Quantcast

Amalfi, Regata Storica: il 5 giugno nella città costiera la sfida tra le quattro regine dei mari

Svelato il logo della 66° Edizione della Regata Storica

Più informazioni su

Amalfi, Regata Storica: il 5 giugno nella città costiera la sfida tra le quattro regine dei mari.

Amalfi, Regata Storica

Svelato il logo: “Parte da qui lo studio dell’Ente che, in tandem con Giuseppe Durante di “Operadesign”, decide di recuperare il vecchio “simbolo” dello storico galeone di Amalfi che torna a essere l’immagine topica di questa edizione. La polena  è stata una vera e propria scultura in legno posizionata nella parte estrema del galeone e il segno grafico identificativo della 66a Regata Storica della Repubblica di Amalfi non può che essere l’elemento “estremo” ed identificativo dell’imbarcazione nel punto di arrivo. Il cavallo alato che cavalca le onde del mare è la traccia grafica elaborata proprio come “pittogramma” non solo della manifestazione storica, ma anche come segno rappresentativo della Divina Costa, che ha il suo cuore in Amalfi. Partendo dal presupposto che distinguersi è una questione di stile e che in Amalfi risieda una marcia unica e inconfondibile, la Repubblica Marinara esalta la sua polena, omaggio alla storia popolare della costiera e al glamour della tradizione“.

La città di Amalfi torna a essere teatro della Regata delle Antiche Repubbliche Marinare. Ufficializzata la data della 66esima edizione della rievocazione storica, nata sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica.

L’appuntamento è stato ufficializzato nel corso dell’ultimo Comitato generale delle Antiche Repubbliche durante il quale il Sindaco di Amalfi, Daniele Milano, ha definito anche con i rappresentanti delle città di Genova, Pisa e Venezia le linee guida per la realizzazione dell’evento.

Al momento, fuori, solo la data della Palio Remiero: domenica 5 giugno 2022. Ad Amalfi si lavora già per la costruzione di giornate straordinarie che culmineranno con la competizione dei Galeoni. Ci saranno incontri, eventi collaterali e happening dedicati che, all’ombra del maestoso campanile del Duomo, andranno a irrobustire l’autenticità di un evento “immortale” in cui il fascino dei luoghi si specchia nel mare, la magnificenza dell’agonismo nella suggestione di un momento che è patrimonio culturale.

«Abbiamo una storia da custodire e difendere: la competizione sportiva sarà il culmine di una serie di appuntamenti tradizionali e anche nuovi, sintesi perfetta tra passato e futuro che andranno a rimarcare l’identità delle Antiche Repubbliche Marinare, a prescindere dal Palio Remiero. Dopo ben sei anni di attesa, siamo ben felici di tornare ad accogliere la Regata e gli imponenti Cortei storici delle nostre quattro Città dal passato glorioso. Un passato in cui Amalfi fu la prima a raggiungere un’importanza di primo piano, acquisendo l’indipendenza de facto dal Ducato di Napoli nell’839», ricorda il Sindaco di Amalfi , Daniele Milano che aveva lasciato intendere che all’orizzonte ci saranno nuovi momenti di grande suggestione che affiancheranno l’appuntamento canonico in acqua.

Nell’attesa di scoprire le novità che colorano la 66esima edizione della competizione sportiva, invariata resta la sfida tra i galeoni delle antiche quattro Repubbliche su un campo di gara lungo 2mila metri in linea che abbraccia il tratto di mare che va dal Capo di Vettica fino alla Marina Grande.

Più informazioni su

Commenti

Translate »