Quantcast

Sorrento, sulla Giunta le ragioni del sindaco Coppola

Più informazioni su

Mossa a sorpresa del sindaco di Sorrento, Massimo Coppola. Con un’ordinanza emanata ieri il primo cittadino ha stabilito di revocare le deleghe agli assessori che compongono la giunta municipale. Incarichi che erano stati conferiti all’indomani delle elezioni dell’autunno 2020 che sancirono la vittoria dello schieramento guidato da Coppola nei confronti della coalizione che faceva capo a Mario Gargiulo. I due si sfidarono al ballottaggio che vide prevalere l’attuale sindaco. Gli altri due candidati ad indossare la fascia tricolore, Francesco Gargiulo e Marco Fiorentino, rimasero, invece, fuori dai giochi dopo il primo turno. Quest’ultimo, però, si schierò con Coppola nel successivo testa a testa con Mario Gargiulo assicurando in tal modo, con la vittoria al ballottaggio, al proprio gruppo un posto in seno all’esecutivo cittadino. Equilibri che fino a ieri apparivano estremamente solidi e che ora sembrano improvvisamente vacillare, anche se non si registrano particolari fibrillazioni all’interno della maggioranza. Lo conferma il fatto che al momento mantengono comunque l’incarico gli assessori Gianluigi De Martino, Valeria Paladino, Rosa Persico, Alfonso Iaccarino ed Antonino Fiorentino, anche se, come spiega il primo cittadino nell’ordinanza emanata ieri, «fino a nuovo decreto restano in carico al sottoscritto le deleghe a tutte le materie, ferma restando la nomina a vice sindaco dell’assessore Gianluigi De Martino».
LE VALUTAZIONI
Per ora, quindi, nessun rimpasto. A questo proposito Massimo Coppola chiarisce al Mattino che quella avviata ieri «è una normale fase di riflessione» nel corso della quale «ci sarà il constante confronto con la giunta che è un organo collegiale e che deve lavorare in equipe per raggiungere gli obiettivi fissati». In sostanza, nei prossimi giorni, il sindaco intende verificare che gli attuali assessori siano in grado di fare gioco di squadra prima di «procedere a valutazioni successive» e prendere decisioni che saranno in ogni caso preliminarmente «condivise con i gruppi di maggioranza in Consiglio comunale». Ai componenti la giunta si chiede di mettere da parte i personalismi ed «essere partecipi di un unico grande progetto che metta al centro la città di Sorrento ed i suoi abitanti». Per quanto riguarda gli attuali membri dell’esecutivo, Coppola non boccia nessuno, dicendosi «contento del lavoro di tutti», anche se non nasconde che ci potrebbero essere avvicendamenti pur di «garantire un’efficace azione amministrativa guardando al futuro del territorio».
LE NOMINE
Tra l’altro non è detto che uscire dalla giunta significhi rinunciare a ricoprire ruoli cardine nella vita pubblica. Oltre ai 5 posti di assessore, infatti, ci sono in ballo anche le nomine del presidente del Consiglio di amministrazione di Penisolaverde, la municipalizzata di servizi, e quello di amministratore delegato della Fondazione Sorrento, ente deputato alla promozione turistica della città. Per quanto riguarda quest’ultimo incarico sembra essere in pole position lo chef stellato e fino a ieri assessore al Turismo, Alfonso Iaccarino. Ma la decisione arriverà solo nelle prossime settimane quando si riunirà il Cda presieduto dall’armatore patron di Msc, Gianluigi Aponte.

Più informazioni su

Commenti

Translate »