Quantcast
Duda Oliveira interroga i nostri spazi sociali con una provocazione sensibile e metaforica nella mostra \'ENREDADOS\' al Centro Cultural Correios RJ

Duda Oliveira interroga i nostri spazi sociali con una provocazione sensibile e metaforica nella mostra ‘ENREDADOS’ al Centro Cultural Correios RJ

21/10 » 04/12/21

EVENTO GRATUITO
: - Inizio ore 12:00h - Fine ore 19:00h

Duda Oliveira interroga i nostri spazi sociali con una provocazione sensibile e metaforica nella mostra ‘ENREDADOS’ al Centro Cultural Correios RJ

A cura di Carlos Leal e testo critico di Patricia Toscano,
lo spettacolo propone narrazioni poetiche emergenti sulla nostra volontà.

Il Centro Culturale Correios Rio de Janeiro apre la mostra “ENREDADOS”, una nuova mostra personale dell’artista Duda Oliveira, che si svolge il 21 ottobre alle 17:00. La mostra presenta, come risultato della sua ricerca artistica, un insieme di 12 opere composto da 6 sculture e 6 dipinti astratti di grande formato che dialogano tra organicità marittima e matericità industriale. Il corpo del lavoro contestualizza narrazioni poetiche filosofiche costruttive e mette in discussione le trame sociali sistemiche umane. La mostra è curata da Carlos Leal, con un testo critico di Patricia Toscano e resterà allestita fino al 4 dicembre 2021.
Figlia di padre pescivendolo e madre ricamatrice, oltre alla sua formazione artistica, Duda Oliveira esercita diritto ambientale e si batte nell’arte, incrociando i suoi talenti. La sua produzione artistica è ispirata e influenzata dalle intuizioni filosofiche di vari pensatori tradizionali e contemporanei, dalle opere di Jorge Amado e dall’arte della pesca nella baia di Guanabara. Artista visivo contemporaneo, di Nitero, che ha studiato arte sperimentale alla Scuola di Arti Visive del Parque Lage e Storia dell’Arte e dell’Architettura del Brasile, a Puc/Rio. Dal 2018 presenta la sua arte a un ritmo intenso di mostre. Le opere dell’artista stanno guadagnando importanza nelle fiere internazionali in Germania, Lussemburgo, nelle sale culturali in Portogallo, nei musei MASP e MAC Niterói, tra gli altri importanti spazi culturali in Brasile e all’estero.
In una provocazione sensibile e metaforica, l’artista allude con le sue opere alla pesca d’assedio, una pesca che utilizza lo strumento sarrico per formare la rete in cui la scuola non può disfarsi e abbandonare.
‘ENREDADOS’ ci invita a riflettere sulle reti che ci circondano, politiche, sociali, umane, digitali ed economiche, che mirano a raggiungere l’eccellenza dei più grandi e dei migliori. La riflessione è su quanto prepariamo e desideriamo essere dentro questa sarricata come il miglior raccolto di questo pesce, per qualcosa o qualcuno di cui non siamo nemmeno consapevoli.
Al di là delle scelte che tessono l’umanità in un filo di appartenenza tra ‘essere’ e ‘avere’, l’individuo fa parte di un gruppo dove la scelta viene prima ancora di scegliere, dove si definisce prima di riflettere e proporre la propria volontà in qualsiasi ambito collettivo .
Questo processo di primato viene sempre portato avanti e la mostra approfondisce questa riflessione chiedendosi “Cosa si qualificherebbe come il migliore?”.
Nell’opera “Enredados”, il cui nome è il titolo della mostra, si trovano teoricamente quelli selezionati, ma allo stesso tempo si assiste ad un’inversione di valori rispetto a quanto prioritário.
Che cosa è selezionare e buono? Cosa diventiamo veramente per essere qualificati? Queste opere di Duda Oliveira dialogano incessantemente in questo universo, le opere che portano il blu indaco ci portano a questa illusione. Quanta finzione c’è più della realtà? Cosa è reale e cosa è desiderabile? Cosa resta nel mondo della prospettiva?
“Dotata della fragile forza del suo lavoro artistico, l’interrogativo poetico esistenzialista sui marchi che insistono a rimanere emerge in alcuni oggetti scultorei volutamente consumati. Nelle tele risultanti dalla sua potente espressione pittorica catartica, l’artista riflette quanto i segni striati che portano le nostre storie. Quanti segni portiamo dalle nostre stesse lotte, dal nostro uso, quanti incontriamo? afferma Patricia Toscano, critica d’arte e curatrice specializzata nel connettere gli ecosistemi di arte, tecnologia e innovazione.
In un processo sperimentale, Duda Oliveira immerge il tessuto di tela grezza nella baia di Guanabara piena di derivati del petrolio e scarti di petrolio, il cui riscaldamento e cibo organico hanno stimolato la proliferazione di funghi, risultando in una plastica naturale fumosa caratteristica dei suoi dipinti. Nelle sculture, l’artista dà un nuovo significato al metallo navale, al cemento, alle armature e al legno inutilizzato, nella maggior parte delle opere. Sulla base di questi esperimenti, Duda invita il pubblico a riflettere sul potere esistenziale della vita, della trasformazione e della speranza nel caos.
La domanda si estende alla ricerca della funzionalità negli oggetti e negli esseri umani, come entrambi siano eternamente esplorati pur avendo ancora ‘utilità’. Al contrario, ciò che viene a casa è il surplus, ciò che non soddisfa più quel sistema. Poi c’è la fatica e l’inutilizzabile, tutto ciò che era buono e selezionato è rimasto in quella rete.
Il biglietto per tutta la mostra è gratuito e prosegue dal martedì al sabato, dalle 12:00 alle 19:00, seguendo tutti i protocolli di giene, sicurezza e prevenzione COVID19. Leggi il sonno disponibile online all’indirizzo https://dudaoliveira.crio.gallery.

Sull’artista

Artista visivo contemporaneo, di Nitero, che ha studiato arte sperimentale alla Scuola di Arti Visive del Parque Lage e Storia dell’Arte e dell’Architettura del Brasile, a Puc/Rio. Dal 2018 presenta la sua arte a un ritmo intenso di mostre. Le opere dell’artista stanno guadagnando importanza nelle fiere internazionali in Germania, Lussemburgo, nelle sale culturali in Portogallo, nei musei MASP e MAC Niterói, tra gli altri importanti spazi culturali in Brasile e all’estero.

La visione letteraria e poetica della pesca ha portato lo scultore Duda Oliveira ad avventurarsi nel mondo dell’arte e del diritto ambientale. La vicinanza della scultrice all’universo fattibile della pesca le ha portato anche un forte senso di critica sociale e finalità di difesa dei valori costituiti da questo gruppo. Vent’anni fa ha aderito alla militanza di Diritto Ambientale, specializzandosi in Sociologia politica, per intraprendere in maniera partecipata.
Con la lotta e il duro lavoro stressante di una carriera come avvocato è arrivata la necessità di una terapia alternativa. È così che l’arte è entrata nella sua vita. “Scultura e pittura sono la mia fuga, un momento che è legato solo a me. Ma anche in esso, posso materializzare la pesca. Il mio lavoro principale è un pescatore che lancia la sua rete. La vita mi ha sempre portato da questa parte, in tutti i suoi estremi”, racconta l’artista.
La percezione sensibile dell’artista dialoga con le fragili strutture sociali ignorate dalla società. In questa prospettiva, l’artista guarda semioticamente alle relazioni umane, ne decostruisce lo sfondo e analizza la vita quotidiana delle città.
Così avviene la manifestazione dell’arte contemporanea nell’universo dell’artista, che può essere intuito solo attraverso uno sguardo nuovo su cose che sono sempre esistite e sono sempre state molto vicine alla percezione, ma che sono state plasmate dalle ragioni globali dominanti, limitando l’ambito cognitivo.
L’infanzia dell’artista è stata permeata dall’attività estrattiva dei pesci, memoria di forte reminiscenza nelle sue opere, sempre disegnando paralleli ambientali principalmente con la Baia di Guanabara e l’intero panorama informativo delle industrie di trasformazione, dei cantieri navali e degli operai.
Le sue opere hanno una risonanza intuitiva. DI. crede che non ci sia artista senza l’altro. I dogmi e le teorie non sviluppano il potenziale della percezione. È necessario avere un occhio sensibile per tutto ciò che è semplice, calmo e generoso.

Sulla cura

Carlos Leal, editore di libri d’arte, collezionista di foto e curatore. Nel 2002 ha fondato Barléu Edições, dedicato esclusivamente alla fotografia e all’arte contemporanea, dove ha curato circa 100 libri d’arte, tra cui Alberto Chateaubriand Collection e MAM Internacional Collection.

Ha curato più di 800 autori di letteratura e di interesse generale, tra cui Antonio Callado, Darcy Ribeiro, Mario Vargas Llosa e Wilson Martins. Dopo quasi 10 anni trascorsi tra l’Europa e New York, dove ha studiato alla NYU, è tornato a Rio nel 1991 e, nel 1993, ha assunto la direzione dell’editora Francisco Alves, divenendone il principale azionista. Ha iniziato la sua carriera presso la Livraria Francisco Alves editora, nel 1975, come assistente editoriale. È stato redattore della casa editrice dal 1978 al 1981.

Sulle critiche

Patricia Toscano è curatrice, critica e consulente d’arte. Scrive e ha pubblicato testi, svolge consulenze, progetti, mostre ed esperienze immersive. Fondatore di CRIO.ART | #artplatform, uno stratega specializzato nel connettere gli ecosistemi di arte, tecnologia e innovazione, con competenze in economia creativa, antropologia dei consumatori, ricerca e analisi di trend dirompenti, market intelligence e trasformazione digitale. Laureato in Design con un diploma post-laurea in curatela e critica d’arte presso l’Istituto di Ricerca Universitaria di Rio de Janeiro (IUPERJ) e EAV Escola de Artes Visuais do Parque Lage; specializzazione in Design Thinking and Technology; Imprenditorialità e Innovazione; MBA in Ecommerce e Pianificazione strategica e Project Management e nuovi modelli di business digitali e ibridi.
Nel 2014 è stato premiato da Shell Live Wire con il riconoscimento UNESCO e UBI Index. Riconosciuto anche come uno dei TOP10 tra i 100 promettenti progetti e modelli di business dal Movimento 100 Open Startups Innovation e da Rio Criativo | Startup Rio della Segreteria per la Scienza, la Tecnologia e l’Innovazione del Governo di Stato e il programma Inovativa Brasil del Ministero dell’Economia dal 2015 al 2017.
In arte, ha studiato filosofia, psicoanalisi, critica e storia dell’arte e la sua formazione è stata con maestri rinomati come Paulo Sérgio Duarte, Fernando Cocchiarale, Anna Bella Geiger e Max Perlingeiro.
Durante la sua traiettoria, ha realizzato più di 40 progetti e attività strategiche ibride in Brasile e all’estero con vari artisti, gallerie, istituzioni e organizzazioni nella sfera pubblica e privata, come: Dipartimento della Cultura dello Stato di Rio de Janeiro, Dipartimento della Cultura Municipale, Museo e Centro Culturale Correios, Ministeri delle Comunicazioni del Governo Federale, Casa de Cultura Laura Alvim, Midrash, Petrobras, Bradesco, SulAmerica, Sebrae, Redetec, W/Brasil, F/Nazca, Thales Group, Bioargo Group, Actelion, Alupar, Claro, Skol, Nike, Itaú, Pampers, Globo, Merk, Agência Nacional, Abdan, tra gli altri. I suoi lavori e realizzazioni più recenti in mostre personali e collettive, aste e progetti artistici tra il 2017/2020: ‘Contrapontos’ – SV Gallery NY e SP; ‘Oriental Brush’ – Centro Culturale Correios RJ; ‘L’Arte il sensu dela vitta’ – Museu Correios Brasília; ‘Astrattismo Geometrico Assoluto’ – Circolo Italo-Brasiliano/Ambasciata e Consolato d’Italia SC; ‘O Negócios da Alma’ – Centro Culturale Correios RJ; ‘Intersections Poéticas’ – curata insieme a Fernando Cocchiarale e partecipazione di Anna Bella Geiger come artista ospite, al Pier Mauá; ‘Diversità e Contaminazione’ – Centro Cultural Correios RJ; asta “L’arte che ci unisce”; progetto “Foto Pro Rio”; ‘Vertígios’ e ‘Visual Parabolas’ – Centro Cultural Correios RJ;

Sullo Spazio

Il Centro Culturale Correios Rio de Janeiro si trova in Rua Visconde de Itaboraí, 20, nel centro della città. Integra il Corridoio Culturale, avendo come vicini la Casa França Brasil, accanto, e il Centro Culturale Banco do Brasil, di fronte.
L’edificio fu inaugurato nel 1922. Le linee architettoniche della facciata, in stile eclettico, caratterizzano l’edificio di inizio secolo, costruito per ospitare una scuola del Lloyd Brasileiro. Ma ciò non avvenne e l’edificio fu utilizzato, per più di 50 anni, per il funzionamento delle unità amministrative e operative delle Poste. Negli anni ’80 la struttura è stata disattivata per lavori di ristrutturazione, venendo riaperta il 2 giugno 1992, parzialmente restaurata, per accogliere la “Mostra Ecologica 92”, evento che fa parte del calendario della Conferenza delle Nazioni Unite sull’Ambiente – RIO 92 .
Da allora, il Centro Culturale Correios ha segnato la presenza dell’istituzione in città promuovendo eventi in vari settori, come teatro, video, musica, arti plastiche, cinema e altre attività volte a integrare la popolazione di Rio con varie forme di espressione artistica .
Le sue strutture, adatte a realizzare un programma diversificato, occupano interamente i 3.480 m2 dell’area dell’edificio. Il Centro Culturale Correios Rio de Janeiro ha tre piani collegati da un ascensore, anch’esso di inizio secolo, da cui si può avere una vista panoramica di tutto l’ambiente interno. Al piano terra si trova il Teatro con 320 m² e una capacità di 200 persone. Sempre al piano terra è presente una Pinacoteca per piccole mostre. Al secondo e terzo piano si trovano dieci sale espositive, con infrastrutture e illuminazione adatte a grandi eventi.
Il Centro Culturale Correios dispone anche di un Bistro, aperto durante le ore di eventi. Praça dos Correios – un’area di circa 1.300 m² all’aperto, con superficie d’acqua e supporto di un guscio acustico, che può ricevere un vasto pubblico per eventi all’aperto.
Il sito riceve una media annua di 400mila visitatori e promuove circa 50 eventi, con svariate attrattive di teatro, musica, danza, cinema e video, oltre a mostre di vario genere.

Servizio

ENREDADOS
• Artista: Duda Oliveira
• Curatore: Carlos Leal
• Testo critico: Patricia Toscano
• Apertura: 21/10-17:00
• Periodo: dal 21/10 al 04/12/2021
• Orari di apertura: dal martedì al sabato, dalle 12:00 alle 19:00, seguendo tutti i protocolli di igiene, sicurezza e prevenzione COVID19.
• Ubicazione: Centro Culturale Correios Rio de Janeiro
• Indirizzo: Rua Visconde de Itaboraí, 20 – Centro – Rio de Janeiro
• Contatto della sede: 21 2253-1580
• Contatto su artista, opere e mostra: 21 2018-5570 / 99964-1932 (Te/Cel/WhatsApp)
• Contatto stampa: 21 2018-5570 / 99964-1932 / pr@crio.press (Assistenza /c.press)
• Sito Web: https://dudaoliveira.com/
• Instagram: @dudaoliveiraartista
• Galleria online: https://dudaoliveira.crio.gallery
• Realizzazione: CRIO.ART
• Sostegno: Cultural Ventania, Centro Culturale Correios, Ministero della Scienza, Tecnologia, Innovazioni e Comunicazioni e Governo Federale.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!

Translate »