Quantcast

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Pesticidi e metalli pesanti trovati nei fiori di “Cannabis Light” italiana

Ricercatori italiani hanno trovato oltre 150 diversi pesticidi e un alto numero di metalli pesanti nei fiori di canapa coltivati in Italia, diventando una grande preoccupazione per il mercato della canapa. Lo studio fatto dall’Istituto Superiore di Sanità ha mostrato che circa 27 campioni su un totale di 31 provenienti da diverse località contenevano da 0,01 a 185 microgrammi di insetticidi o fungicidi per grammo di fiore.

L’Istituto della Salute ha affermato che questi livelli di contaminazione sono estremamente tossici e sono necessarie azioni per proporre misure di regolamentazione per cercare di ridurre questo tipo di contaminanti nei fiori di “Cannabis light”.

Trovati quasi 10 diversi metalli pesanti

I fiori testati hanno mostrato che il contenuto di cannabinoidi era sotto il limite italiano dello 0,6% di THC e i livelli di CBD variavano tra lo 0,3% – 8,65% ma il test ha anche trovato almeno 9 diversi metalli pesanti nei fiori.

Nonostante l’Italia non abbia leggi riguardanti i prodotti a base di cannabis, gli standard statunitensi della cannabis sono stati usati come parametri di riferimento, e i seguenti metalli pesanti sono stati trovati in quantità superiori ai limiti normativi statunitensi: Arsenico, Cadmio, Cobalto, Cromo, Mercurio, Rame, Molibdeno, Nickel e Vanadio che possono essere tossici se inalati o ingeriti per via orale.

Abbiamo bisogno di una legislazione

La canapa fumabile (alias Cannabis light in Italia) è tra i mercati più lucrativi e in più rapida crescita dell’industria della cannabis. Dal 2017, la cannabis light pre-rollata ha iniziato a farsi vedere in Italia e da allora le vendite non hanno smesso di crescere. Gli investitori della cannabis light sostengono che la canapa fumabile ha bisogno di regolamenti simili a quelli del tabacco per evitare il mercato nero e prevenire i contaminanti nei prodotti.

Esiste una proposta che riguarda la sicurezza dei consumatori

Il gruppo industriale Agricoltori Italiani, Confagricoltura e Feder Canapa ha proposto diverse regole per garantire la sicurezza dei consumatori, già nel 2018. Queste regole raccomandano alcune pratiche per la selezione dei semi di cannabis, la semina, la raccolta e la lavorazione della cannabis light, ma queste linee guida sono volontarie e in nessun modo obbligatorie. L’Istituto Superiore di Sanità è l’ente scientifico leader nella ricerca, nelle prove e nei controlli e offre formazione e consulenza e l’Italia guida la ricerca sulla canapa in Europa per quanto riguarda la capacità della canapa di rimuovere le sostanze inquinanti dal suolo e degradare i composti organici per arricchire il terreno.

La legalizzazione potrebbe essere un errore

Nonostante la soluzione di diversi problemi, come i metalli pesanti alla luce della cannabis, gli oppositori della depenalizzazione hanno creato un comitato e presentato 630.000 firme, 130.000 oltre la quantità necessaria perché il comitato sia ascoltato.

Il comitato dice che non lo stanno facendo per se stessi, ma piuttosto per i giovani che potrebbero essere esposti alla cannabis se diventasse legale, affermando che non si oppongono alla legalizzazione ma vogliono aumentare la consapevolezza che la legalizzazione non è la soluzione.

Essi sostengono anche che la legalizzazione non aiuterà a combattere il mercato nero ma piuttosto renderà possibile al mercato nero di diventare legale e vendere cannabis legalmente e che le droghe più forti come la cocaina e l’eroina dovrebbero essere prese in considerazione prima.

Gli attivisti dicono che legalizzare la cannabis potrebbe mandare il messaggio sbagliato e le giovani generazioni potrebbero pensare che la cannabis sia innocua, preoccupandosi che presto, comprare droga diventerà come comprare caramelle, il che può portare ad un aumento dei tossicodipendenti e dei crimini legati alla droga in Italia.

Questo gruppo anti-legalizzazione non appartiene a nessun partito politico, ma ha già oltre 60 sedi in tutta Italia e tiene eventi nelle scuole e nelle università, nonostante non sia associato a nessun partito politico, il gruppo è attualmente sostenuto dai partiti italiani di destra e di centro-destra.

Proprio come in altri paesi europei, la legalizzazione è proprio davanti a noi, ma la politica si sta mettendo in mezzo, quindi potrebbe volerci molto più tempo del previsto perché le persone possano godere del loro diritto di consumare cannabis.

Più informazioni su

Commenti

Translate »