Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

I 5 paradisi per le immersioni con Nautica Mare

Chi ama le immersioni e vuole praticare questo sport in giro per il mondo, ha l’imbarazzo della scelta, dato che sono diversi i paradisi dove ammirare una spettacolare fauna ittica. Vediamo alcuni dei posti più suggestivi dove fare diving.

Il Mar Rosso

Più vicino a casa per immergersi con le mute sub c’è il Mar rosso. Ci sono ben 9 Paesi che vi si affacciano: Israele, Sudan, Giordania,Yemen, Somalia, Egitto, Gibuti, Arabia Saudita ed Eritrea. Chi organizza un viaggio in uno di questi Paesi, non può esimersi da visitare i fondali.

Con ben 430 km quadrati di tranquillissime acque in cui immergersi, il Mar Rosso è una meta privilegiata dai subacquei che possono ammirare una variegata vita marina tra i coralli.

Malta

Nel bel mezzo del Mar Mediterraneo, Malta regala una bellissima costa per chi ama il diving. Questo grande scoglio in mezzo al mare è stato scavato dalla forza delle onde che hanno creato anfratti e grotte sottomarine da esplorare con le pinne ai piedi. Un’altra particolarità dell’ambiente marino maltese sono le pareti che scendono verticalmente per 50 metri.

I subacquei arrivano a Malta tutto l’anno poiché le acque sono sempre calde. Tra un’immersione e l’altra, si possono avvistare anche dei relitti sommersi diventati perfetti per lo sviluppo della fauna ittica.

Alle Maldive

Le Maldive sono considerate una delle mete migliori per le immersioni: un paradiso naturale appena sotto il pelo dell’acqua. I meravigliosi atolli sono circondati da fondali ricchissimi con barrire coralline che nascondono una grande varietà di pesci.

È il posto perfetto anche per i principianti poiché si è a pochi metri dalla spiaggia e non si raggiungono grandi profondità. Gli atolli hanno una orogenesi particolare: sono le sommità di antichi vulcani ora sommersi.

La Bassa California

Un altro paradiso per le immersioni è la zona nella bassa penisola della California. Si tratta di una stretta lingua di terra che dagli Stati Uniti si getta nel mare. L’ultima parte della penisola fa parte del territorio messicano. Tra la penisola e la terra ferma, si trova una meta indicatissima per il diving.

È conosciuto con il nome di mare di Cortez, zona legata a moltissime leggende sui pirati. Di recente, quest’area è stata nominata Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco. Anche il famoso esploratore francese Jacques Cousteau veniva spesso in questo golfo e lo chiamava Acquario del Mondo; un’indicazione che fa subito capire il grande numero di specie ittiche.

La Grande Barriera Corallina australiana

Dall’altra parte del Mondo, in Australia, si trova la più grande barriera corallina del pianeta. Nella parte nord-orientale dell’Australia le acque sono calde e ospitano una ricca vita sottomarina. A largo della costa del Queensland si trova questa grande formazione naturale che comprende oltre 2.800 scogliere ricoperte da coralli, molluschi e spugne che ospitano una moltitudine di altre creature, tra cui ovviamente pesci ma anche mammiferi come i delfini, le tartarughe e anche serpenti.

Questo paradiso terrestre è però in grande pericolo per colpa del surriscaldamento delle acque che provoca la morte dei alcune specie di coralli, alla base del sistema.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.