Quantcast

Svastiche naziste al resort di Cannavacciuolo, denunciato un 25enne di Massa Lubrense, era per il posto auto

Svastiche naziste al resort di Cannavacciuolo, denunciato un 25enne di Massa Lubrense, era per il posto auto Aveva disegnato due svastiche: una sull’insegna del resort del noto chef Antonino Cannavacciuolo, l’altra sul muro adiacente. Ma è stato individuato e denunciato dai carabinieri della compagnia di Sorrento coordinati dal maggiore Ivan Iannucci. Si tratta di un 25enne di Massa Lubrense, già noto alle forze dell’ordine. Anche se sono in corso ulteriori accertamenti sulle motivazioni che hanno mosso il giovane, si può escludere la matrice politica. Il ragazzo frequenta in maniera abituale la frazione collinare di Ticciano, dove ha sede la struttura ricettiva, poiché nel borgo vive la sua fidanzata. Probabilmente a innervosirlo è stata la continua difficoltà nel trovare il parcheggio per l’auto, diretta conseguenza dell’apertura del resort del famoso chef.
Un motivo futile da cui sembra essere scaturito un gesto impulsivo e irresponsabile, al quale il giovane ha, però, tentato di porre rimedio. Il 25enne ha, infatti, successivamente provato a pulire l’insegna e il muro imbrattato, senza successo. E allora ha chiesto scusa. Un episodio sicuramente condannabile, ma non così grave quanto si temeva. In un primo momento si era pensato che quelle svastiche potessero rappresentare la manifestazione di un’ideologia. Poi il timore che ci fosse un unico folle autore dietro questi gesti (anche quello a piazza Siani). E infine, grazie all’attività di indagine dei carabinieri, è venuto fuori che la svastica disegnata con uno spray sull’insegna del resort e quella sul muro nella frazione di Ticciano non sono collegabili alla svastica comparsa nella piazza del Comune qualche mese fa.

Commenti

Translate »