Quantcast

Olga Smirnova, insignita del Premio Danza Positano, lascia il Bolshoi e la Russia contro la guerra in Ucraina

In fuga dalla guerra e per la pace la Smirnova ci ricorda Nureyev che qui a Positano trovò il suo rifugio e acquistò l'isola de Li Galli

Olga Smirnova, insignita del Premio Danza Positano, lascia il Bolshoi e la Russia contro la guerra in Ucraina . Olga Smirnova, lascia il Bolshoi e la Russia: “Contro questa guerra con ogni fibra del mio animo”, le sue parole. L’étoile russa che nel 2014 fu insignita del Premio di Danzatrice dell’anno al “Positano Premia la Danza Léonide Massine” è attesa al Teatro alla Scala nel gala che si terrà il prossimo 9 aprile in ricordo di Carla Fracci, ma sono molti i suoi estimatori anche nella Città Verticale, che la vorrebbero ospite della 50esima edizione del Premio “Léonide Massine” per celebrarne il coraggio di essersi schierata contro Putin. La accoglieremo a braccia aperte nella perla della Costiera amalfitana, da sempre “Città rifugio” per chi fugge dalla guerra, e siamo con tutti i popoli, di qualsiasi etnia o razza siano, che ripudino la guerra come strumento per la  risoluzione delle controversie. Amiamo tutti i popoli qui sono benvenuti  tutti i fratelli e sorelle ucraini e russi che vengono in pace e vogliono la pace. Una “fuga” questa della Smirnova che ci ricorda quella per la libertà dall’ex Unione Sovietica di Rudolf Nureyev che proprio qui trovò rifugio sull’isola de I Galli

Le brevi di Luigi De Rosa integrate dalla redazione di Positanonews. La bellissima foto di Vito Fusco

Olga Smirnova, chi è l’ex prima ballerina russa premiata a Positano che ha lasciato il Bolshoi in protesta contro la guerra?

Commenti

Translate »