Quantcast

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

ECM: continua il trend positivo per la formazione a distanza

I professionisti sanitari hanno scelto di prestare servizio in un settore in cui l’aggiornamento costante è fondamentale per il benessere dei pazienti. 

A questo proposito è stato istituito il sistema ECM, acronimo che sta per Educazione Continua in Medicina, che prevede l’acquisizione di crediti formativi, necessari per poter continuare ad esercitare la propria attività lavorativa. 

Il controllo dei crediti ECM acquisiti da ciascun professionista sanitario viene effettuato ogni tre anni. L’obiettivo formativo da raggiungere nel triennio è di 150 crediti e sono previste delle sanzioni per coloro che non si impegneranno a sufficienza e che non daranno la dovuta importanza alla formazione continua.

Una metodologia sempre più apprezzata e utilizzata per l’acquisizione di questi crediti oggigiorno è la FAD, Formazione a Distanza, che consente agli utenti di seguire i corsi mediante i canali digitali.

Crediti ECM: tra formazione a distanza e formazione residenziale

Il sistema ECM prevede, quindi, due modalità a disposizione dei professionisti sanitari per ottenere crediti formativi

Quella più tradizionale è denominata RES e prevede di effettuare l’aggiornamento professionale optando per diverse soluzioni, che vanno dai corsi in presenza alla partecipazione a congressi e altre occasioni di approfondimento dei temi cari alla propria disciplina.

A questa modalità si affiancano i corsi fad, che permettono ai medici e agli altri professionisti del settore della salute di studiare autonomamente, sfruttando le risorse della rete e strumenti digitali come per esempio gli ebook. Ovviamente, anche l’esame finale per dimostrare di aver acquisito le competenze necessarie per l’ottenimento dei crediti formativi si svolge online, secondo le modalità stabilite direttamente dalla Commissione Nazionale ECM.

Entrambe le tipologie di didattica sono considerate valide per raggiungere l’obiettivo formativo e sarà il singolo utente a scegliere quale percorso intraprendere.

Tuttavia, da quando è stata introdotta, è stata sicuramente la FAD a intercettare una fetta sempre più ampia di professionisti. A testimonianza di questo successo ci sono anche gli ultimi dati disponibili, quelli sul triennio 2014-16, dove per la prima volta – come si è appreso alla Conferenza Nazionale ECM – si è registrato un conseguimento di crediti più alto tramite formazione a distanza. Un trend per il momento confermato anche dalle statistiche parziali relative al successivo arco temporale, quello 2017-19.

Corsi FAD: la flessibilità è determinante

Grazie al successo della FAD, sono stati presentati numerosi nuovi corsi e sono stati caricati in rete ebook per approfondire un numero sempre maggiore di argomenti e per avvicinarsi in questo modo al raggiungimento dell’obiettivo formativo.

Ogni corso presenta una validità piuttosto lunga, per permettere all’utente di amministrare nel migliore dei modi il proprio studio. Inoltre, ogni ebook è caratterizzato da un preciso numero di crediti, così da garantire una scelta consona alle specifiche esigenze individuali.

Il successo dell’aggiornamento con i corsi FAD è stato determinato anche dalla loro flessibilità, che rappresenta uno dei principali punti di forza dello studio online o in ogni caso autonomo.

I professionisti sanitari possono scegliere quando studiare, quanto far durare ogni singola sessione di studio e possono anche interrompere l’attività nel caso di imprevisti. Per questa ragione la formazione a distanza è vantaggiosa per coloro che hanno numerosi impegni di lavoro.

Infine, bisogna ricordare che anche per i corsi FAD, così come per quelli RES, non è stato imposto un limite massimo di crediti formativi ottenibili. I professionisti sanitari possono quindi scegliere di raggiungere i 150 crediti del triennio anche iscrivendosi esclusivamente ai corsi digitali e studiando gli ebook per acquisire le competenze necessarie.

Più informazioni su

Commenti

Translate »