Quantcast

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Uno sport con la sigaretta elettronica? Alla scoperta del cloud chasing

Bellissimi da vedere, stanno spopolando sul web i video e le attività di chasing clouds, divenuto un vero e proprio sport che appassiona i più giovani. Gli inseguitori di nuvole sono svapatori capaci di soffiare vapori voluminosi, nuvole di svapo enormi che durano molto a lungo e che possono anche assumere forme specifiche.

Al di là dell’agonismo, delle gare e delle belle immagini online, svapare una bella nuvola fa parte della soddisfazione intrinseca dello svapo, per cui riuscire ad ottenerla è d’interesse di molti.

Che cos’è il Cloud Chasing

Con il termine cloud chasing si indica la modalità di svapo attraverso la quale è possibile creare grandi e dense nuvole di vapore.
Questo tipo di vaping si basa sull’uso di liquidi con una concentrazione di glicerina vegetale più alta rispetto alle soluzioni standard, che presentano la percentuale 50-50%. Tale composizione, permette di emettere una maggiore quantità di vapore dalla sigaretta elettronica.

Oltre a ciò, il tutto viene supportato anche da:

  • resistenze con fili dallo spessore più grande rispetto agli standard;
  • batteria dai wattaggi molto elevati, ad esempio 16650;
  • dripper, ecco perché vengono scelti atomizzatori in grado di adattarsi a questo sistema di svapo;
  • hardware e setup appositi, così da fornire in continuità una quantità maggiore di ampere in scarica senza destabilizzarsi;
  • atomizzatori ariosi.

Il risultato ottenuto è un vapore molto denso e caldo, prodotto in grande quantità, in grado di assicurare un notevole hit di gola. Al contempo, questa caratteristica permette di non penalizzare l’aroma, anche se la percentuale presente è bassa o si opta per una base neutra.

Come detto in precedenza, vengono usati per lo più liquidi con un elevato contenuto di glicerolo vegetale, ma esistono alcuni fluidi che garantiscono migliori risultati con il cloud chasing. Tra questi, vi sono i liquidi pronti dal sapore dolce e quelli vanigliati custard. Invece, sono poco adatti gli e-liquid tabaccosi e quelli contenenti nicotina.

Questa modalità di svapo non ha origini ben definite, sebbene alcune fonti indichino la West Coast degli Stati Uniti come la regione di provenienza del cloud chasing. Partendo dalle esigenze di un piccolo gruppo di svapatori, Hon Lik, l’inventore dell’e-cig, cominciò a pensare nel 2015 a un nuovo sistema di svapo.

Ad oggi, sul mercato si trovano numerosi modelli di atomizzatori e box mod, in grado di supportare questa modalità. Inoltre, con il tempo, sono stati sviluppati appositi kit per il cloud chasing.

Le ragioni alla base della scelta di questa tecnica possono essere diverse. Si va dal considerare il cloud chasing una soluzione per il vaping più divertente, oppure un’opportunità per competizioni sia tra amici che ufficiali. Infatti, i vapers si sfidano tra loro a creare nuvole sempre più grandi e dalle forme inconsuete.

Come partecipare e come funzionano le gare

Per poter partecipare a queste gare, gli svapatori devono inviare la loro richiesta di iscrizione. Il più delle volte, gli eventi vengono promossi sul web o presso gli store di sigarette elettroniche.
I partecipanti devono necessariamente essere maggiorenni: questo è uno dei requisiti imprescindibili, poiché la e-smoke non dovrebbe essere utilizzata dai minorenni.

Alla fine della registrazione, lo svapatore dovrà anche rendere nota la marca della sua sigaretta elettronica e il giorno della gara tutti i partecipanti si dovranno presentare nel luogo dove viene organizzato l’evento.

L’evento è composto anche dal pubblico, generalmente costituito da altri svapatori, molti dei quali sono alle prime armi, così come da una giuria di esperti, rappresentativi delle diverse marche di sigarette elettroniche.

Tutto quello che uno svapatore dovrà fare, sarà dimostrare la sua abilità nel produrre una nuvola di fumo, dopo aver svapato: secondo la tipologia di gara, la competizione viene strutturata con prove eliminatorie oppure su classifica unica.

La tecnica del cloud chasing

La tecnica corretta per produrre nuvoloni può richiedere mesi di pratica. Sono necessari una giusta postura del corpo, la corretta inspirazione e la tecnica di espirazione.
Non servono solo prodotti di qualità e una vasta conoscenza della legge di Ohm. Per diventare un cloud chaser, bisogna perfezionare la tecnica di inspirazione ed espirazione. Per esempio, se si vuole creare una grande nuvola densa, il segreto è espirare lentamente.

I rischi del cloud chasing

Parlare di rischi per questo genere di sport, può sembrare strano, eppure esistono.
Tra i pericoli che si possono incontrare, il principale è dovuto al surriscaldamento del dispositivo. Questo perché la durata della batteria e l’atomizzatore sono due elementi chiave della produzione cloud di successo. La produzione di nuvole richiede maggiori quantità di calore, il che significa che batterie di voltaggio più alto possono provocare inaspettate esplosioni.

Altro aspetto da sottolineare è che spesso i vapers che ricercano il cloud chasing, tendono a modificare i propri dispositivi per massimizzare l’erogazione del vapore. E la modifica dell’hardware è sicuramente un fattore di rischio. Fortunatamente però, le moderne componenti di personalizzazione delle sigarette elettroniche su Svapostore o vendute su altri store online e negli shop fisici, sono controllate dalla CE e i rischi di incidenti sono davvero minimi.

Tuttavia, il cloud chasing non è una pratica per principianti. Non bisogna precipitarsi a cercare di voler partecipare a queste gare senza aver prima rispettato tutte le norme di sicurezza.
Per chi è agli inizi, si consiglia di chiedere sempre a chi ne sa di più e svapa da tanto tempo.

Il premio delle gare di cloud chasing

Trattandosi di uno sport nato quasi sicuramente negli Stati Uniti, ed essendo gli americani abbastanza competitivi, non poteva di certo mancare il premio finale, che viene consegnato al vincitore e ai migliori classificati della competizione.

Il premio per il vincitore è, generalmente, una somma di denaro abbastanza elevata, spesso accompagnata da qualche accessorio per la svapo.
Anche gli altri classificati ricevono degli accessori, come atomizzatori, custodie o nuovi liquidi, così come dei buoni che possono essere spesi presso i negozi del brand che decide di organizzare queste competizioni.

Visti i diversi premi che vengono attribuiti ai vincitori, le gare di svapo hanno molto successo sul territorio americano, dando vita a degli eventi sportivi seguiti da un vasto pubblico.

Più informazioni su

Commenti

Translate »