Quantcast

Un uomo simbolo della lotta alla mafia Pietro Grasso a Piano di Sorrento “Vedo nei giovani l’unica grande, concreta possibilità di riscatto” foto

Piano di Sorrento ( Napoli )  Pietro Grasso questa mattina  martedì 12 aprile è stato ospite  al Teatro delle Rose per un evento con  gli studenti dell’Istituto Comprensivo di Piano di Sorrento e delegazioni dell’Istituto Nautico “N. Bixio” e del Liceo “P.V. Marone“.

pietro-grasso3-540x370
“Vedo nei giovani l’unica grande, concreta possibilità di riscatto”: a 30 anni dalla morte di Falcone e Borsellino, Piano di Sorrento ha avuto il privilegio di poter ospitare l’On. Pietro Grasso, già Presidente del Senato e Procuratore nazionale antimafia, nonché Giudice a latere nel primo Maxiprocesso contro Cosa Nostra, che stamane ha incontrato gli studenti delle scuole del territorio
Tano Grasso

Educare e formare i ragazzi alla legalità permette loro di diventare cittadini consapevoli e capaci di compiere scelte! La legalità rappresenta il coraggio di saper scegliere per un futuro migliore e noi abbiamo il dovere di educarli

Antonella Arnese assessore dell’amministrazione Cappiello , annuncia così sul suo profilo facebook, che leggiamo questa sera  questa bella iniziativa.

Vogliamo complimentarci con l’assessora, abbiamo apprezzato l’iniziativa, che Positanonews ha ampiamente seguito e documentato, con video e articoli, a dimostrazione che le cose buone dell’amministrazione carottese le apprezziamo al centro Polifunzionale. In quella circostanza c’è stato un incontro con il sostituto procuratore della DDA di Napoli giudice Visone e con la prima testimone di giustizia Piera Aiello, l’evento realizzato con la  prof. Sicignano del Liceo Classico “P.V.Marone” di Meta da sempre attiva con progetti sulla legalità e contro la violenza sulle donne e contro la criminalità, un calendario, fumetti, insomma un lavoro enorme di sensibilizzazione del Liceo metese che si dimostra un’eccellenza anche in questo . L’incontro di martedì è davvero di grande valore, parliamo di un uomo simbolo della lotta alla mafia .

Chi è Pietro Grasso

GrassoPietro. Così recita la Treccani – Magistrato e uomo politico italiano (n. Licata 1945). Ha iniziato la sua carriera in magistratura nel 1969 come pretore a Barrafranca. Nel 1984 ha ricoperto l’incarico di giudice a latere nel primo maxiprocesso a Cosa nostra a fianco del presidente della corte A. Giordano, ed è stato estensore della sentenza che ha inflitto 19 ergastoli e oltre 2600 anni di reclusione. Conclusosi il maxiprocesso, G. viene nominato consulente della Commissione antimafia. Nel 1991 viene nominato consigliere alla Direzione affari penali del Ministero di grazia e giustizia, il cui “guardasigilli” era C. Martelli, che chiamò anche G. Falcone, e componente della Commissione centrale per i pentiti. A Palermo è stato Procuratore della Repubblica dal 1999 al 2004. Dal 2005 al 2012 è stato Procuratore nazionale antimafia, dimessosi per presentarsi alle successive elezioni politiche. Alle elezioni del 2013 è stato eletto senatore nelle fila del Partito democratico. Il 16 marzo dello stesso anno è stato eletto Presidente del Senato con 137 voti su 313, ruolo ricoperto fino al 22 marzo del 2018. Il 14 gennaio 2015 è stato, dopo le dimissioni di G. Napolitano, Presidente della Repubblica supplente, fino al 3 febbraio successivo, giorno del giuramento del Presidente della Repubblica S. Mattarella. Il 26 ottobre del 2017 ha lasciato il gruppo parlamentare del PD ed è passato al gruppo misto, in dissenso sulla linea del partito, dopo l’approvazione con voto di fiducia della nuova legge elettorale. Nel dicembre dello stesso anno ha lanciato il movimento politico Liberi e uguali, del quale è stato candidato premier alle elezioni politiche del 2018, alle quali il movimento ha ottenuto circa il 3,3% dei voti e G. è stato rieletto al Senato. Tra le sue pubblicazioni: La mafia invisibile. La nuova strategia di Cosa Nostra (con S. Lodato, 2001); Pizzini, veleni e cicoria. La mafia prima e dopo Provenzano (con F. La Licata, 2008); Per non morire di mafia (con A. La Volpe, 2009); Soldi sporchi. Come le mafie riciclano miliardi e inquinano l’economia mondiale (con E. Bellavia, 2011); Liberi tutti. Lettera a un ragazzo che non vuole morire di mafia (2012); Storie di sangue, amici e fantasmi. Ricordi di mafia (2017); Paolo Borsellino parla ai ragazzi (2020).

Per conoscere meglio la storia di Pietro Grasso clicca qui 

Commenti

Translate »