Quantcast

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Realizzare un mobile in stile Shabby Chic

La bellezza dello stile “trasandato”

Abbiamo dei mobili antichi che non utilizziamo più ma a cui desideriamo dare una seconda vita? Ci piace lo stile rustico e trasandato tipico dei mobili Shabby Chic? Ma soprattutto, non ci spaventa l’idea di cimentarci in un lavoro manuale che comporta un po’ di fatica ma ripaga con grandi soddisfazioni?

Allora non perdiamo altro tempo ed andiamo a vedere tutto quello che c’è da sapere per realizzare il nostro mobile in stile Shabby Chic.

L’occorrente e la procedura da seguire

Per chi non lo sapesse, la parola Shabby significa letteralmente trasandato. Esso riprende un po’ lo stile delle vecchie case di campagne inglesi. I mobili di questo genere hanno la caratteristica di presentarsi con delle superfici che trasmettono l’dea di un oggetto vissuto, antico e rustico. E’ ideale per conferire originalità e personalità agli interni.

Per ottenere questo effetto sul nostro mobile da restaurare avremo bisogno di: due colorazioni di vernice diverse, potremo scegliere noi se della stessa tonalità, una più scura ed una più chiara, un fondo per legno trasparente, della cera per lucidare il legno, due pennellesse e della carta vetrata.

Per dare un tocco di ricercatezza in più potremmo utilizzare delle copriviti in stile rustico per non lasciare le viti a vista.

Il primo passo da fare è quello di scartavetrare il nostro mobile avendo cura di eliminare tutte le tracce di vernice dalle superfici. Per far questo dovremo utilizzare la carta vetrata. Per velocizzare il lavoro potremmo utilizzare anche una levigatrice.

Successivamente, però, è sempre bene ripassare le superfici a mano, avendo cura di seguire la direzione delle fibre del legno. Nel far questo, facciamo in modo di far risaltare le venature naturali del legno, lasciandole in rilievo.

Una volta che ci siamo assicurati di aver eliminato tutte le tracce di vernice vecchia anche dagli angoli, possiamo stendere il fondo di vernice trasparente che andrà a coprire eventuali tracce di muffa e consentirà una migliore presa alle vernici che stenderemo successivamente.

A questo punto, dopo che il fondo sarà asciutto, possiamo applicare la prima mano di vernice, quella dalla colorazione più scura.

Dopo che anche la mano di prima vernice sarà asciutta, potremo passare delicatamente con un panno la cera trasparente sugli angoli e sugli spigoli del nostro mobile.

Fatto ciò, avremo da eseguire il penultimo passaggio prima del risultato finale. Dovremo infatti passare l’altra mano di vernice, quella con la colorazione più chiara. Anche in questo caso, dovremo aspettare che asciughi per bene seguendo le indicazioni scritte sulla confezione.

Ora non ci resta che prendere la carta smeriglio e dare l’ultimo tocco. Non dovremo far altro che sfregare le parti negli angoli, negli spigoli e dove il legno ci sembra maggiormente in rilievo, come ad esempio in prossimità dei nodi. Questa è la parte del lavoro in cui potremo dare il nostro tocco personale e nel quale decideremo quanto desideriamo rendere visibile la parte sottostante.

Prendiamoci pertanto il tempo e fermiamoci spesso per vedere il risultato onde evitare di esagerare.

Più informazioni su

Commenti

Translate »