Quantcast

Il Liceo Marone di Meta con DIH Campania incontra il futuro

Più informazioni su

Il Liceo Marone di Meta con DIH Campania incontra il futuro . Una notizia che ci riguarda molto da vicino, non solo il Liceo Classico e Linguistico Marone è un punto di riferimento per la Penisola Sorrentina, con studenti da Sorrento a Vico Equense, ma anche di mezza Costiera amalfitana, Positano e Praiano oramai sono orientati qui rispetto ad Amalfi , ultimamente il Liceo guidato dalla dirigente scolastica Arpino sta ottenendo molti risultati positivi, tanto da farlo primeggiare in Campania e non solo , a parlarne oggi sul Mattino di Napoli Massimiliano D’Esposito
Formare una nuova generazione di studenti che siano in grado di affrontare le sfide del mondo digitale. È l’obiettivo del progetto che nasce dalla partnership tra il liceo Publio Virgilio Marone di Meta, in Costiera sorrentina, e il Campania Digital Innovation Hub (DIH), società consortile costituita dalle Associazioni Territoriali Campane di Confindustria (Unione degli Industriali di Napoli, Confindustria Avellino, Confindustria Benevento, Confindustria Caserta, Confindustria Salerno), dall’Ance Campania e dalle aziende Tim, WindTre e Netgroup. Il Campania DIH Rete Confindustria si occupa di fornire alle imprese del territorio regionale servizi che spaziano dall’informazione e formazione al sostegno nei progetti di trasformazione digitale, dalla consulenza tecnica e finanziaria al mentoring e formazione di manager fino al supporto nell’accesso ai finanziamenti. Si punta così a migliorare la competitività delle imprese, indirizzandole verso i partner che possono aiutarle durante il percorso di trasformazione digitale. Un’attenzione particolare è rivolta alle Pmi, che talvolta hanno difficoltà a identificare le loro criticità o le potenzialità o a raggiungere i provider di innovazione.
L’EUROPA
La vision del Campania Dih, di recente trasformatosi in società consortile, è la creazione nella regione di una innovativa rete di collaborazione tra industrie, centri di ricerca e altri attori istituzionali per la realizzazione del nuovo paradigma Industry 4.0. Il Dih era partito come un’associazione per tenere conto della legge che li istituiva, poi si è avviato un processo di trasformazione ed è nata una società consortile. Una scelta operativa e necessaria per allinearsi alle esigenze e alle opportunità europee. E si chiama «Digital Challenge» il progetto di orientamento al lavoro sui temi dell’innovazione digitale che coinvolge il liceo Marone di Meta e che si concretizzerà tra aprile e maggio prossimi interessando le quarte classi. Questo perché la dirigenza dell’istituto scolastico considera prioritario lo sviluppo delle competenze digitali degli studenti, con particolare riguardo al pensiero computazionale, all’utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media nonché alla produzione e ai legami con il mondo del lavoro. Tra le società che hanno aderito al progetto c’è Netgroup, multinazionale italiana specializzata in soluzioni IT e Cybersecurity, che ha intuito da tempo la necessità di adeguare il lavoro alle nuove esigenze. Proprio in questa direzione, nel 2015, ha varato la Netgroup Academy, dei percorsi pensati per la crescita professionale e con l’obiettivo di creare i futuri professionisti dell’IT. In campo c’è anche Tim, rappresentata da Antonio Palumbo, responsabile Sales Medium Sud, che, nell’incontro con gli studenti del Liceo Marone in programma il prossimo 11 aprile, tratterà delle possibilità offerte nel mondo del lavoro dalle nuove tecnologie digitali: 5G, cloud, blockchain.
LE OPPORTUNITÀ
L’azione a sostegno della transizione digitale, oltre ai necessari interventi infrastrutturali, richiede una diffusa sensibilizzazione culturale su scenari, evoluzioni e soprattutto sulle opportunità di Industria 4.0. Ed e appunto da questa consapevolezza che il Campania DIH ha dato vita a Infosfera, magazine di informazione e approfondimento scientifico focalizzato sul mondo digitale e i molteplici impatti (economici, ma anche sociologici e filosofici) delle cosiddette delle tecnologie abilitanti. La rivista, inaugurata nel dicembre del 2020 e che si e sin da subito consolidata come espressione di tutta la rete nazionale dei Digital Innovation Hub di Confindustria, è diretta da Edoardo Imperiale, direttore generale del Campania DiH, con il coordinamento editoriale di Cristian Fuschetto. Il numero uscito questa settimana è focalizzato su strumenti, tecnologie e iniziative tese a favorire la competitivita dei nostri tessuti produttivi, sia in chiave territoriale sia in ambito nazionale e internazionale.

Più informazioni su

Commenti

Translate »