Quantcast

“Mare Nostrum” il nuovo progetto musicale dei Dubludio

“Mare nostrum” è il titolo del nuovo album dei DUBLUDIO al secolo Dario Mennella (Percussionista/Compositore) e Salvatore Schiano (Chitarrista/Compositore) che hanno come mission core la fusione dei timbri delle percussioni con quelli della chitarra. Le loro composizioni danno vita ad un linguaggio musicale multiculturale originale e innovativo che declina le armonie dell’Acid jazz con quelle dell’Ambient, le sonorità dell’Elettroacustic con la “Indie”, quindi la vision quasi avanguardistica dalla Progressive intessuta con il Reggae, infine azzardi affascinanti con Traditional, musica da camera e Trip Hop. I loro primi due progetti musicali, l’omonimo “Dubludio” (Raicom edit.) e il nuovissimo “Mare nostrum”, coinvolgono altri artisti che meritano menzione: Pasquale Termini al violoncello, Daniele De Santo al basso e contrabbasso, Arcangelo Nocerino alla batteria, Susanna Giordano alla voce, Francesca Masucci, Owen Cox e Julia De Camillis ai violini. L’album “Mare Nostrum” è costituito da nove tracce che rapiscono l’attenzione dell’ascoltatore e lo conducono per mano alla scoperta del Mediterraneo così come lo intendeva lo storico francese Fernand Braudel, monde – Méditerranée, dove con “mondo” lo storico intendeva precisamente una realtà non omogenea, plurale, nella quale ci sono popoli e stati differenti, che interagiscono e si trasformano in continuazione. Il viaggio musicale proposto dai Dubludio comincia con un’Alba impregnata di sonorità mediterranee, si naviga a vista fino a Creta, ad accoglierci è la bella Calliope ma la plastica bellezza greca lascerà presto il passo al Duende, vale a dire l’emozione che solo il flamenco andaluso può e sa regalare. A questo punto l’album cambia registro la sesta traccia “Dunia”, che in sanscrito vuol dire Mondo, è appunto una finestra aperta oltre il Mare Nostrum, il pensiero vola libero,  percussioni e chitarre s’intrecciano con vocalizzi eterei, per poi ritornare da dove siamo partiti e all’Alba, titolo del primo brano, succede “Tramonti” che con suoni d’archi annuncia la fine di un percorso dai paesaggi musicali molto affascinanti e unici. Un progetto musicale “Mare Nostrum” del duo Mennella – Schiano colto, elegante, frutto della creatività di due professionisti pluripremiati che dimostrano con la passione che li contraddistingue di aver  saputo realizzare  un musical concept album di respiro internazionale.

di Luigi De Rosa

DUBLUDIO: https://dubludio.com/home

Generico marzo 2022

Dario Mennella, nato nel 1985 a Napoli, si laurea in Strumenti a Percussione presso il Conservatorio Statale di Musica N. Sala (Bn). Ha ampliato il suo percorso di studi partecipando a Master internazionali di percussioni e Seminari di batteria con: Ney Rosauro, Peter Sadlo, Danielle Ganeva, Peter Erskine, Dennis Chambers, Billy Cobham, Thomas Lang, Edoardo Giachino. Musicista pluripremiato: Concorso Internazionale L. Denza (1° premio) Concorso Internazionale di esecuzione musicale Città di Airola (1° premio), Concorso Nazionale Campi Flegrei (1° premio), Concorso Internazionale di Musica della Val Tidone (3° class.), Concorso Nazionale D. Cipolla (3° class.). Nel corso degli anni ha collaborato con: l’Accademia Mandolinistica Napoletana, Roberto De Simone, Luis Bacalov, Bruno Venturini, la Cesi Marciano Ensamble, l’Orchestra Stabile del Molise, la Bottega dei quattro (Luigi Ottaiano), l’Orchestra della Canzone Classica Napoletana del Conservatorio N. Sala, I Teatrini, Gerardo Attanasio, Toto Toralbo, Susanna Canessa e molti altri. Si è esibito sul palco con: Fausto Mesolella, Fiorella Mannoia, Dirotta su Cuba, Paolo Conte, Lello Giulivo, Flo, Pietra Montecorvino, Valentina stella. Nel 2009 ha iniziato una collaborazione con Pietro Ferri, editore R.A.I Trade, per il quale ha composto alcune colonne sonore.

Generico marzo 2022

Salvatore Schiano, laureato in Sociologia della Musica presso l’Università “Federico II” di Napoli, è un compositore e interprete italiano, ha studiato con alcuni dei più grandi solisti d’Italia; tra questi, Giovanni Petrazzuolo e Antonio De Innocentis. Diplomatosi nel 2011 in chitarra classica presso il “Conservatorio G. Martucci” di Salerno, Italia. Nel 2012 si trasferisce a Londra dove studia per un Master in Composizione per Schermo al Royal College of Music (RCM) con Francis Shaw ed Enrica Sciandrone, diplomandosi nel giugno 2014.Nella sua carriera ha brillantemente coniugato sia l’attività di interprete che quella di compositore, le sue composizioni per chitarra, vibrafono, violoncello ed elettronica hanno vinto il primo premio ai Concorsi Internazionali di Musica da Camera “Antonio Sacchini”, e al “Concorso Internazionale di Musica della Val Tidone”. Salvatore è un compositore molto versatile. Attualmente il suo portfolio comprende musica per il teatro, il cinema e la televisione, musica strumentale divisa in musica orchestrale ed elettroacustica. Dal 2011 collabora con diverse librerie musicali. Durante l’ultimo anno a Londra Salvatore Schiano ha composto musiche per la National Gallery, la National Portrait Gallery, la Ex Animo Foundation, la Roundhouse, la London Film School. Inoltre è stato selezionato per far parte della serie “Great Exhibitionists” e dell’annuale “RCM showcase” che si è tenuto nel prestigioso Britten Theatre.

A cura di Luigi De Rosa

Da oggi disponibile su Spotify “Mare Nostrum” il nuovo progetto musicale dei DUBLUDIO

 

Commenti

Translate »