Referendum Costituzionale - riduzione del numero dei parlamentari
Si
No
50 |
ultimo aggiornamento: - fonte: Ministero dell'Interno
Elezioni Regionali CAMPANIA 2020
Vai allo speciale
ultimo aggiornamento: - fonte: Ministero dell'Interno

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Le 5 migliori casinò strategie per il poker

Forse il titolo dell’articolo può sembrare un po’ eccessivo, ma siamo sicuri di elencare nei paragrafi successivi cinque tra le migliori strategie che si possono seguire fin da subito per migliorare il livello di gioco nel poker anche se si è principianti.

Queste strategie potrebbero essere viste dall’alto verso il basso da alcuni giocatori esperti, ma è sempre bene non dimenticarle in favore di altre tattiche più complesse che potrebbero essere anche più difficili da mettere in atto. Spesso nel poker giocare semplice è uno dei modi per riuscire a vincere in maniera più costante e minimizzare le perdite quando si gioca in un casinò online.

Le regole base del gioco, nelle sue varianti principali, sono a disposizione di tutti sia nei siti specializzati online, sia nei libri della letteratura che tratta questo argomento.

Non c’è più bisogno, quindi, di conoscere un esperto per imparare i primi rudimenti del gioco e per crescere fino a diventare un giocatore professionista.

Il boom di informazioni è dovuto soprattutto alla crescita esponenziale vissuta dal poker negli ultimi anni. Video, libri e articoli in rete si sprecano e non è facile districarsi in questo mare di nozioni.

Per questo motivo cerchiamo di proporre alcune regole base strategiche che ogni principiante dovrebbe seguire per incanalarsi lungo il percorso corretto che lo potrà portare al successo finale.

Selezionare le mani, non giocare sempre

Innanzitutto dobbiamo sottolineare come sia naturale, soprattutto all’inizio, voler giocare tutte le mani.

Nulla di più sbagliato, bisogna imparare fin da subito a selezionare le mani con le quali giocare, chiamare e rilanciare. Se non siamo ancora esperti, è meglio buttarsi nella sfida solo se si hanno in mano delle buone carte, in tutti gli altri casi non bisogna aver paura di passare la mano.

Su internet è possibile recuperare delle tabelle molto utili che elencano le cosiddette starting hands consigliate da selezionare a discapito di quelle marginali che invece è meglio non giocare. Imparare questa prima regola è di fondamentale importanza ed è propedeutico per poter affrontare qualsiasi partita di poker contro avversari di un certo livello.

Impostare il valore dei rilanci e delle puntate

Capire bene come vengono definiti i rilanci preflop e le puntate post flop è fondamentale, i primi vengono indicati come un moltiplicatore del grande buio (due o tre volte per esempio), mentre le seconde sono delle percentuali.

Oltre a ciò è di primaria importanza imparare con il tempo a impostare correttamente i valori dei rilanci preflop e delle puntate post flop così da padroneggiare una delle basi del gioco del poker e poter crescere fino a diventare un giocatore professionista che può affrontare chiunque e provare a sconfiggere anche avversari più quotati.

Non limpare

Molti giocatori all’inizio della loro carriera nel poker decidono di entrare in gioco solo con call preflop, limpando quindi da tutte le posizioni anche in presenza di mani non eccessivamente buoni.

Questo è uno degli errori più gravi che si possono compiere nel gioco del poker, è un segnale di debolezza, il giocatore viene tacciato come passivo, è molto meglio aprire il gioco rilanciando.

Foldare se necessario

Si tratta di una strategia che si ricollega con il primo punto da noi proposto. Il giocatore principiante oltre a dover selezionare le mani preflop e non giocare sempre per massimizzare le proprie possibilità di vincita, anche nel post flop bisogna imparare a cambiare strategia.

Quando non ci si sente sicuri del proprio valore si tende spesso a non foldare anche nei casi in cui è chiaro che le possibilità di vincita della propria mano sono ridotte al lumicino.

Imparando a foldare in queste mani meno fortunate aiuta a mantenere più chip e quindi più possibilità di giocata per le mani migliori su cui è meglio puntare.

Valutare la posizione al tavolo

Tra le cinque mini strategie, quest’ultima è quella meno facile da comprendere da parte di un giocatore principiante. Sarà necessaria tanta pratica, molta pazienza e un po’ di tempo per capire quanto sia importante la posizione al tavolo.

Tante volte le carte stesse sono meno importanti della posizione, ma questo concetto si impara con il tempo grazie all’esperienza maturata giocando e allo studio della teoria.

Conclusione

Non è possibile non commettere gli errori soprattutto se si è agli inizi nel misterioso e affascinante mondo del gioco del poker. Gli errori, come sempre avviene, devono aiutare a crescere e a capire quale strada seguire per crescere come giocatore.

Al giorno d’oggi è possibile farsi una cultura molto approfondita anche solo navigando sulla rete, dove al contempo ci si può cimentare con il poker anche in maniera gratuita imparando al meglio le regole e testando alcune strategie base molto utili per incrementare le possibilità di vincita.

La ricetta vincente per proseguire la propria avventura nel poker è quella di combinare la pratica giocando più mani possibili con la teoria studiando manuali cartacei e siti specializzati gestiti da esperti del settore.

Più informazioni su

Commenti

Translate »