Quantcast

‘Io sono Nina’ Il nuovo libro della scrittrice Positanese Pina Irace

Dalla Bottega del Teatro a Positano a scrittrice di successo

Più informazioni su

E’ disponibile in questi giorni nelle librerie ed on-line il nuovo libro della scrittrice positanese Pina Irace : ‘Io sono Nina’.  Dedicato alla narrativa per ragazzi, dai 10 anni in su, è un racconto con alcune ‘scene’ ambientate nella gioventù positanese dell’autrice : Nina ha otto anni e una testa zeppa di ricci e di pensieri. Pensare è il suo passatempo preferito. A cosa pensa? A storie, avventure, invenzioni, risposte e soluzioni. Ma soprattutto al suo segreto. Nina ha tre nonne, l’ultima, Nonna Bluetta racconta storie: è stata una grande attrice di teatro, ma il ruolo della nonna non lo aveva mai interpretato quando calcava le scene, e ora, non le dispiace affatto. C’è poi Giovanni, l’amico del cuore che ne conosce di cose, una mamma in carriera, un papà spesso impolverato e tre sorelle con tutti i difetti tipici delle sorelle. Ci sono ancora: un nonno affabulatore, un nonno lontano, due nonne d’acqua e vari e variegati personaggi che fanno parte di quel grande affresco di umanità che abita l’isola. L’isola è sempre presente, con le sue distanze che si misurano col numero degli scalini, le sue spiagge senza nome, la sua strada circolare, e il suo mare immenso, che sa cullare e giocare ma anche diventare prepotente e dispotico, perché il mare fa sempre e semplicemente il mare. Un racconto sui sogni che fanno diventare grandi. Un inno gioioso al teatro e alla capacità di sapersi immaginare diversi. Pina Irace, uscita direttamente dalla Bottega del Teatro di Gaetano Stella, ‘fucina’ di talenti positanesi degli anni ’80, non è nuova a cimentarsi nella narrativa per ragazzi, prima di Io sono Nina, ha pubblicato Il sole col singhiozzo (2016) , Il domatore di foglie (2019), Quasi quasi oggi cresco (2019), Un pò più in là (2021). Alcune note biografiche dell’autrice: Pina irace si diploma nel 1989 alla Scuola di Teatro “La Scaletta” di Roma diretta da G.B. Diotajuti, oltre ai corsi di studio su recitazione, dizione, dizione in versi, metodo mimico Orazio Costa Giovangigli, psicodramma, commedia dell’arte e studio della maschera, drammaturgia, storia del teatro, frequenta inoltre i corsi di scrittura creativa con Iaia Fiastri, Leo Benvenuti, Giorgio Prosperi, Mario Castellacci, Giuseppe Manfridi, Bruno Tognolini. La sua esperienza teatrale spazia dalla tragedia greca “Ur Oedipous” da Sofocle, regia di Pino Manzari, alla trilogia musicale dalla Belle Epoque al Varietà con la regia di Romolo Siena, dal teatro politico Flos Florum con le scene di Mario Schifano, alla drammaturgia contemporanea di Manlio Santanelli “Il naso di famiglia”, regia di Nello Mascia, alla tradizione napoletana “La Santarella”, regia di L. De filippo, ai classici americani “Chi ha paura di Virginia Woolf” di E. Albee, regia di Renato Giordano. Ha inoltre partecipato alla vita teatrale romana interpretando ruoli in testi di giovani autori C. Belsito, L. Melchionna, M. Bresciani, G. De Cristofaro e proponendo essa stessa nuovi percorsi narrativi e teatrali rappresentati in diversi teatri italiani. Per il Cinema indipendente ha scritto e interpretato i cortometraggi “Ok vengo”, “Terapia in azione”, “Claps. Una giornata straordinaria” che hanno partecipato a rassegne internazionali come “Visioni Italiane” e ha vinto il premio “Excelsior” Roma come miglior attrice per “Videomaker”. Da sempre alterna la sua attività di attrice con la conduzione di laboratori teatrali rivolti a bambini, ragazzi e adulti in collaborazione con scuole e istituzioni pubbliche; da progetti per la prevenzione alla tossicodipendenza a percorsi ricreativi per soggetti con problemi psichiatrici, dalla sensibilizzazione alle discipline artistiche a percorsi integrativi scolastici. Particolarmente attiva è la sua partecipazione nella realtà di teatro ragazzi con produzioni della propria associazione “Le invenzioni inutili” o in collaborazione con compagnie come Ca’ luogo d’arte. La sua passione per la scrittura si è concretizzata nella pubblicazione degli albi illustrati per bambini “Il domatore di foglie” e “Il sole col singhiozzo”, editi da Zoolibri, usciti con successo anche in Cina, Giappone, Corea, Israele, Danimarca, Brasile. Svolge inoltre percorsi di educazione alla lettura presso scuole e biblioteche. (foto e notizie bibliografiche da noveteatro.it)

 

Più informazioni su

Commenti

Translate »