Quantcast

Happy Holi, oggila Festa della Primavera, rito di buon augurio per tutti

Happy Holi a tutti noi! Holi, noto anche come il Festival dell’Amore, il Festival dei Colori e il Festival della Primavera è un popolarissimo festival indù tra le feste religiose più antiche che si celebrano nel subcontinente indiano. È una celebrazione dell’amore eterno e divino di Radha Krishna, delle forme combinate delle realtà femminili e maschili di Dio e del trionfo del bene sul male. Nel 2022 la celebrazione cadrà oggi venerdì 18 marzo e sarà festa nazionale sia in India che in Nepal. Si festeggerà la fine dell’inverno, nel mese indù di Phalguna, l’ultimo giorno di luna piena (Purnima) nel calendario lunisolare indù. Nel calendario gregoriano, questo cade invece da fine febbraio a marzo. Storicamente, Holi è un evento legato anche all’agricoltura, per ingraziarsi la divinità al fine di garantirsi i buoni raccolti primaverili e la fertilità della terra. Holi è un giorno per rinnovare le amicizie, per incontrare gli altri e dimenticare e perdonare le tribolazioni passate. Tuttavia, la festa dei colori è anche un giorno per sbarazzarsi degli errori del passato e porre fine ai conflitti con gli altri. Le celebrazioni iniziano la notte prima di Holi, con un Holika Dahan, un evento in cui le persone eseguono rituali religiosi davanti a un falò e pregano che, proprio come Holika, la sorella del re demone Hiranyakashipu, sia stata uccisa in un falò, così anche il loro male interiore sarà distrutto. La leggenda dice che Holika attirò Prahlad, suo nipote, in un incendio su richiesta del re perché il nipote adorava Vishnu invece di lui. Nel fuoco, Prahlad è stato protetto, ma Holika è stata bruciata. Questa storia amplifica la convinzione che il bene trionfa sempre sul male e si ritiene che il nome Holi derivi da Holika. Altre leggende sono incentrate su miti e leggende d’amore. In Shaivismo e Shaktismo, tradizioni dell’induismo, Holi è legato a Shiva in profonda meditazione e sua moglie Parvati vuole riportare Shiva nel mondo. L’usanza di lanciare polveri colorate ha origine invece da un’altra leggenda, in cui Krishna, che ha la pelle blu, è innamorato di Radha ma è scontento della differenza di colore della pelle. La madre di Krishna suggerisce di colorare Radha, il che porta alla celebrazione dei colori. Ogni colore ha anche un significato: il rosso significa amore e fertilità, il giallo è il colore naturale della curcuma, una spezia originaria dell’India, il blu rappresenta Krishna e il verde è per i nuovi inizi. Beh, anche se la nostra cultura è quella occidentale e di questa festa possiamo essere solo spettatore e neanche parteciparvi per via delle restrizioni della pandemia la seguiremo online sui siti indiani come augurio che questa primavera sia foriera di buone nuove, che questo mondo grigio in cui ci hanno relegato guerra e pandemia torni a colorarsi di vita come la Primavera.

Buon Holi a tutti

A cura di Luigi De Rosa

Generico marzo 2022
Holi Festival (le foto presenti nell’articolo sono di repertorio)

 

English version

Holi, also known as the Festival of Love, the Festival of Colours and the Festival of Spring is a popular ancient Hindu festival. It’s a celebration of the eternal and divine love of Radha Krishna, the combined forms of feminine and masculine realities of God, and the triumph of good over evil. But when is Holi 2022, what does it symbolise and how is it celebrated? Here’s what you need to know. When is Holi 2022? In 2022, Holi falls on Friday 18 March. It is an important spring festival for Hindus and is a national holiday in India and Nepal. Holi is also a regional holiday in many different countries. Holi is celebrated at the end of winter, in the Hindu month of Phalguna on the last full moon day (Purnima) in the Hindu lunisolar calendar. In the Gregorian calendar, this falls from late February to March. Historically, Holi has also marked a celebration of agriculture, by commemorating good spring harvests and the fertile land. What does Holi symbolise? Holi is a joyous festival, celebrating the arrival of spring, the end of winter and blossoming love. It’s a day to renew friendships, to meet others and forget and forgive past tribulations.However, the festival of colours is also a day to get rid of past errors, and end conflicts with others. Celebrations commence the night before Holi, with a Holika Dahan, an event where people perform religious rituals in front of a bonfire and pray that, much like the way Holika, the sister of the demon king Hiranyakashipu, was killed in a bonfire, so too will their internal evil be destroyed. The legend says Holika lured Prahlad, her nephew, into a fire at the King’s request because the nephew worshipped Vishnu instead of him. In the fire, Prahlad was protected, but Holika was burned. This story amplifies the belief that good always triumphs over evil and it is believed that the name Holi derives from Holika. Other legends centre around myths and legends of love. In Shaivism and Shaktism, traditions of Hinduism, Holi is linked to Shiva in deep meditation, and his wife Parvati wanting to bring Shiva back into the world. Throwing coloured power originates from another legend, where Krishna, who has blue skin, is in love with Radha but is unhappy with the difference in skin colour. Krishna’s mother suggests he colours Radha, which leads to the celebration of colours. Each colour also holds meaning: red means love and fertility, yellow is the natural colour of turmeric, a spice native to India, blue represents Krishna and green is for new beginnings.

Generico marzo 2022
Le polveri colorate per festeggiare Holi

 

Commenti

Translate »