Quantcast

Perché si regala la mimosa per la Festa della donna?

Più informazioni su

Perché si regala la mimosa per la Festa della donna?  La mimosa è diventata negli anni il simbolo della Festa della donna: è da molti anni, infatti, che l’8 marzo viene regalato un ramo fiorito alle donne, proprio nel corso della Giornata internazionale che vuole ricordare le conquiste sociali, politiche ed economiche raggiunte dal sesso femminile. Ma perché?

Innanzitutto, bisogna ricordare che è proprio in questo periodo che la mimosa fiorisce. Ma non soltanto per questo.

Sono state le femministe ex-partigiane Rita Montagna e Teresa Mattei ad averle regalate per prime alla Festa della donna, anche se già secoli e secoli prima gli Indiani d’America avevano dato dei profondi significati simbolici all’iconico fiore giallo.

Le origini della festa della donna vengono tradizionalmente legate all’incendio di una fabbrica di camicie Cotton o Cottons avvenuto nel 1908 a New York, durante il quale persero la vita moltissime operaie. Leggenda narra che accanto alla fabbrica andata in fiamme ci fosse proprio un albero di mimose: Sarebbe proprio questo il motivo per cui la pianta è stata poi scelta come simbolo ufficiale della festa dedicata alle donne.

Diversa è invece la tradizione italiana: si dice che qui la mimosa sia diventata la “pianta delle donne” nel 1946, quando l’UDI, cioè l’Unione Donne Italiane, cercava un fiore che potesse essere regalato al sesso femminile in occasione della prima Festa delle donne del dopoguerra. La mimosa era una delle poche piante che fioriva agli inizi di marzo ed inoltre era poco costosa. Da allora è diventata anche nel nostro paese il simbolo di questa giornata.

Più informazioni su

Commenti

Translate »