Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Positano News Carhartt

Chi pratica lo skateboarding giura che non si tratta solo di uno sport ma di un vero e proprio stile di vita. Non si è skateboarder solo quando si cavalca l’asfalto a bordo della tavola, lo si è sempre, in qualsiasi momento della vita di tutti i giorni.

Partendo da questo, fin dagli anni Novanta il modo di vestire di chi pratica questa disciplina è diventato tendenza, si è espanso a macchia d’olio conquistando anche chi, su queste tavole pensa di non metterci mai piede. Il primo skater a dare vita ad un modo di vestire skate è stato Mike Carroll: erano gli anni ’90 e i suoi pantaloni larghi sotto il ginocchio, le felpe con cappuccio, le t-shirt XXL e i cappellini da baseball spopolavano in tutto il mondo.

Da quel momento, la tendenza skaters è dilagata ed i brand da sempre legati a questo mondo hanno iniziato a uscire dalla nicchia, diventando mainstream e conquistando un pubblico sempre più ampio.

Tra questi spicca Carhartt, che da ormai diversi anni è diventato uno dei brand più apprezzati sia da chi si avvicina allo streetwear sia da chi veste street da quando è partita la tendenza.

Ovviamente, la moda skaters non si è fermata a quella degli anni Novanta ma è in continua evoluzione, tanto che oggi resta poco o nulla dello stile iconico portato alla ribalta da Mike Carroll. L’icona moderna di questa tendenza è Dylan Rieder, un talentuoso ragazzo morto prematuramente, diventato un vero mito. Sportivo d’alto livello e modello di grande fama, Rieder ha chiuso il cerchio, consacrando definitivamente la tendenza skaters. Talentuoso e di grande classe, il campione ha imposto il suo stile con i jeans stretti e la camicia di lino bianca ma, soprattutto, ha sostituito le classiche scarpe da skaters, dall’anima aggressiva e sportiva, con più eleganti mocassini. Grazie a lui, la sottile linea che divideva lo sportwear e fashion è quasi definitivamente scomparsa, aprendo nuovi orizzonti per la moda e per lo stile. I più importanti brand giovani hanno sposato completamente questa tendenza, proponendo collezioni sempre più votate allo stile skaters senza perdere di vista le soluzioni che la moda propone. Ecco, quindi, che Carhartt è diventato un vero punto di riferimento, non più solo per chi pratica e ama viaggiare sullo skateboard ma anche per chi, semplicemente, apprezza lo stile di questa disciplina che, a tutti gli effetti, sta assumendo i caratteri di un vero movimento culturale.

Puoi vedere un assortimento della collezione Carhartt nello Store di Shape Store, e renderti conto come insieme ad altri brand più o meno conosciuti del calibro di Patagonia, Obey, Huf, DC Shoes e Vans prendano ispirazione proprio dalle culture street legate allo skate.

Una tendenza maschile quanto femminile, quella skaters, che sembra destinata a crescere ancora visti gli ampi margini di espansione. Il merito è senz’altro anche dei social network, Instagram su tutti, che contribuiscono in maniera importante alla diffusione di questo fenomeno. Sempre più spesso, infatti, quelli che vengono definiti influencer si mostrano con look decisamente skaters, indossando in brand da sempre legati a doppio filo con questo movimento, Carhartt. Quel che fanno questi giovani è molto chiaro già dal loro nome, influenzano le scelte degli utenti, li trasformano in potenziali clienti diventando per loro fonte di ispirazione per la creazione di outfit alla moda e di tendenza. La moda dei nostri tempi corre sul filo dei social network ma in realtà, le immagini iconiche dello stile skaters, anche se ancora agli albori, risalgono a oltre 40 anni. In particolare, c’è un’immagine che più di tutte è rimasta impressa nella memoria degli amanti dello stile e ritrae la leggendaria Farrah Fawcett, che nel 1976 posava sicura davanti all’obiettivo a bordo di uno skateboard, con ai piedi un paio di sneakers Nike. Un’immagine che, a ben vedere, potrebbe benissimo essere stata scattata negli anni Ottanta, Novanta, Duemila o oggi stesso, talmente è moderno lo stile e il contesto. Farrah Fawcett nel 1976 percorreva i tempi: all’epoca non c’erano i social network e Mike Carroll aveva solo un anno ma, proprio quella fotografia, lasciava presagire che qualcosa di nuovo si stava preparando all’orizzonte. Nei Paesi del Sol Levante, una vera icona femminile della cultura skaters è la sud-coreana Ko Hyojoo, che sul suo profilo Instagram (che vanta ben 460 mila follower) si mostra nella pratica di interessanti evoluzioni a bordo della sua tavola longboard, sfoggiando di volta in volta look accattivanti e ricercati, da cui prendere spunto per outfit particolari, senza necessariamente dover salire su una tavola da skate per essere notati.
Dal continente americano fino ad arrivare a quello asiatico, passando per l’Europa e spingendosi fino all’Australia, la tendenza skaters ha ormai invaso le nostre città. I più appassionati sono senz’altro i giovanissimi, vero motore di questo movimento culturale. Già dagli 8-10 anni i ragazzi iniziano a scegliere e a seguire la moda, spesso la interpretano a loro piacimento, ma cercano sempre dei modelli da cui prendere esempio. Inoltre, quando i giovanissimi si avvicinano in tenera età a questa tendenza, difficilmente si tratta di un fenomeno passeggero ma tendono a conservarne aspetti ed elementi anche in età adulta. D’altronde, lo stile di Dylan Rieder ha fatto scuola nel mondo e i suoi look sportivi ma ricercati, casual e raffinati, si prestano anche per essere indossati in ambito lavorativo in contesti non formali, per giornate e serate all’insegna del relax. Il merito va senz’altro anche ai brand che in questi anni hanno seguito l’evoluzione della moda skaters, proponendo capi sempre più funzionali per la pratica dello skateboarding ma, al tempo stesso, versatili e pratici per gli outfit di tutti i giorni.

Carhartt è senz’altro uno dei brand che ha saputo meglio interpretare i cambiamenti della cultura skaters con i suoi capi, che possono essere scoperti visitando il sito shapestore.it, uno dei punti di riferimento principali in Italia per acquistare capi ed attrezzatura per lo skateboarding delle migliori marche.

Carhartt è senz’altro uno dei brand storici dell’e-store Shape Store ma non è sicuramente l’unico disponibile, anzi. L’assortimento è molto ampio e prevede prodotti e capi d’abbigliamento dei marchi più rappresentativi e apprezzati dello skateboarding: Dime mtl, Rip N Dip, Globe sono solo alcuni dei brand rappresentati nel negozio virtuale Shape Store, dove vengono proposte anche tavole da skate ed accessori dei migliori marchi.

Scarpe, pantaloni e magliette, ma anche camicie, felpe e giacche costituiscono il cuore dell’assortimento Shape Store, che oltre all’e-commerce ha aperto diversi punti vendita sul territorio, per offrire un’esperienza d’acquisto completa e soddisfacente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.