Quantcast

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Un gruppo di 18.000 donazioni di sangue contribuisce alla stabilità delle scorte di sangue in Corea del Sud

La carenza di sangue dovuta al COVID-19 si è verificata in tutti i Paesi del mondo. A gennaio, la Croce Rossa americana ha dichiarato “una crisi nazionale del sangue”, mettendo a rischio la cura dei pazienti. A marzo, l’organizzazione no-profit Memorial Blood Centers (MBC), con sede negli Stati Uniti, ha dichiarato l'”emergenza” sangue a causa della mancanza di scorte di sangue di tipo 0 con una disponibilità di soli 1-2 giorni e ha fatto appello alla partecipazione della cittadinanza per una singola donazione di sangue che può salvare fino a tre vite.

Secondo la Croce Rossa, il sangue viene utilizzato per diversi scopi, tra cui lesioni gravi causate da incidenti, interventi chirurgici, anemia, parto e trattamento del cancro. Ma poiché il sangue non può essere prodotto artificialmente, gli esperti sostengono che l’unica soluzione alla carenza di sangue è la donazione.

In Corea del Sud, in collaborazione con l’organizzazione non governativa HWPL, 18.000 membri della Shincheonji Chiesa di Gesù e della HWPL hanno partecipato alla donazione di sangue per due settimane a partire dal 18 aprile. Questo numero è stato registrato come la più grande donazione di sangue di gruppo del Paese.

Namsun Cho, responsabile dei servizi trasfusionali della Croce Rossa Coreana, ha dichiarato: “Quando l’impatto dell’Omicron ha raggiunto il suo picco, la Shincheonji Chiesa di Gesù ha promosso una donazione di sangue su larga scala. È stato come la pioggia durante la siccità. Siamo sorpresi che il numero di donatori abbia superato i 6.000 in 3 giorni e che più persone abbiano partecipato. Apprezziamo la loro dedizione vitale”.

“Hanno fatto davvero un ottimo lavoro nell’attività di coinvolgimento per una causa vitale. Questa portata equivale a un corpo militare che dona sangue per un anno. Il numero di donatori di sangue è quasi quattro volte superiore a quello di un giorno normale, un grande aiuto per superare l’attuale crisi delle scorte di sangue”, ha dichiarato un funzionario del Servizio trasfusionale.

“Apprezziamo anche i membri della Chiesa di Gesù di Shincheonji che hanno partecipato alla donazione di plasma a livello nazionale per lo sviluppo di un trattamento per il COVID-19 nel 2020”, ha aggiunto.

In Corea del Sud, ai donatori di sangue vengono rilasciati certificati di donazione. Il certificato può essere utilizzato al momento del pagamento di una trasfusione di sangue, in modo da detrarre il costo della trasfusione ai pazienti. Anche tutti i donatori della Chiesa di Gesù di Shincheonji e dell’HWPL hanno donato i loro certificati per alleviare l’onere finanziario dei pazienti che hanno bisogno di sangue per le cure.

La Chiesa di Gesù, Shincheonji, con sede a Gwacheon, in Corea del Sud, contribuisce alle comunità attraverso attività di volontariato, tra cui donazioni di plasma e sangue, nonostante la chiesa abbia sofferto molto per la fase iniziale della pandemia da COVID-19.

L’HWPL, con sede a Seoul, Corea del Sud, è un’organizzazione non governativa del Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite e del Dipartimento per la comunicazione globale, che porta avanti progetti di pace a lungo termine attraverso l’istruzione, i soccorsi e processi di crescita dei giovani, basati sulla solidarietà con la società civile e le organizzazioni internazionali in 193 Paesi.

Un gruppo di 18.000 donazioni di sangue contribuisce alla stabilità delle scorte di sangue in Corea del Sud

 

 

Commenti

Translate »