Quantcast

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

L’aeroporto di Napoli cresce sempre di più: quali sono i numeri del successo

Tra gli scali aeroportuali più importanti d’Italia c’è senza dubbio quello di Napoli Capodichino, che ormai ha raggiunto una dimensione di rilievo non solo per il sud Italia, ma anche per tutto il Paese. La dimostrazione più evidente proviene dal trend al rialzo del numero di passeggeri che ne usufruiscono, complice un’offerta di servizi che si va via via ampliando. Non va sottovalutato il fatto che le destinazioni a disposizione sono sempre di più: un aspetto decisivo sia per i flussi turistici in uscita che per quelli in entrata. Tra il mese di gennaio e il mese di agosto di quest’anno, a Capodichino sono passate più di 7 milioni e 400mila persone. Solo ad agosto i passeggeri sono stati quasi 1 milione e 200mila.

I numeri che testimoniano il successo

Questi dati provengono dall’Associazione Italiana Gestori Aeroporti, che rappresenta più di 40 scali in tutta Italia e di cui fanno parte oltre 30 società. Tornando ai numeri di agosto, la crescita dei passeggeri tra il 2018 e il 2019 è stata pari a oltre l’8 per cento: dati di tutto rispetto, che comunque si inseriscono nel solco di cifre simili anche per il resto dell’anno. Tra i primi otto mesi dello scorso anno e i primi otto mesi di quest’anno, per esempio, i passeggeri sono cresciuti di più del 10 per cento. Solo Malpensa, in tutta Italia, ha fatto registrare tra i grandi aeroporti nazionali un aumento superiore, pari al 14 per cento, sul quale però ha influito lo spostamento dei voli di Linate dalla fine di luglio. Un altro scalo di prestigio come quello di Fiumicino a Roma, invece, non è riuscito a raggiungere una crescita del 2 per cento.

I parcheggi a Capodichino

A fronte di flussi di viaggiatori così imponenti, però, il parcheggio aeroporto Napoli si dimostra ancora inadeguato. Per fortuna da qualche tempo è possibile contare sul servizio di Parkos, un comparatore di prezzi operativo non solo per l’aeroporto di Napoli, ma anche per tutti gli altri scali più importanti del nostro Paese. Come funziona? Molto semplice: chi è in cerca di un parcheggio a Capodichino non deve fare altro che indicare la data e l’orario in cui vorrà partire e la data e l’orario in cui prevede di tornare, così da poter visualizzare tutti i posti auto a disposizione ordinati in base alle tariffe. I cosiddetti parcheggi non ufficiali offrono prezzi più bassi rispetto a quelli ufficiali, e al contempo garantiscono il servizio di car valet e il servizio navetta.

I nuovi collegamenti di Capodichino

L’Europa è stata la vera protagonista dei nuovi collegamenti per il 2019: quest’anno, infatti, all’aeroporto di Napoli sono stati inaugurati voli diretti verso il Portogallo, e in particolare in direzione di Lisbona, grazie alla compagnia Tap Portugal. Hellofly, invece, assicura un collegamento con la capitale albanese, Tirana, che può contare pure sui voli previsti da Nyxair per la clientela business. Ma non è tutto, perché un altro vettore che ha deciso di investire sull’infrastruttura partenopea è Norwegian Air, con una tratta per Oslo. Nel novero delle novità, poi, vale la pena di menzionare i voli che collegano Napoli con Rodi e Cefalonia, isole greche servite dalla compagnia Volotea.

Il successo di Capodichino e la spinta alla crescita

Il numero degli aerei in arrivo, in partenza e a terra nello scalo, che corrisponde ai movimenti totali, è a sua volta in crescita: più di 55mila dall’inizio di quest’anno, il che vuol dire oltre il 4 per cento al di là della media italiana. Solo il settore cargo mette in evidenza un lieve calo, comunque inferiore al punto percentuale, tra gennaio e agosto. In ogni caso, se si considera che la media nazionale ha fatto registrare una discesa superiore al 5 per cento, si può ben capire come Capodichino sia ancora avanti.

Ryanair all’aeroporto di Napoli

Una partnership che continua a dimostrarsi fondamentale per l’aeroporto di Napoli è quella con Ryanair, che da poco ha introdotto rotte nuove con collegamenti con la Polonia (per Danzica) e con l’Inghilterra (per Manchester). Tra le destinazioni da poco aggiunte, poi, si segnalano Stoccolma, in Svezia, Tolosa, in Francia, ed Eindhoven, nei Paesi Bassi.

Commenti

Translate »