Quantcast

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Visti per l’America: quanto costano? Una guida per categorie

Qual è il costo del visto per gli Stati Uniti? È una domanda che chiunque si sia trovato a organizzare un viaggio in America si è certamente fatto davanti a documenti da far arrivare in ambasciata, richieste da inoltrare via posta ai consolati e via di questo passo. Rispondere è meno semplice di quanto si immagini, per lo più in virtù del fatto che quando si parla di visti per l’America si fa riferimento in realtà a una serie piuttosto variegata di documenti. A seconda di tipologia, durata e modalità di richiesta i prezzi dei permessi di viaggio per gli Stati Uniti possono essere infatti molto vari e, per questo, più che definire un range medio vale la pena guardare nel dettaglio a quanto costano le autorizzazioni di viaggio USA richieste più frequentemente.

Dall’ESTA ai visti B1 e B2, quanto costano i permessi di viaggio per l’America

A partire dall’ESTA: il visto elettronico per gli USA può essere richiesto, direttamente online sui siti delle autorità competenti, ogni volta che ci si rechi in America per piacere, in visita turistica, a trovare amici, familiari o conoscenti lì residenti o domiciliati o per ragioni di business (ma, no, senza che si abbia intenzione di cercare lavoro negli Stati Uniti). Più che un vero visto è un’autorizzazione temporanea, necessaria anche quando si abbia semplicemente bisogno di transitare nel Paese, per uno scalo aeroportuale per esempio. L’ESTA è tra i visti per l’America più economici: il suo prezzo si aggira infatti intorno ai 70 dollari (poco meno di 70 euro), ma si può approfittare di “tariffe” agevolate se, per esempio, si fa una richiesta collettiva di ESTA nel caso in cui si viaggi in gruppo o con la propria famiglia. Come la richiesta e l’esito positivo o negativo che viene comunicato direttamente via mail, anche il pagamento dell’ESTA si può effettuare direttamente online e tramite carta di credito.

Anche chi viaggi verso gli States per ragioni turistiche potrebbe aver bisogno di chiedere permessi diversi dalla semplice autorizzazione di viaggio elettronica: perché di una nazionalità diversa da quelle che permettono di richiedere l’ESTA, perché ha da poco visitato Paesi che sono causa di esclusione dallo stesso programma, perché non rispetta altri requisiti personali (legati alla fedina penale, eccetera) o ha bisogno di mantenersi nel Paese per più di sei mesi. I visti turistici per l’America più richiesti sono, in questi casi, il B1 e il B2: la domanda va inoltrata all’ambasciata americana più vicina, i tempi per ottenere l’esito si allungano ma sono soprattutto i prezzi di queste autorizzazioni di viaggio USA a essere superiori. I visti B1 e B2 costano, infatti, tra i 150 e i 200 dollari americani. Vale la pena sottolineare che il loro corso di validità è di 10 anni e non di due come per l’ESTA: potrebbe essere, cioè, una spesa ammortizzata nel tempo soprattutto se si prevede di avere necessità di recarsi più volte nel Paese.

I visti per l’America più costosi in assoluto sono, comunque, i visti lavorativi e che permettono di ottenere la Green Card. Considerata la varietà e la complessità di sottocategorie, soprattutto in questo caso è difficile individuare un range medio ma si può dire per certo che il prezzo è quasi sempre superiore ai 200 dollari.

Più informazioni su

Commenti

Translate »