Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Casse amplificate: cosa sono e consigli utili per l’acquisto

Un diffusore acustico, od una cassa audio, è un trasduttore, ossia un dispositivo in grado di trasmettere energia da un punto ad un altro, modificandone alcune caratteristiche. Per quanto riguarda i diffusori audio, il segnale elettrico trasmesso dal lettore mp3, dallo stereo o dal televisore, passa attraverso la cassa e viene tramutato in suono. Ma cosa sono le casse amplificate? E cosa bisogna considerare in caso di acquisto? Vediamo, dunque, di fare chiarezza al riguardo.

Casse audio amplificate

Le casse amplificate, o attive,sono diffusori dotati di amplificatore interno e sono un sistema ready-to-go, in quanto è sufficiente collegarle alla presa di corrente e ad una sorgente di suono (tv, pc, lettore mp3, stereo) per essere utilizzate. Dal punto di vista domestico, sono le casse acustiche più diffuse, poiché sono facili da installare ed occupano poco spazio.

Tali dispositivi si distinguono da quelli passivi, che necessitano, per l’utilizzo, di un preamplificatore esterno ed indipendente, e di molto più spazio per l’istallazione. Tali casse, essendo più complesse da approntare, vengono predilette, generalmente, dai professionisti, come dj e musicisti.

Inoltre, le casse attive sono dotate di filtri cross-over ed equalizzatori tarati per l’orecchio umano, mentre quelle passive prevedono la necessità di settare il suono, poiché, altrimenti, si rischia di avere una qualità audio estremamente mediocre.

Parlando di prezzi, è bene ricordare che, solitamente, i diffusori attivi sono più costosi, in quanto hanno integrato l’amplificatore. Tuttavia, ciò non è del tutto vero, poiché le casse passive hanno bisogno di vari elementi per funzionare, che possono costare anche parecchio.

Consigli utili per l’acquisto

Al momento dell’acquisto è bene considerare alcuni parametri fondamentali, al fine di evitare errori inutili, facilmente evitabili. La prima cosa da valutare è la potenza, che dipende dal tipo di uso della cassa. Per l’ambito casalingo sono sufficienti 20-30 Watt, mentre per i professionisti, che devono lavorare in locali od in spazi ampi, è bene ricercare una potenza maggiore.

É importante sottolineare che i Watt riportati sulla cassa fanno riferimento alla potenza dell’amplificatore al suo interno, mentre quelli indicati sui diffusori passivi forniscono informazioni sulla potenza che può sopportare la cassa. Altro aspetto da considerare sono le dimensioni, che devono essere proporzionate allo spazio a diposizione destinato alla collocazione della cassa.

Da non sottovalutare sono anche le frequenze, la cui gamma non può essere interamente riprodotta da un unico altoparlante. Solitamente, gli altoparlanti per le frequenze basse vengono denominati woofers, per quelle medie midrange, mentre per quelle alte tweeters. A seconda delle necessità, è opportuno prediligere casse caratterizzate maggiormente da alti, da medi o da bassi.

Ronzii delle casse

Spesso capita di percepire rumori o ronzii alquanto fastidiosi provenire dalle casse. Ciò potrebbe essere dovuto, non solo ad un difetto di fabbricazione o ad un guasto, ma anche ad un semplice problema di interferenza, che può verificarsi a livello delle casse, qualora nelle loro vicinanze si trovi un dispositivi in grado di emettere onde, come un cellulare od un router.

In tal caso è sufficiente allontanare tali device per non percepire più rumori. Tuttavia, il ronzio potrebbe essere causato anche da cavi mal funzionanti  o di bassa qualità. Qualora si presenti questa eventualità, per risolvere il problema, è sufficiente sostituire il cavo dell’alimentazione od il cavo jack.

Infine, si può verificare anche il ground-loop, che è dovuto, nella maggior parte dei casi, ad uno scorreto collegamento di masse quando diversi apparecchi sono connessi tra loro. Per sbrogliare questo problema è importante verificare se in corrispondenza delle casse acustiche è posizionato il tasto “ground-lift” e, qualora ci sia, premerlo. Se il rumore persiste, è meglio scollegare gli apparecchi superflui e sostituire i fili difettosi od eccessivamente lunghi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.