Quantcast

Napoli, il marito muore all’ospedale e la moglie distrugge il pronto soccorso

Più informazioni su

Napoli, il marito muore all’ospedale e la moglie distrugge il pronto soccorso Il marito era appena morto e, quando le è stata negata la possibilità di entrare in ospedale e vederlo per l’ultima volta, ha danneggiato il Pronto Soccorso: a Napoli una donna di 47 anni è stata denunciata per danneggiamento aggravato dalla Polizia di Stato. Nel pomeriggio di ieri, giovedì 10 marzo, alcuni agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Napoli, su richiesta della Centrale Operativa, sono intervenuti all’ospedale Cardarelli, dove era stata segnalata la presenza di una persona molesta. Quando gli agenti sono arrivati sul posto, sono stati avvicinati da una guardia giurata in servizio nel nosocomio, che ha raccontato di una donna che, ricevuta la notizia della morte del marito, voleva entrare in ospedale, nonostante non avesse effettuato tampone, con esito negativo, necessario per accedervi: al rifiuto, la donna si è scagliata contro la porta di ingresso del triage del Pronto Soccorso, danneggiando il pannello. Identificata, la 47enne è stata denunciata dai poliziotti.

Quattro infermieri aggrediti all’ospedale del Mare

Ancora nel pomeriggio di ieri, all’ospedale del Mare invece, quattro infermieri del Pronto Soccorso sono stati aggrediti dai parenti di un paziente. L’uomo, nonostante fosse già stato preso in carico e fosse stato sottoposto ad alcuni accertamenti, ha lamentato ritardi nella visita specialistica dell’urologo. I parenti che aspettavano nella sala d’attesa del Pronto Soccorso hanno così dapprima cominciato ad inveire contro il personale sanitario presente e sono poi passati all’azione, aggredendo quattro infermieri, uno dei quali è stato colpito con un secchio utilizzato per i rifiuti speciali. La vicenda è stata raccontata dall’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate

Più informazioni su

Commenti

Translate »