Quantcast

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Mondo crypto: dalle migliori piattaforme del momento alle criptovalute da monitorare oggi

Il mondo Crypto, sulla scia dei buoni risultati ottenuti nel corso dell’anno appena concluso, è riuscito ad avvicinare al settore molti nuovi risparmiatori, tuttavia le prime battute del 2022 non si sono rivelate all’altezza delle aspettativa: difatti, quasi tutti i token sono stati interessati da violente prese di beneficio e i prezzi di svariati sottostanti hanno registrato performance negative a doppia cifra. Anche se questo improvviso aumento di volatilità, che ha colto un po’ di sorpresa gli investitori, ha deteriorato il sentiment degli holders, per gli amanti della speculazione ha rappresentato una ghiotta occasione per imbastire strategie di trading, che sfruttano il deprezzamento di uno strumento finanziario attraverso l’uso della vendita allo scoperto. Un aspetto interessante che riguarda gli asset digitali consiste, infatti, nella possibilità di attuare differenti approcci operativi a seconda delle circostanze.

Gli investitori hanno la possibilità di sfruttare due modalità di accesso al mercato: gli exchange ed i broker online. I primi sono i borsini decentralizzati su cui si incrociano le proposte di negoziazione di coloro che vogliono acquistare direttamente un token. Si tratta di società non regolamentate -ma la normativa è continua evoluzione- che consentono di trarre vantaggio solo dalle tendenze rialziste e non prevedono l’uso del leverage. I broker, invece, permettono di effettuare la compravendita di asset digitali attraverso i Contratti per Differenza, particolari derivati che replicano il prezzo degli stessi. I tool di trading rilasciati da questi intermediari sono equipaggiati con un’interfaccia grafica per analizzare l’evoluzione delle quotazioni dei vari sottostanti, oltre ad implementare lo short selling e la leva finanziaria.

Broker online ed exchange: le proposte più interessanti del mercato

Nel panorama dei broker online fra le migliori piattaforme per le criptovalute vi è di sicuro Capital.com, intermediario autorizzato dai principali organi di vigilanza a livello globale. Anche in questo caso, un modesto versamento iniziale, offre la possibilità di accedere ai più potenti software di trading –MetaTrader e TradingView– e negoziare una buona varietà di CDF su criptovalute.

Per quanto riguarda gli exchange, uno dei più importanti al mondo è il borsino statunitense Coinbase, capace di generare ogni giorno volumi di scambio superiori ai 20 miliardi di dollari, conseguentemente alla costante crescita degli utenti attivi. Il deposito minimo richiesto al momento della sottoscrizione del servizio è di appena 1,99 $ e le opzioni previste per alimentare il deposito sono molteplici –bonifici, versamenti con carta di credito o con wallet di altre società sia in valuta fiat sia in crypto moneta-.

FP Markets: dalla negoziazione di CFD su token alla modalità DMA

È opportuno sottolineare come si possa combinare il meglio di ciascuna modalità di accesso al mercato fruendo dei servizi di alcune società che offrono i due canali operativi contemporaneamente. Fra le più importanti merita una citazione FP Markets che ha dunque a catalogo sia l’opzione Direct Market Acces sia la compravendita con replica sintetica del prezzo dei token.

Le piattaforme preposte all’acquisto dei sottostanti sono rispettivamente IRESS e MetaTrader ed entrambe consentono di costruire una strategia di investimento passiva con il social trading messo a disposizione degli utenti a titolo gratuito.

Cosa aspettarsi nei prossimi mesi da Bitcoin ed Ethereum

Indipendentemente dallo stile di investimento adottato, i token più attenzionati sul mercato crypto continuano ad essere Bitcoin ed Ethereum. Naturalmente BTC ha una posizione dominante, in quanto rappresenta il capostipite di queste nuove tecnologie, senza considerare il fatto che con la quotazione dell’ETF BITO il suo Status nella finanza istituzionale ha avuto un upgrade non di poco conto.

Ethereum, invece, desta l’interesse degli investitori soprattutto per l’evoluzione che riguarda il suo progetto originario. È ormai noto, infatti, che la criptovaluta è prossima al passaggio dal protocollo di consenso Proof of Work al protocollo di consenso Proof of Stake, con tutti i benefici che ne conseguiranno per la sua blockchain.

Più informazioni su

Commenti

Translate »