Quantcast

Sorrento. Dopo l’edizione virtuale, torna in presenza “Una Notte Artigiana”

Sorrento. Dopo l’edizione virtuale, torna in presenza “Una Notte Artigiana”. L’associazione Peninsulart dedica la sua notte ai giovani

Questa sera, alle ore 19.30, nell’Istituto Superiore ad indirizzo Raro “F. Grandi” di Sorrento, si svolgerà la seconda edizione di “Una Notte Artigiana” che si inserisce nella fortunata iniziativa di respiro nazionale, ideata dal sociologo napoletano Vincenzo Moretti con Alessio Strazzullo e realizzata insieme a Jepis Bottega.

Quest’anno l’associazione Peninsulart si avvale della collaborazione, oltre che della storica dell’arte Assunta Vanacore, dei dirigenti e del corpo docenti del su menzionato istituto, del Liceo Scientifico “G. Salvemini” e dell’Istituto Polispecialistico “San Paolo” di Sorrento. Questo per coinvolgere i giovani del territorio, che a detta di Marcello Aversa, Presidente dell’associazione Peninsulart, “sono il nostro presente”. Perché secondo il ceramista sorrentino “dire che i giovani sono il nostro futuro forse è l’errore più grande che stiamo commettendo”, nel senso che bisogna renderli protagonisti oggi, dare a loro la parola. E allora a raccontare le storie di chi lavora con testa, mani e cuore non saranno solo gli artigiani e i maestri d’arte, ma anche gli studenti che si apprestano ora a vivere le loro prime esperienze, guidati in maniera sapiente dagli insegnanti. A rappresentare gli artigiani, tra gli altri, l’intarsiatore Franco Stinga, l’orafa Paola De Angelis, il liutaio Ernesto Scarpato, lo stilista Ferdinando Fusco.

La dirigente Daniela Denaro che ospita l’evento nel suo istituto annuncia: “Aver pensato di celebrare la festa del lavoro in una scuola rappresenta un segno tangibile e assolutamente non scontato di voler dare voce ed ascolto alle esigenze e ai pensieri delle giovani generazioni, in un’epoca in cui sono venuti a mancare loro troppi punti di riferimento”. Insieme ai racconti sarà dato spazio anche alla musica, perché l’istituto Grandi è pure Liceo Musicale, e a qualche assaggio di sfizioserie, grazie alla partecipazione degli studenti del San Paolo, che faranno tesoro dei consigli del maestro pizzaiolo Antonino Esposito e del pasticcere Roberto Pelliccia presenti all’evento.

Durante la serata verrà proiettato un prodotto multimediale, realizzato in seguito alla partecipazione di alcuni studenti del Liceo Scientifico alla mostra Manufactum, nelle vesti di guide. Esso racconta la passione e l’amore, che sono alla base delle esperienze creative degli artisti che hanno partecipato alla mostra organizzata da Peninsulart.

Non mancheranno le emozioni e le sorprese in questo momento di incontro e confronto di cui, oggi più che mai, si sente fortemente il bisogno, dopo il duro periodo trascorso.

Dopo l'edizione virtuale, torna in presenza "Una Notte Artigiana"

Commenti

Translate »