Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Le corporazioni acquistano Bitcoin come riserva di tesoreria

L’ingresso di aziende come Square, Micro Strategy e Stone Ridge può aprire le porte della BTC e fornire “fiducia per il resto a seguire”.

Il mese di ottobre è un periodo di sorprese. L’8 ottobre, proprio al momento giusto, il gigante dei pagamenti mobili Square, che vanta un tetto di mercato di 86,6 miliardi di dollari, ha annunciato di aver investito 50 milioni di dollari in Bitcoin (BTC). Cinque giorni dopo, l’asset manager Stone Ridge Holdings, che gestisce oltre 10 miliardi di dollari di attività, ha rivelato di aver acquistato più di 10.000 BTC, per un valore di circa 114 milioni di dollari, come parte della sua strategia di riserva di tesoreria.

Leggere:TradeFWOpinioni – TradeFW è Una Truffa o è Affidabile?

Entrambi hanno seguito Micro Strategy, un asset manager quotato al Nasdaq, che il mese scorso ha reso noto di aver accumulato 425 milioni di dollari in Bitcoin, facendo di BTC la principale partecipazione nella sua strategia di treasury reserve.

Sono tre società di proprietà pubblica, tregrandi acquisti di BTC – potrebbe essere una mera coincidenza. D’altra parte, il bilancio della Federal Reserve è aumentato di 3.000 miliardi di dollari dall’inizio del 2019, mentre il dollaro statunitensesi è deprezzato del 70% rispetto a BTC – come ha osservato il fondatore di Stone Ridge, Ross Stevens, nel comunicato stampa del 13 ottobre.

BTC: La nuova attività di riserva?

Qual è la spiegazione di questo fenomeno da parte degli esperti? Il Dollaro USA è in discesa, i rendimenti delle obbligazioni sono quasi inesistenti e l’oro è sottoperformante. Le aziende che operano nel settore della liquidità hanno meno posti dove mettere il contante, quindi si stanno orientando verso la criptovaluta. ” Vediamo emergere una nuova tendenza in cui le società stanno usando Bitcoin come attività di riserva per una parte o la maggior parte del loro tesoro”, ha dichiarato Anthony Pompliano nella sua newsletter del 15 ottobre. Amomo Saifedean, economista e autore di The Bitcoin Standard: L’alternativa decentralizzata alla Banca Centrale, ha detto al Cointelegraph:

“Mentre mi sarei aspettato di vedere tali aziende assumere piccole posizioni più come una copertura, questo parla chiaro alla crescente credibilità di Bitcoin che non appena si sono incuriositi dalla value proposition, hanno scelto di procedere con un’ampia allocazione”.

“Ricerca di investimenti alternativi”

Edward Moya, un analista di mercato senior di Oanda – una società di forex trading – ha detto al Coin telegraph che la pandemia COVID-19 ha cambiato lo sfondo macro per le valute fiat, aggiungendo: ” La FED, in modo particolare, ha segnalato chiaramente che una posizione monetaria ultra-accomodative rimarrà in vigore per alcuni anni, e questo sta facendo sì che molti investitori istituzionali si affrettino a cercare investimenti alternativi”.

Di recente l’oro, il tradizionale porto sicuro in tempi di crisi, ha deluso e, di conseguenza, “il Bitcoin è emerso come un gioco di diversificazione preferito lontano dalle obbligazioni e probabilmente attirerà costantemente nuovi investitori istituzionali”, ha detto Moya. Ammous ha inoltre aggiunto: “C’è la preoccupazione a breve termine per la svalutazione del dollaro alla luce dell’aumento della spesa pubblica e degli stimoli in risposta alla crisi di panico corona”.

Secondo Paul Cappelli, un portfolio manager di Galaxy Fund Management, ha dichiarato a Coin telegraph che “una base di investitori più sofisticati è arrivata a comprendere il suo valore [di BTC] come un’attività non sovrana, fissa e deflazionaria”. Nel frattempo, Lennard Neo, responsabile della ricerca presso Stack Funds, ha commentato al Coin telegraph:

” Probabilmente queste aziende vedono la Bitcoin come una copertura o un’assicurazione contro le attuali condizioni di mercato. […] Con l’ingresso di queste società sui mercati, si aprono le porte e si instaura una qualche forma di fiducia per il resto”.

Un problema a più lungo termine

Tuttavia, l’angoscia di COVID-19 potrebbe presto diminuire, o almeno così si spera con fervore. Questo lascia “il problema critico a più lungo termine che molte aziende si trovano ad affrontare con la diminuzione del rendimento che possono ottenere sulle loro riserve di liquidità tenendole in banche o in buoni del tesoro”, secondo Ammous. In passato, le aziende potevano  detenere le loro riserve in titoli di Stato ed essere ragionevolmente sicure di sovraperformare l’indice dei prezzi al consumo (IPC) – cioè l’inflazione. Ma oggi, “sembra esserci un segmento crescente di aziende che non si aspettano più ragionevolmente questo in futuro”, ha detto Ammous.

Leggere:Recensione FXORO -Esplorare il Mondo Delle Opportunità Commerciali

Effettivamente, sepolto all’interno dell’annuncio di Stone Ridge è stato un invito alle banche e ai filantropi a fare allo stesso modo della Bitcoin una componente principale delle loro strategie di riserva di tesoreria. A tal fine, Stone Ridge offri vai servizi della sua unità del New York Digital Investment Group, che possiede una licenza dello Stato di New York per convertire i dollari in crittografia e viceversa, insieme alla custodia del nucleo, al finanziamento e alle capacità di Anti-Money Laundering e Know Your Customer.

Abbiamo avvertito Moya che BTC rimane un’attività rischiosa, anche se questo potrebbe presto cambiare: “Sia l’Europa che l’America stanno lottando con il coronavirus, e gli investitori si aspettano che i governi e le banche centrali continuino a fornire enormi stimoli all’economia. Per ora BTC rimane un asset rischioso e aumenta di valore soprattutto quando la propensione al rischio è forte. Alla fine, una volta che il dollaro riprenderà una costante tendenza al ribasso, Bitcoin e altri cryptos attireranno alcuni flussi di safe-haven accanto all’oro”.

Riuscirà Square a fare da apripista?

A parte ciò che può o non può accadere con le tesoreri e aziendali, l’investimento di Square Inc. potrebbe avere dei riverberi. Un investimento di 50 milioni di dollari in BTC può sembrare modesto per un’azienda la cui capitalizzazione di mercato ora supera quella di Goldman Sachs, ma la maggior parte degli analisti si aspetta che gli investimenti criptocrescano.

Square è stato rialzista su Bitcoin per alcuni anni. Il suo servizio Cash App permette agli utenti di comprare e vendere Bitcoin, e alcuni analisti ritengono che altre società di pagamento dovranno ora facilitare gli investimenti cripto in qualche forma – o rischiare di essere lasciati indietro. Non è sfuggito nemmeno che la generazione più giovane, la Millennials, è particolarmente interessata alle valute crittografiche come il Bitcoin.

A parte le società di pagamento, gli investitori istituzionali e/o le società Fortune 500 potrebbero seguire anche Square? Sì, questa tendenza è passata da uno scenario “se” a uno scenario “quando”, secondo Cappelli. Anche gli investitori istituzionali dovranno trovare nuovi modi per diversificare i loro portafogli e massimizzare i rendimenti di bilancio. Nel frattempo, BTC è cresciuta del 50% dall’inizio dell’anno.

Tuttavia, solo 18,4 milioni di BTC sono ora in circolazione, e l’offerta potrebbe essere un problema. “Con solo circa 2,5 milioni di Bitcoin ancora da estrarre, moltiinvestitoriistituzionalicercherannoaltrevalutecrittografiche per avere un potenziale di crescita migliore”, ha aggiunto Moya.

Sono inoltre fondamentali la facilità di accesso e le opzioni che soddisfano gli standard di diligenza e conformità, ha detto Cappelli, aggiungendo: “Le istituzioni vogliono principalmente che i loro investimenti in beni digitali abbiano l’aspetto e l’aspetto di altri investimenti più tradizionali nel loro portafoglio, dai fornitori di servizi al reporting”. Ha aiutato il fatto che negli ultimi tre anni, molti operatori tradizionali sono entrati nello spazio “come Fidelity, NYSE, Bloomberg, CME, Deloitte, KPMG, ecc. Tutti hanno ampliato la loro offerta per includere gli asset digitali e questa tendenza è in crescita”, ha detto Cappelli a Coin telegraph.

La trasformazione non fallirà per mancanza di infrastrutture, ha aggiunto Neo, che ha applaudito le piattaforme di livello istituzionale che sono state costruite da Fidelity e da altri. ” Vediamo l’educazione e la regolamentazione come una delle barriere più significative” che le grandi aziende devono superare se vogliono adottare la crittografiane i loro core business.

Che cos’è una dimensione significativa dell’investimento?

Quello che potrebbe essere considerato un investimento cripto significativo per un grande hedge fund o un investitore istituzionale? ” Considerata la volatilità e la situazione attuale della classe di attività, abbiamo costantemente raccomandato un’allocazione di 50 BP (punto base) fino al 2% per gli investitori idonei”, ha risposto Cappelli. Con la scadenza di Bitcoin e della classe di attività complessiva, tale allocazione potrebbe crescere ulteriormente.

Moya ha detto al Coin telegraph che gli hedge fund e gli investitori istituzionali avranno maggiori probabilità di avere un’esposizione all’1% circa alle valutecriptate. Le società a partecipazione pubblica, dal canto loro, “saranno più interessate a creare le proprie valute crittografiche, ma la battaglia normativa che ha colpito il progetto Libra di Facebook ha demotivato molte aziende”. Ha aggiunto: “Alla fine, una grande azienda avrà un investimento di dimensioni decenti, e questo dovrebbe essere sufficiente per costringere altre aziende a seguirne l’esempio”.

Una fornitura strettamente limitata

Riflettendo sui recenti annunci pubblici, ha detto Ammous al Coin telegraph: “La cosa più interessante per me riguardo agli acquisti di Micro Strategy e Stone Ridge è che queste non sono aziende che si occupano di Bitcoin come parte del loro core business, eppure hanno scelto di collocare la maggior parte delle loro riserve aziendali in Bitcoin, non solo una piccola frazione”.

“Crediamo che la Bitcoin abbia il potenziale per essere una valuta più onnipresente in futuro”, ha detto il direttore finanziario di Square, Amrita Ahuja. “Man mano che cresce in adozione, intendiamo imparare e partecipare in modo disciplinato”.

Questa era la visione di Satoshi Nakomoto, secondo cui in tempi di crisi i governi non avrebbero mai resistito alla tentazione di stampare più denaro – anche a rischio di svilimento della loro valuta – così il fondatore della Bitcoin ha scritto nel codice della criptovaluta un limite di 21 milioni di BTC. Non si potrebbe mai coniare più di così, e questo sembra aver servito bene la Bitcoin ai tempi di COVID-19. Come disse Ammous al Cointelegraph, “Sembra esserci un crescente riconoscimento del fatto che la fornitura strettamente limitata di Bitcoin gli dà una buona possibilità di mantenere il suo valore anche in futuro”.

Più informazioni su

Commenti

Translate »