le poesie che come sempre Rosario Di Nota ci propone

‘ A Festa ‘e Sant Andulino.

Campane a festa ,cielo ‘e matreperle,
mare ‘ncrespato,tiempo ‘e primmavera..
Int’e ciardine vide quanta perle
so spase ‘o sole d”a matina a sera!

Che bella festa, nu paese sano
corre a cercà perduono ‘o Prutettore:
che sentimento, nun me pare overo,
tanta sincerità cu tanto ammore.

‘A cchiesa è tutta a festa appriparata,
cantano a coro mille lampatine:
‘A gente tutta quanta addenucchiata
stà nnante ‘o Patre ‘e tutte ‘e Surrentine.

Ce stanne tutte, uommene e guagliune,
pagliette,mastedascie e sartulelle,
cammise culurate, prievete e cafune..
surdate,cappillette e pacchianelle.

‘A copp”o trono tutto argiento e oro
‘o Santo benedice a tutt”e figlie
e cu ‘nu sguardo overamente ‘e core,
se ll’accarezza e dà buone cunziglie.

‘O core vatte ‘e tutta chesta gente,
e ‘mpont’ e labbra sponta na preghiera:
chi cerca troppo e chi nun cerca niente,
e chi nu poco ‘e fuoco p”a vrasera.

Fa Santo ‘a messa; ‘a messa d”o Rettore
int”o Succorpo santo e beneritto,
addò fuje atterrato ‘o prutettore.
Silenzio santo! zitto,zitto,zitto.

Nu raggio ‘e sole bello e curiuso
se ‘mpizza ‘nchiesa ‘a dint’o fenestrone,
e nnante ‘o Santo,viscolo e cianciuso
pur’isso cerca ‘a benedizione.

Po corre mmiez”e campe ‘e copp’ e Tore
addò sta state farrà festa ‘o grano
e cu nu sguardo tiennero d’ammore,
porta ‘a speranza ‘o bbuono crestiano.

‘A fora ‘a cchiesa, a ccoro ‘e castagnare
mannano ‘a voce nfino a ngopp’e stelle..
tammurre,palluncine,turrunare,
nucelle americane e trommettelle.

‘A banda ntona ‘a ccoro na marcetta
e porta into Surriento l’allegria!
pennene d”e balcune, e che freschezza
geranie rosa e sciure a fantasia.

Frevaro, tu si curto e non amaro
pecchè sì ‘o vero paggio ‘e Primmavera,
pecchè stu Santo aurioso e caro
ce puorte ogne anno sotto ‘a cemmenera.

Surriento ‘nfesta,arance e mandarine
o giallo, o verde o cu nu bello sciore
se so’ affacciate ‘a tutte sti ciardine
pe’ cantà grolia ‘o Santo Prutettore.

Campane a festa, ‘o Santo mo se move
e và p”e case ‘e tutt”e Surrentine
malate e scunzulate si nne trove
‘e fa sanà ‘e leva ‘a copp”e spine.

‘A festa corre pure quanno è Maggio
e fa chell’aria doce e cummuvente;
va p’e colline,vole p’e muntagne
e ‘mpizza ‘a ggioia ‘npietto a tanta gente..

‘A banda sona; ‘o Sole è cannaruto,
allucca e fa denare ‘e vennetore,
‘e santità Surriento s’è vestuto..
pecchè vò bene ‘o Santo Prutettore!

 

Ll’acqua arraggiosa sferzava ‘e marenare,
viento ‘e tempesta sescava int’’e rrecchie.
Speranza ‘e sarvezza eva perduta!
A nu tratto ‘a miez’ô cielo,suspiso fra tterra e mmare,
comme na stella argiento, na luce sperduta 
sperciava ‘o scuro d’’a notte.
‘E marenare sapevano ca ‘nchella derezione,
ce steva nu succuorpo santo e beneritto,
llà s’eva addurmuto ‘o “vicchiariello” nuosto.
Patruono ‘e Surriento , patrone d’ô mare,
patrone d’’a vita,patrone d’’a Morte.
Chiagnènno se prustrarono addenucchiune:
“Sant’Andulino viecchio e pputente ,
aràpere ll’uocchie e tienece mente,
Sant’Andulino pe carità,scàmpace ‘a vita,
ammosta piata…!”
‘A preghiera se sentette ‘ncielo,
‘o vicchiariello guarda e ssente e figlie suje.
Tuttequante fureno sarvate, varca e mmarenare!

“Schiuppàino ‘e vase
e llacreme cucente,
scurretteno int’‘a ll’uocchie ‘e marenare,
e stettero abbracciate ccà a Surriento,
zitte,addenucchiune,…
‘nnant’’a chill’ardàre..!”

Mostra tutto il testo Nascondi