Quantcast

Piano di Sorrento, Luca Trapanese presenta il suo libro “Le nostre imperfezioni”: «Nessuno può stabilire chi o cosa è normale»

Piano di Sorrento. Un viaggio per compiere il Cammino di Santiago, un incontro inaspettato, un percorso che ci ricorda che “il Cammino più importante non si fa a piedi, ma con il cuore”. Oggi, presso il Centro polifunzionale della città, l’Assessore alle politiche sociali del Comune di Napoli Luca Trapanese ha presentato il  suo nuovo libro “Le nostre imperfezioni”.
Hanno dialogato con l’autore il Responsabile dei Servizi sociali Gennaro Izzo, la coordinatrice de “Il giardino delle fiabe” Rossella Di Leva, il Presidente della Coop. Boetheia Fabio di Martino, la coordinatrice del progetto “Imparo a vivere da solo” Valentina Vellone e la coordinatrice di “Vita Attiva” Patrizia De Filippo di Gragnano. A moderare l’incontro Roberta Calbi, Presidente di “Vita Attiva”.
Luca Trapanese è stato il primo uomo single omosessuale ad adottare una bambina affetta da sindrome di Down in Italia. Nel 2017, viene contattato per l’affido della piccola Alba di appena un mese, affetta da sindrome di Down. Alba era stata abbandonata dalla madre poco dopo la sua nascita e rifiutata da diverse famiglie fino a quando arriva Luca che decide di adottarla iniziando così un nuovo capitolo della sua vita, quello da padre. Gli abbiamo chiesto cosa l’abbia spinto a vivere questa esperienza: «A spingermi è stato il desiderio di paternità e di realizzare la mia paternità attraverso l’affido di un bambino. Forse la mia esperienza nel mondo della disabilità mi ha dato la possibilità di non aver paura, di essere pronto rispetto ad altri. Ed è questo quello che voglio comunicare, che la vita fondamentalmente è imperfetta, non esiste la perfezione. Nessuno può stabilire chi o cosa è normale, ma esistono le possibilità nella vita e non è detto che chi ha un figlio disabile sia infelice, ma si può essere felici anche delle imperfezioni. La fede fa parte della mia vita e sicuramente è stato un motore importantissimo».
Nel suo libro “Le nostre imperfezioni” Luca Trapanese racconta la storia di Livio che decide di partire per il Cammino di Santiago trascinando con sé due amiche fino alla tomba di San Giacomo. Per consolidare la propria fede e prendere finalmente i voti? O per il motivo opposto, temporeggiare quanto basta per capire se è davvero quella la sua strada? Di certo, ad animare le sue scelte è sempre stato l’amore per gli altri, una vocazione che lo ha portato molte volte lontano da casa – un bell’appartamento a Posillipo, coccolato da mamma e papà – e l’ha condotto in giro per il mondo, al fianco degli umili, dei bisognosi, degli ultimi. La risposta ai suoi dubbi lo attende nell’antico borgo di Portomarín e ha il volto sorridente di Pietro, un architetto dai tratti orientali e in sedia a rotelle, che si offre di accompagnarlo nella chiesa di San Nicola e di mostrargliene la prodigiosa bellezza. Una chiacchiera dopo l’altra, i due diventano presto inseparabili e decidono di proseguire insieme fino a Compostela, fino a scoprire un’altra preziosa verità: il Cammino più importante non si fa a piedi, ma con il cuore. E così l’arrivo al santuario si trasformerà nell’inizio di un nuovo percorso, più lungo e più difficile per entrambi. In un romanzo struggente e ricco di interrogativi che scavano l’anima dei personaggi, Trapanese ci ricorda che la vita non è una favola e ti colpisce sempre alle spalle, ma che lo stesso fa anche la felicità, arriva sempre da dove meno te l’aspetti.
Luca Trapanese ha 45 anni, è nato a Napoli il 14 Gennaio 1977. Appassionato di viaggi e acquerelli, gira il mondo da quando aveva solo quattordici anni, viaggiando soprattutto in India e in Africa.
Ha studiato Lettere all’Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa di Napoli, e ha inoltre una seconda laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione. Da sempre svolge attività di volontariato in paesi in via di sviluppo con l’Associazione delle suore di Maria Teresa, per la quale ha coordinato tantissimi progetti.
Cattolico praticante, dichiara di essere cresciuto spiritualmente sui treni bianchi per Lourdes, impegno volontario grazie al quale ha creato fortissimi legami con tanti ragazzi disabili.
È il fondatore di “A ruota libera Onlus”, associazione benefica creata a Napoli nel 2007 insieme ad Edoardo Salvarese che ha lo scopo di creare progetti e opportunità per le persone affette da disabilità.
Luca Trapanese è stato il primo uomo single omosessuale ad adottare una bambina affetta da sindrome di Down in Italia. Nel 2017, viene contattato per l’affido della piccola Alba di appena un mese, affetta da sindrome di Down. Alba era stata abbandonata dalla madre poco dopo la sua nascita e rifiutata da diverse famiglie fino a quando arriva Luca che decide di adottarla iniziando così un nuovo capitolo della sua vita, quello da padre.

Piano di Sorrento, Luca Trapanese presenta il suo libro "Le nostre imperfezioni": «Nessuno può stabilire chi o cosa è normale»
Piano di Sorrento, martedì 4 maggio presentazione del libro di Luca Trapanese "Le nostre imperfezioni"

Durante la presentazione c’erano anche i componenti dell’associazione  Vita Attiva 

 

Pubblichiamo la nota della consigliera delegata Pinella Esposito

L’evento sulla presentazione del libro “Le nostre imperfezioni “di Luca Trapanese Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Napoli tenutosi presso il centro polifunzionale del Comune di Piano di Sorrento ha rappresentato un momento molto forte ricco di emozioni .
Il cammino di Santiago ….un cammino speciale che ognuno desidera percorrere che ognuno si trova ad intraprendere o che ognuno deve fare….
In un periodo storico in cui sembra contare soltanto la perfezione, questo romanzo ci mette davanti alla bellezza dell’essere come siamo, fragili e imperfetti.
Nel bene e nel male le imperfezioni ci rendono unici e quello che può sembrare apparentemente un difetto in realtà può rivelarsi un pregio
Accoglienza ,Amore,diversità
Tutto ciò che racconta nel suo libro ma anche tutto ciò che ha trasmesso a me scambiando ,nella semplicità ,poche parole …
Luca Trapanese
Una persona dalle grandi qualità intellettive e di una sensibilità coinvolgente la stessa che ci accomuna e che ha lasciato in me un segnale forte verso un unico obiettivo….l’amore!!
È questo il sentimento di cui abbiamo maggiore bisogno, è questo il sentimento di cui non abbiamo mai abbastanza.
E’stata un’occasione di confronto e di stimolo per nuovi progetti/servizi sul ns territorio comunale e creare sinergie con il Comune di Napoli
Ringrazio tutti coloro che sono intervenuti :
GENNARO IZZO: RESPONSABILE DEL SETTORE II
DEL COMUNE DI PIANO DI SORRENTO
PINELLA ESPOSITO
CONSIGLiErE DELEGATA ALLE POLITICHE SOCIALI COMUNE DI PIANO Di SORRENTO
ROSSELLA DI LEVA:
COORDINATRICE DELL’ASILO
NIDO
“IL GIARDINO DELLE FIABE” DELLA
COOPERATIVA BOETHEIA
– FABIO DI MARTINO: PRESIDENTE DELLA
COOPERATIVA BOETHEIA
– VALENTINA VELLONE: COORDINATRICE DEL
PROGETTO “IMPARO A VIVERE DA SOLO”
PATRIZIA DE FILIPPO: COORDINATRICE DI “VITA
ATTIVA” DI GRAGNANO
Modera:
– ROBERTA CALBI: PRESIDENTE DI “VITA ATTIVA”
In particolare i nostri ospit

Translate »