Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Come viaggiare in Canada senza visto

Se si desidera viaggiare e visitare il Canada bisogna richiedere il Visto, ma non tutti sanno che c’è un’altra possibilità, più semplice e veloce: l’eTA.

Il Canada si trova tra i primi posti per quanto riguarda la vivibilità. È uno stato ricco di bellezze, d’innovazione e di possibilità lavorative, e anche per questo sempre più persone decidono di visitarlo. Per faro però c’è bisogno solitamente di un Visto, anche se non tutti sanno che, per diversi milioni di perone residenti in quasi cinquanta stati del Mondo, non è obbligatorio. I cittadini residenti negli Stati con cui il Canada ha stretto degli accordi, tra cui l’Italia, possono richiedere l’eTA (Electronic Travel Authorization). Questa è una soluzione più veloce e meno dispendiosa. Vediamo, però, per chi è ideale l’eTA e chi invece dovrà per forza di cose richiedere il Visto. 

Periodi lunghi 

Il Visto è necessario per chi vuole trasferirsi in Canada per periodi più lunghi di sei mesi, sia per motivi di studio sia per lavoro. Chi invece vuole restare nel paese delle foglie d’acero per meno di centottanta giorni, potrà richiedere l’autorizzazione elettronica. 

Cos’è l’eTA?

Il permesso elettronico, che si rifà all’ESTA americana, nasce in seguito ai tragici episodi del 2001, anno dell’attentato alle Torri Gemelle. Il Governo, per avere un maggior controllo sui cittadini stranieri che vogliono entrare nel Paese, chiede loro di inviare documenti e motivo d’ingresso prima ancora della loro partenza. Questo permette agli enti statali di eseguire una serie di attente e mirate ricerche, garantendo una maggior sicurezza ai canadesi e un controllo più rapido ai cittadini in entrata. 

Le differenze tra Visto ed eTA

Come avrete già capito, la principale differenza riguarda il tempo di permanenza massimo che garantisce l‘uno o l’altro permesso. Ottenendo il Visto è possibile restare per tutto il tempo che si vuole in Canada, sempre che si rispettino le regole e che si abbia un lavoro. L’eTA invece dura cinque anni, ma ha un tempo di permanenza consecutivo in Canada di soli 180 giorni. Naturalmente le modalità di richiesta e di ottenimento del permesso elettronico sono più semplici rispetto al Visto. 

Chi può richiedere l’eTA?

Possono presentare richiesta per l’eTA Canada, esclusivamente online, i cittadini dei cinquanta Paesi interazionali con cui il Canada ha stretto l’accordo, tra cui Italia, Francia, Germania, Australia e Inghilterra. Se non si risiede in uno di questi Paesi, allora si dovrà fare richiesta di Visto. L’altra importante prerogativa è che l’arrivo in Canada avvenga con l’aereo. Se si utilizza la nave o l’auto, allora si dovrà scegliere il visto. Tra i motivi d’ingresso ci sono il turismo, studio o conferenze e appuntamenti di lavoro. 

Che cosa serve per fare richiesta?

Per presentare la propria domanda sarà necessario avere con sé un documento d’identità, il passaporto e una mail valida su cui riceverete l’esito della richiesta. La procedura, che consiste anche in qualche domanda cui dare delle risposte brevi, durerà solo qualche minuto. Ricordate poi che, nel caso di un nucleo familiare composto ad esempio da quattro persone, dovrete inviare quattro distinte richieste.

Entro quando si riceve la risposta?

Solitamente la risposta arriverà entro settantadue ore dal momento dell’invio. Il nostro consiglio è comunque quello di inviare la richiesta per l’eTA diverso tempo prima del viaggio di partenza. In caso di esito negativo, infatti, sarete costretti a ripiegare sul Visto, che come detto, ha dei tempi di accettazione più lunghi. Infine, anche in caso di esito positivo, questo non vi darà l’assoluta certezza di fare ingresso in Canada. Durante i consueti controlli all’aeroporto, infatti, gli ispettori alla sicurezza potrebbero comunque impedirvi l’ingresso nel Paese se ritengono che ci sia qualcosa di sospetto. 

Più informazioni su

Commenti

Translate »