Quantcast

Furore, una Santa Messa per ricordare l’ex sindaco Raffaele Ferraioli ad un mese dalla sua scomparsa

Furore. Un mese fa si spegneva all’età di 80 anni Raffaele Ferraioli gettando nello sconforto e nel dolore tutta la Costiera Amalfitana e coloro che lo avevano avuto come amico, come amministratore ma soprattutto ne avevano apprezzato le doti umane e politiche. Era il sindaco per antonomasia e non solo di Furore ma di tutti i paesi della Divina, che amava indistintamente. Un uomo ed un politico che ha amato e difeso la Costa d’Amalfi.
In occasione del trigesimo alle 16.00 di oggi sarà celebrata una Santa Messa nella chiesa di San Giacomo.
Raffaele Ferraioli era nato a Furore nel 1942 e, dopo la qualifica di perito tecnico per il turismo e l’insegnamento, aveva iniziato la sua carriera politica nel 1965 dopo essere stato eletto prima consigliere comunale e poi assessore. Era stato poi Sindaco di Furore dal 1980, per ben per 39 anni.
L’impegno politico per il territorio della Costa d’Amalfi è sempre stata la sua prerogativa: aveva ricoperto la carica di vicepresidente del Distretto Sanitario di Amalfi – USL SA1 ed era stato assessore al turismo e poi presidente della Comunità Montana Amalfitana dal 1995 al 2008.
Aveva promosso i Patti Territoriali della Costa d’Amalfi, primo firmatario dell’istanza per il riconoscimento alla Costa d’Amalfi quale “Patrimonio Mondiale dell’Umanità “(UNESCO) e promotore della Doc dei vini e della Dop dei limoni della Costa d’Amalfi. Ferraioli è stato anche socio fondatore e vicepresidente del club de “I Borghi più Belli d’Italia” e della “Associazione Italiana dei Paesi Dipinti” e coordinatore regionale delle Città del Vino della Campania.

Commenti

Translate »