Quantcast

VAS (Verdi Ambiente e Società) oggi in piazza con in giovani per il clima e per la pace.

Come accade da qualche anno, quella di oggi sarà una giornata importante in tantissime città del mondo. Dove migliaia di ragazze e ragazzi che, come accade da qualche anno, scenderanno in piazza per lo sciopero mondiale organizzato da Fridays For Future. Stavolta, come ci dicono i FFF Italia, lo sciopero sarà anche contro la guerra!  VAS – Verdi Ambiente e Società sarà in piazza con loro, con chi sta lottando per un futuro migliore e per il futuro dei figli.

VAS

Con chi chiede ai governi di agire subito con atti concreti per una vera transizione ecologica ,per la PACE.
per la giustizia climatica e per la giustizia sociale.   A dichiaralo direttamente il presidente VAS, Stefano Zuppello.  Per il quale ,giustizia climatica, giustizia sociale e pace, sono collegati. La dipendenza dai combustibili fossili è il tema che in questi giorni di guerra è all’ordine del giorno. La risposta che i Governi, compreso il nostro, stanno dando è la ricerca di forniture di combustibili fossili da altri Paesi.  In tal modo ,secondo Zuppello, la transizione ecologica viene praticamente accantonata, mentre le spese militari vedono un ulteriore aumento a discapito dei servi sociali, della sanità pubblica e della ricerca delle energie rinnovabili e di conseguenza aumentano  le differenze sociali. La guerra, oltre a portare lutti terribili e distruzioni, non fa certo bene all’ambiente. Basti pensare alle varie forme di inquinamento compreso quello da uranio impoverito, alla distruzione di migliaia di ettari di territorio agricolo, al consumo di carburante. Nelle guerre
post-11 settembre: dal 2011 al 2017 per il solo consumo di combustibile, si è arrivati all’emissione di 1,2 miliardi tonnellate di gas serra (CO2 equivalente).
Per il presidente VAS, un altro mondo è possibile, una transizione giusta è possibile, oltre ad una  giustizia climatica e una giustizia sociale, la pace per tutti è possibile.
E il momento è adesso. Questo grideranno oggi le migliaia di giovani nelle piazze. – 25 marzo 2022 – salvatorecaccaviello

Commenti

Translate »