Quantcast

Truffa ad anziani: fenomeno allarmante in costa d’Amalfi e Sorrento. Ecco cosa fare

Cresce a dismisura il fenomeno truffa agli anziani in Penisola Sorrentina. Uno degli ultimi casi è stato denunciato a Vico Equense alcuni giorni fa, quando un’anziana aveva consegnato 7.500 euro in contanti, convinta di aiutare così un nipote in difficoltà, ma si trattava soltanto dell’ennesima truffa.

Il target in costa d’Amalfi e Sorrento

Si tratta di un problema serio a cui devono far fronte migliaia di anziani che in Penisola Sorrentina vivono da soli: sono proprio questi i bersagli preferiti dei malviventi, che si avvalgono della generosità degli anziani e del loro affetto nei confronti dei nipoti. Le truffe di questo tipo sono sempre più frequenti perché sono proprio le persone più in là negli anni a trascorrere più tempo in casa, ma anche perché spesso conservano all’interno dell’abitazione somme di denaro in contanti o oggetti preziosi.

Le linee guida della polizia

Per contrastare il fenomeno in forte crescita nelle ultime settimane, ci si può avvalere di alcune linee guida definite dalla Polizia di Stato nel 2020, quando questi “format” di frodi non erano ancora diffuse come oggi. Ora ladri e truffatori hanno anche una scusa in più per tentare di entrare in casa: l’emergenza dovuta al Coronavirus dice la Polizia. Parlate con i vostri anziani, familiari o vicini di casa, e metteteli in guardia da possibili raggiri. Bastano pochi consigli per aiutarli a difendersi. Negli ultimi mesi si sono, infatti, già verificati casi in cui finti operatori della Asl hanno tentano di contattare al telefono diverse persone, con la scusa di dover fare il tampone per verificare la presenza del coronavirus, e finti infermieri si sono presentati alla porta con la scusa di sanificare i soldi o per offrire farmaci o presidi medici.

I campanelli d’allarme

In genere i truffatori sono eleganti, cordiali e rassicuranti ma, soprattutto, hanno una caratteristica specifica: parlano molto allo scopo di confondere. Spesso fingono di essere stati mandati da un parente o da un conoscente, altre volte possono presentarsi presso le abitazioni, in tuta da lavoro, in uniforme e mostrare un tesserino oppure possono fermare il malcapitato di turno per strada offrendosi di accompagnarlo alla posta o in banca con l’unico intento di reperire informazioni utili. Questo l’identikit dei truffatori che sempre più spesso prendono di mira le persone anziane e non solo.

 

Commenti

Translate »