L’ UNITRE augura Buon Anno con una pillola di teatro di Sisa e Ambrogio

Le sofferenze che stanno avvolgendo noi dell’UNITRE, sono molteplici, oltre quelle comuni dettate dall’emergenza sanitaria. Per la solitudine e malinconia non esiste vaccino! La necessità del rapporto umano, nel pomeriggio della vita è ancora più impellente. I mezzi digitali, di cui pure stiamo facendo uso, non soddisfano in pieno le esigenze della comunità.  L’augurio è che presto avremo la nostra sede di Via delle Rose, ora in riparazione strutturale, che presto torneremo ai tavoli della cultura, quella semplice, fatta di giardinaggio, decorazione su ceramica, storia , filosofia, arte culinaria, lingue straniere, ginnastica e teatro. Ecco appunto teatro! Con questa scenetta comica, prodotta da Sisa e Ambrogio, visibile nel video allegato , con testo degli stessi attori, si intende diffondere un deciso sentimento di speranza piena in un futuro che ci riporterà, non dico alla normalità precedente, ma verso una solidarietà di intenti e obiettivi dell’UNITRE .

Copione scritto da Ambrogio Coppola.

L’anno nuovo
Rafele – Cuncè ce pienze?…ancora un paio d’ore e arriva l’anno nuovo.
Cuncetta – Assa fa a Dio! L’anno viecchio ca se ne va o lasciamme proprio senza rimpiante.
Rafele – Hi che schifezza ‘e anno…puuuu pa’ faccia soia!
Cuncetta – E po’ ‘a cosa bella è che a fine anno se ponno jettà tutte ‘e cose vecchie (indica il marito)
Rafele – Ha parlato ‘a guagliuncella!
Cuncetta – Tiene ‘a cora ‘e paglia?…io parlavo da pultrona.
Rafele – ‘A pultrona ‘e soreta!
Cuncetta – No! ‘A nosta!
Rafele – Va be’ lasciamme sta…ci avessemo appicicà proprio mo’.
Cuncetta – E quale fosse ‘a nuvità?…noi nel corso di quest’anno ch’è fernuto abbiammo litigato 365 volte.
Rafele – No 366 pecchè l’anno era bisestile.
Cuncetta – Uffà…che fatica ‘a stammatina…ma mo’ me pozzo pure rilassà nu poco…tenco tutto pronto…’e voncole, ‘o baccalà, ‘e zeppole, ‘e lenticchie….
Rafele – NO! …famme ‘o piacere ‘e lenticchie NO!
Cuncetta – E pecchè? L’hai sempe mangiate.
Rafele – L’ultima vota me ne faciste nu piattone accussì: “Mangiatelle” diciste “portene furtuna”…erano a essere fracite chelle lenticchie…aggio viste comme simme state furtunate in questo 2020!
Cuncetta – (si alza) Quase quase vaco appiccià sotto ‘a pentola ‘e ll’acqua accussì vuttamme ‘e spaghette.
Rafele – E nun vulimme aspettà all’ate?
Cuncetta – Ma allora si scemo! Nun hai capito niente…’a televisione nun a vide?…chist’anne nun se ponno fa assembramenti. L’anno nuovo l’avimme aspettà soli soletti (canticchiando) io e te… te e io.
Rafele – E comme accummencia bello pure ‘o duimile e 21
Cuncetta – (si accorge che il marito sta manipolando fogli di carta, forbici e colla) Ma se po’ sapè che staije facenno?
Rafele – Sai cos’è…pure ‘o calendario ‘e Frate indovino nun è che ci ha portato molta fortuna… e allora me ne sto priparanne uno a modo mio.
Cuncetta – (si avvicina e guarda) Tienemente stu lazzarone…azzecca ‘e femmene annura ncoppa ‘o calannario da salumeria
Rafele – Anche l’occhio vuole la sua parte.
Cuncetta – Mo’ te ceco ll’uocchie.. (poi afferra il calendario e comincia a strapparlo) Oiccanne oij…è fenuto ampressa…ampressa pure ‘o 2021 (lo butta nel camino)
Rafele – Mannaggia ‘a miseria! E quanne cagnano ‘e cose pe’ me?..io nun dico che vulesse un anno nuovo, a me bastasse pure uno usato ‘e seconda mano…che saccio un anno comme quann’ero piccerillo e na sera comm’è chesta a passavame cu mammà e papà e facevamo ‘na bella tavulata ‘e quinnece vinte persone….
Cuncetta – …hai ragione!
Rafele – Nun dicere accussì!
Cuncetta – E mo’ c’aggio fatto?
Rafele – Mi fai commuovere, 50 anne ‘e matrimonio è ‘a primma vota che me dai ragione.
Cuncetta – E sarà pure l’ultima…patti chiari!. Mo’ saj che faccio…me vaco a mettere qualcosa di rosso.
Rafele – Se n’è ghiuta cu ‘a capa!
                                                    FINE
Mostra tutto il testo Nascondi
Translate »