Quantcast

Giallo sulla vicenda Mino Raiola: “È vivo ma in gravi condizioni”

“Morto Mino Raiola”, intitolava qualsiasi testata giornalistica qualche minuto fa. La verità è che il procuratore sportivo pare sia ancora vivo, anche se in condizioni gravissime. Si tratta di uno dei più famosi e potenti procuratori del mondo del calcio originario di Nocera Inferiore, in provincia di Salerno. L’agente italo-olandese cura gli interessi di alcuni dei maggiori protagonisti di questo sport, da Haaland ad Ibrahimovic, dallo juventino De Ligt all’ex Pogba, passando per Balotelli, Donnarumma e, in passato, l’attuale vicepresidente bianconero Pavel Nedved. A gennaio si erano diffuse voci su un suo ricovero d’urgenza al San Raffaele di Milano, smentite poi dal suo entourage con un comunicato. Stavolta, invece, si è visto costretto a smentire la morte di Mino Raiola il suo medico. Il primario dell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione del San Raffaele, Alberto Zangrillo. “Sono indignato dalle telefonate di pseudo giornalisti che speculano sulla vita di un uomo che sta combattendo”. Sul profilo twitter di Raiola intanto è comparso un messaggio: “Per la seconda volta in 4 mesi mi hanno dato per morto, sembra sia anche in grado di resuscitare”.

Commenti

Translate »