Quantcast

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Broker e piattaforme di Trading: le migliori piattaforme su cui operare

È ben noto come, per poter operare via web sui mercati finanziari, sia necessario creare un account all’interno di una piattaforma di trading.

Sebbene esistano diverse piattaforme di trading, alcune molto diverse fra loro, vi sono delle caratteristiche che ne accomunano la gran parte.

In questo articolo scopriamo le principali funzionalità offerte dalle piattaforme di trading, al fine di fornire un’esperienza più semplice, immediata ed efficiente.

Piattaforma di trading: i vantaggi nell’utilizzarla

Quando desideriamo acquistare o vendere dei titoli finanziari, ciò non può essere fatto in maniera diretta, ma avremo bisogno di un intermediario. In passato era possibile operare sui mercati finanziari solo tramite le banche, ma a oggi vi è un’altra alternativa, parliamo dei broker.

Il broker, solitamente rappresentato da una società, si occupa dell’acquisto e della vendita di titoli finanziari per conto di terzi, solitamente in cambio di una commissione.

La piattaforma di trading non è altro che il programma, di cui il broker ne è il proprietario, che permette all’utente di emettere ordini sugli asset finanziari.

L’importanza delle piattaforme di trading potrebbe essere sminuita, tuttavia, per fare un paragone, avere a che fare con una piattaforma di trading ben costruita, è un po’ come avere a che fare con un buon computer da lavoro, che ci consente di svolgere le nostre attività in modo fluido e scorrevole, con conseguente riscontro sulle nostre prestazioni.

Il broker, attraverso l’implementazione della piattaforma, mira a fornire al cliente una serie di vantaggi derivanti dall’utilizzo di quest’ultima, tra i principali abbiamo:

  • Semplicità: è l’effettiva semplicità di utilizzo della piattaforma, l’obiettivo è quello di costruire una piattaforma intuitiva, che consenta all’utente di operare in maniere chiara e guidata
  • Deposito minimo: Solitamente intorno ai 100 o 200$, anche se non mancano piattaforme con depositi molto più bassi. È la soglia minima da depositare sul conto prima di poter operare
  • Numero di asset: È il numero di titoli finanziari messi a disposizione dal broker sulla piattaforma. Solitamente una piattaforma valida contiene più di 2000 asset.
  • Versione di prova: anche chiamata “conto demo”. È una funzionalità che permette all’utente di poter operare sui mercati in maniera simulata e senza l’utilizzo di denaro reale. Verrà infatti fornito un credito virtuale.
  • Strumenti finanziari: Sono quegli strumenti che permettono al trader di fare analisi tecnica, attraverso lo studio dei prezzi e dei grafici.

Le 3 migliori piattaforme di trading sul mercato

Di seguito analizziamo le migliori piattaforme di trading selezionate dagli investitori. Si tratta di piattaforme costruite da broker popolari e rinomati, che si sono distinti per l’efficienza del servizio proposto.

eToro

È probabilmente la piattaforma più popolare al mondo, famosa per aver implementato servizi come il copy trading o il social trading. Fornisce una vasta gamma di asset (oltre 2.300) su cui operare, attraverso una grafica semplice e intuitiva.

Plus500

Piattaforma famosa per il fatto di permettere la compravendita di titoli finanziari con uno spread molto basso. Offre un’ampia gamma di funzionalità e strumenti finanziari, fra cui la possibilità per l’utente di utilizzare una leva finanziaria fino a 1:30.

IQ Option

Piattaforma passata alla ribalta per il fatto di essere molto apprezzata dai trader principianti. Su IQ Option è possibile iniziare a operare con deposito minimo di 10$ e aprire posizioni con appena 1$.

Sebbene le piattaforme di trading ci appaiano come una semplice “finestra” della nostra attività, in realtà fanno parte di quegli strumenti che consentono al trader di operare in maniera chiara e intuitiva, fornendo un rilevante appoggio all’attività di quest’ultimo.

Più informazioni su

Commenti

Translate »