Quantcast

Un thè in Belle Époque con Matilde Serao 1856/1927″

Riceviamo e pubblichiamo

Una storica passeggiata per ricordare la grande scrittrice e giornalista Matilde Serao

Si svolgerà sabato 7 maggio dalle ore 15.00 alle 18.00 nello storico Gran Caffè Gambrinus “Un thè in Belle Époque con Matilde Serao 1856/1927” evento organizzato da Joelle Parker e Monica Fiorito attraverso il progetto “Donne nella storia ” che coniuga un felice connubio di abiti sartoriali d’epoca e di intrecci di vita al femminile.

Si parlerà della Scrittrice e Giornalista Matilde Serao con intervento del Presidente dell’Associazione culturale Parole e Musica, Ciro Lucioli, organizzatore e divulgatore storico-artistico che racconterà aneddoti e curiosità sulla vita della giornalista, attraverso un tour narrato che porterà il visitatore indietro nel tempo, sul finire dell’Ottocento e gli inizi del Novecento napoletano, richiamati dal fascino dei costumi d’epoca.

L’incontro avrà luogo alle ore 15.00 con dame e gentiluomini già abbigliati in abiti storici d’epoca Belle Époque che accoglieranno il pubblico davanti al Gran Caffè Gambrinus, salotto d’eccellenza dove si ritrovarono ai quegli stessi  tavolini, artisti e intellettuali di fama internazionale della letteratura, della poesia, della pittura, del teatro, della musica, passando da Gabriele D’Annunzio, a Salvatore di Giacomo, a Benedetto Croce, ricordando la celebre coppia Scarfoglio-Serao che proprio al Gambrinus gettarono le idee per fondare il nuovo giornale “Il Mattino”.

Dal caffè ci si sposterà in piazza del Plebiscito, al Teatro San Carlo e alla Galleria Umberto I dove è sita la targa intitolata “Matilde Serao”.

Luoghi cardini e pregnanti della scrittrice che qui dimoró tra vita pubblica e privata, tra la sede del suo giornale e la sua abitazione.

La fine del tour è prevista alle ore 18:00 circa.

Info: “Un thè in Belle Époque con Matilde Serao 1856/1927” sabato 7 maggio dalle ore 15.00 alle 18.00 nello storico Gran Caffè Gambrinus,

Piazza Trieste e Trento, Napoli.

Pubblicato da Alberto Del Grosso

Giornalista Garante dei Lettori

del giornale Positanonews

 

 

 

Commenti

Translate »