Quantcast

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Tassi e conto deposito: come calcolare il rendimento

Il conto deposito rappresenta una soluzione decisamente interessante per coloro che desiderano trarre un profitto dai propri risparmi, senza correre rischi connessi a investimenti ed altre operazioni più complesse. In sostanza, il conto deposito si può considerare una sorta di salvadanaio all’interno del quale si inseriscono i propri soldi, con la differenza che dopo un certo periodo di tempo si ricava un guadagno extra. Scopriamo più nel dettaglio come funzionano i vari conti deposito, quali opzioni esistono attualmente e come calcolarne il rendimento.

Cos’è e come funziona il conto deposito

 Il conto deposito è un prodotto finanziario che normalmente viene collegato ad un conto corrente tradizionale e che consente di mettere da parte i propri risparmi, per trarne un certo profitto. La particolarità di questo prodotto finanziario sta proprio nel fatto che l’istituto di credito applica degli interessi, che vengono maturati con il passare del tempo e consentono all’intestatario del conto di incrementare i propri risparmi.

Le diverse tipologie di conto deposito

 È importate precisare che i conti deposito non sono tutti uguali. Innanzitutto, ogni banca propone dei tassi differenti e questo è un primo aspetto da valutare nel momento della scelta. In secondo luogo, bisogna considerare che esistono due tipologie principali di conto deposito: quello libero e quello vincolato. Vediamo brevemente quali sono le differenze.

Conto deposito vincolato

 Il conto deposito vincolato prevede che non sia possibile prelevare il proprio denaro prima di un determinato periodo di tempo. In questo caso, i tassi d’interesse sono più elevati dunque il rendimento è superiore ma non si può in alcun modo avere accesso al capitale, pena la perdita o riduzione dei guadagni maturati.

Conto deposito libero o non vincolato

 Il conto deposito libero, invece, non prevede alcun vincolo, il che significa che è possibile prelevare il proprio denaro in qualsiasi momento. Gli interessi che è possibile maturare sono tuttavia inferiori, dunque il rendimento di un conto deposito di questo tipo non è particolarmente elevato.

Come calcolare il rendimento di un conto deposito

Poiché si tratta di un prodotto finanziario il cui scopo è quello di garantire un determinato guadagno, prima di aprire un conto deposito conviene sempre calcolare l’effettivo rendimento che si può ricavare. Si tratta di un’operazione che non si può certamente considerare semplice, in quanto devono essere effettuati dei calcoli matematici ben precisi ed il rischio di commettere qualche errore deve sempre essere messo in preventivo. Per questo vale la pena calcolare il rendimento del conto deposito mediante gli strumenti messi a disposizione dalla banca. Alcuni istituti di credito, come Santander, consentono di capire velocemente quale sarebbe l’effettivo guadagno del proprio conto deposito utilizzando il calcolatore online. Basta inserire l’importo che si intenderebbe versare e selezionare la durata del vincolo per avere un riscontro in tempo reale sul rendimento.

Il conto deposito rappresenta oggi uno tra gli strumenti di risparmio più utilizzati dagli italiani, perché semplice da aprire e assolutamente sicuro. È sufficiente trovare la soluzione più conveniente confrontando i tassi d’interesse ed il gioco è fatto: si può contare su un rendimento garantito.

Più informazioni su

Commenti

Translate »