Quantcast

Guerra Ucraina, stop ai combattimenti ad Azovstal, Mariupol è caduta

Più informazioni su

Guerra Ucraina, stop ai combattimenti ad Azovstal, Mariupol è caduta. Nel Donbass “è l’inferno”. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha descritto così la situazione nell’Est del Paese dove infuriano i combattimenti con l’esercito russo. Le forze di Mosca hanno “completamente distrutto” la regione orientale ucraina, ha aggiunto, accusando la Russia di aver condotto “bombardamenti insensati”. Le forze armate ucraine hanno riferito di bombe russe su 54 località nelle regioni di Donetsk e Luhans in 24 ore. Secondo Kiev 20 civili sono stati uccisi e almeno 50 sono rimasti feriti.

Nell’acciaieria Azovstal, dove per settimane i combattenti ucraini sono rimasti asserragliati mentre le truppe russe avanzavano su Mariupol, i vertici militari di Kiev hanno dato l’ordine ai soldati di fermare i combattimenti e di “smettere di difendere la città per salvare la vita dei soldati della guarnigione”. “Nonostante i pesanti combattimenti, la difesa e la mancanza di rifornimenti, abbiamo costantemente sottolineato le tre condizioni più importanti per noi: civili, feriti e morti”, ha affermato in un video su Telegram Denis Prokopenko, comandante del battaglione Azov. “I civili sono riusciti a essere evacuati, i feriti gravi hanno ricevuto l’assistenza necessaria e sono stati evacuati”, ha aggiunto.

Secondo il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, finora sono stati 1.908 i combattenti nell’acciaieria che hanno deposto le armi. Secondo Mosca inoltre sarebbero stati evacuati 177 civili “tra cui 85 donne e 47 bambini”. “A tutti è stata fornita assistenza medica e psicologica qualificata”, ha aggiunto Shoigu.

Un video pubblicato dal New York Times ha gettato nuova luce sul massacro dei civili a Bucha. Nel filmato si vede un gruppo di nove persone in abiti civili camminare con le mani dietro alla testa sotto la minaccia dei fucili. Un secondo video girato da un drone sembra mostrare gli stessi uomini morti. Fra i cadaveri infatti c’è un uomo con una felpa blu, ben riconoscibile, che compare anche nel gruppo di prigionieri.

“Perseguiremo tutti i criminali di guerra”, ha promesso il presidente Zelensky, mentre a Kiev è in corso il primo processo dall’inizio della guerra contro un soldato russo. L’imputato è il 21enne Shishimarin, accusato di aver sparato a un civile disarmato di 62 anni nella regione di Sumy durante il quarto giorno di guerra. Il ragazzo, che l’avvocato difensore ha descritto come “stressato dai superiori e inconsapevole di quanto stesse accadendo”, rischia l’ergastolo. La sentenza è attesa per lunedì.

Fonte Iltempo.it

Più informazioni su

Commenti

Translate »