Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News
Villa Fiorentino a Sorrento

Sorrento si prepara ad accogliere la mostra dedicata ad Henri Matisse

14/06 » 20/10/19

EVENTO A PAGAMENTO
, :

Dopo Dalì, Picasso, Bacon, Pomodoro, e tanti altri artisti di fama mondiale, ora Villa Fiorentino si appresta ad accogliere l’esposizione dedicata ad Henri Matisse. Tutto lo staff della Fondazione Sorrento è al lavoro per allestire l’evento culturale dell’estate 2019. L’apertura della mostra è in programma il 14 giugno e dal giorno successivo, fino al 20 ottobre le sale della storica dimora del nuovo corso Italia di Sorrento accoglieranno appassionati e curiosi che vorranno ammirare le opere dell’artista francese. La kermesse, tra l’altro, è stata organizzata anche in un’occasione speciale: nel 2019 ricorre il 150simo anniversario della nascita di Matisse.

Henri Matisse

La mostra, dal titolo “Il Sipario della Vita” vuole accendere i riflettori in particolare sull’impronta che l’artista diede al teatro e in generale al suo lato scenografico e di creazioni di “effetto”. Henri Matisse, infatti, non fu solo un grande pittore, ma si interessò anche molto al teatro ed alla realizzazione di costumi di scena, scenografie e odalische.

L’evento di Sorrento rappresenta il primo appuntamento a livello internazionale per la celebrazione dei 150 anni dalla nascita del grande maestro del ‘900, nato a CateauCambresis il 31 dicembre 1869.A Villa Fiorentino si potranno ammirare oltre 110 lavoritra dipinti, disegni, opere grafiche, sculture, complementi di arredo e mobili. Provengono dal Kunstmuseum Pablo Picasso di Münster, dal Musée Matisse di Nizza, dal Balletto di Montecarlo, dagli eredi del pittore, dalla Collection Lambert di Avignone, dalla Gallerie Maeght di Parigi e da Magnum Photos.Coordina il progetto Gaetano Milano, amministratore delegato della Fondazione Sorrento presieduta da Gianluigi Aponte. L’evento è realizzato con la collaborazione del Comune di Sorrento con il sindaco Giuseppe Cuomo. I curatori sonoMarkus Müller, direttore del Kunstmuseum Pablo Picasso di Münster, Germania e Gabriele Accornero esperto di management culturale e ceo di Bridgeconsulting-pro.

Henri Matisse

La mostra affronta il tema del lato teatrale di Matisse con gli schizzi dei costumi di scena, realizzati nel 1919 per “Il canto dell’usignolo”, opera di Stravinsky, occasione in cui Matisse realizzò anche le scenografie. Le sue fonti di ispirazione si percepiscono anche in alcuni pezzi di mobilio da lui collezionato ed esposto a Villa Fiorentino, importato dai viaggi nordafricani. L’esposizione indaga anche il rapporto tra l’artista e le sue modelle: infatti, Matisse si interessò anche di abiti e di alta moda, si dice che chiamasse le donne “attrici della sua arte”, considerandole il tema principale del suo lavoro. Vengono presentati inoltre dei soggetti particolari del maestro francese, le odalische, per Matisse la sintesi ideale tra la rappresentazione della donna e l’ornamento vegetale o geometrico.

L’itinerario espositivo prosegue con i papiers découpés, un tipo di collage inventato da Matisse, la cuitecnica consiste nel ritagliare il colore per poi applicare le forme ottenute su tela. Al centro di queste opere ci sono il circo ed i suoi protagonisti, la mitologia e le memorie dei viaggi dell’artista. La Cappella del Rosario a Vence è la celebrazione del teatro del sacro, presentata a Sorrento attraverso le sublimi immagini di Andrès Serrano. Molto interessante inoltre la serie di fotografie che sono proposte in forma di wallpapers e che ritraggono il maestro a cura dei grandi fotografi dell’Agenzia Magnum Photos, Henri Cartier Bresson, Philip Halssman e Robert Capa oltre che con immagini degli archivi della Fondazione Aimé et MargueriteMaeght di Saint-Paul de-Vence. In mostra anche due grandi oli del pittore Marco Del Re, in prestito dalla prestigiosa Galleria Maeght di Parigi, dalla serie Villa LesRêves, a Vence dove Matisse è vissuto dal 1943 al 1949. Molto più che un omaggio: Marco Del Re affonda il suo lessico in quello dei grandi maestri del XX secolo per costruire la propria cifra pittorica, Matisse, Bonnard, Braque, De Chirico, Derain.

La mostra è accompagnata da un catalogo Edizioni Fondazione Sorrento e da una linea di merchandising, Sono inoltre previsti incontri di approfondimento con esperti di Matisse.

“La Fondazione Sorrento – commenta l’ad Gaetano Milano – intende coinvolgere il più possibile la città nel progetto Matisse attraverso iniziative che trasformeranno la mostra in occasione di promozione degli operatori e gli operatori in promotori della mostra stessa. In questi primi anni di attività espositiva a livello internazionale abbiamo compreso che la cultura e l’arte sono un volano straordinario per il tessuto economico e sociale della città e in tal senso vogliamo ulteriormente puntare i nostri sforzi”.

“La mostra – commenta il presidente della Fondazione Sorrento Gianluigi Aponte – è frutto di collaborazioni con istituzioni culturali di grande prestigio come il Museo Picasso ma anche la Galleria Maeght e la Collezione Lambert oltre che gli eredi Matisse. Fare rete è una condizione essenziale per giocare un ruolo tra i grandi player dell’arte non solo in Italia ma anche a livello internazionale”.

Informazioni generali

 

Tariffe

Intero 10 euro

Ridotto 6 euro per i gruppi e scolaresche (si intende gruppo un aggregato di almeno 12 persone) e per i giovani dai 11 ai 18 anni compiuti, accompagnatori di diversamente abili

Gratuito per diversamente abili, giornalisti accreditati, bambini fino a 10 anni

 

Orari di apertura

Dal Lunedì alla Domenica

Dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 21

 

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!