Quantcast

Vie del mare: la nuova sfida della costiera amalfitana. Boom di turisti, ma porti non all’altezza

Il turismo in costiera amalfitana negli ultimi tempi vive per lo più degli arrivi via mare: un successo inaudito per le compagnie marittime che effettuano il trasporto pubblico tra Amalfi, Sorrento, Capri, Positano e le perle delle due costiere. Torniamo sulla vicenda finita nel mirino dei media locali e nazionali: la precarietà delle infrastrutture in provincia di Salerno. La costiera amalfitana ha sempre retto i ritmi frenetici degli arrivi turistici seppur con molte difficoltà dovute alla viabilità e traffico, ma stavolta una nuova sfida arriva via mare. Si tratta dei porti delle città turistiche della Diva Costa. Dal molo Masuccio – come scrive Il Mattino intervistando Marcello Gambardella – partono una trentina di corse via mare giornaliere per raggiungere Amalfi, Positano, Cetara, Maiori. Banchine limitate, problemi di insabbiamento e porti non all’altezza dell’affluenza che registrano le compagnie marittime. Il sold out ha costretto questi ultimi ad aumentare le corse, ma a quanto pare il vincolo dei porti condizionerà molto la buonuscita di questa idea. Insomma, seppur ci siano tutti i presupposti per registrare numeri da record in costiera amalfitana – turisti in arrivo da ogni dove e con ogni mezzo – i porti non sono all’altezza per accoglierli tutti.

Commenti

Translate »