Quantcast

Finisce lo Stato d’Emergenza il primo aprile via le restrizioni Covid e non è uno scherzo, ecco il cronoprogramma di Draghi

Più informazioni su

    Finisce lo Stato d’Emergenza il primo aprile via le restrizioni Covid e non è uno scherzo, ecco il cronoprogramma di Draghi Tra una decina di giorni l’Italia dirà addio allo stato di emergenza introdotto a fine gennaio 2020 per fronteggiare la pandemia di Covid-19. Nonostante gli aumenti dei contagi registrati negli ultimi giorni, è oramai evidente che in questa ondata finale è poco più di una influenza e oramai abbiamo gli strumenti per gestirlo,  il governo è orientato a confermare il programma di graduali riaperture. E così il premier Mario Draghi insieme al ministro della Salute Roberto Speranza ha illustrato il calendario per l’allentamento delle restrizioni.

    Queste le principali novità votate dal Consiglio dei ministri:

    Green pass rafforzato al chiuso fino al 30 aprile
    Fino alla fine del mese prossimo il Qr code “rafforzato” resta obbligatorio le attività al chiuso: ristoranti e bar (anche al bancone), palestre, piscine e centri benessere, convegni e congressi, centri culturali e centri scommesse, qualsiasi tipo di festa (compresi i matrimoni), discoteche e sale da ballo, e tutti gli spettacoli.

    Trasporti, certificato base solo per viaggi lunghi
    All’interno del testo varato ieri si stabilisce anche che fino al prossimo 30 aprile per salire a bordo di aerei, treni, autobus, navi e traghetti (esclusi gli spostamenti regionali) sarà comunque obbligatorio esibire il Green pass, ma solo nella sua versione “base”. Per cui ci si potrà spostare anche dopo aver effettuato un tampone.

    Ffp2 su treni, bus, cinema e teatri
    Sempre dal primo aprile non sarà più necessario essere in possesso del Certificato vaccinale per salire a bordo di tram, metropolitane e bus locali, ma bisognerà obbligatoriamente indossare una Ffp2. Inoltre, sin dall’inizio del mese, decadrà anche l’obbligo di avere almeno il Green pass “base” per entrare negli uffici pubblici, nei negozi, nelle banche, alle poste o dal tabaccaio.

    Turismo, in hotel senza lasciapassare
    Ai turisti stranieri che arriveranno in Italia a partire dal 1° aprile non sarà più chiesto di esibire il Green pass. Tuttavia dovranno mostrare il certificato “base” (a differenza degli italiani residenti, a cui è chiesto quello “rafforzato”) qualora volessero pranzare in un ristorante che non sia all’interno di un hotel.

    Obbligatorietà, per i No vax solo una multa
    Superato, in parte, l’obbligo vaccinale. Cioè resta in vigore fino al 15 giugno per over 50, sanitari, lavoratori della scuola e della sicurezza. Però, in caso di mancata vaccinazione, non è più prevista la sospensione dal lavoro ma solo la multa da 100 euro. Per sanitari e operatori delle rsa invece, la possibilità di uno stop viene estesa fino al 31 dicembre.

    Ordinanze, stop al sistema a colori
    Come ampiamente annunciato con il termine dello stato d’emergenza decadrà anche il cosiddetto sistema a colori. Tuttavia – come ha precisato ieri il ministro Speranza – il monitoraggio del venerdì continuerà «per leggere la situazione epidemiologica ma non sarà più legato alle ordinanze» per il cambio dei colori.

    Dad e contatti, a casa soltanto i positivi
    Dal 1° aprile viene meno il sistema delle quarantene da contatto. Per cui anche chi non è vaccinato non dovrà più isolarsi se è risultato essere tra i contatti stretti di un soggetto contagiato.
    Vale a dire che a scuola, dove tra gli alunni i non vaccinati sono ancora molti, la Dad diventerà uno strumento utilizzato solo da chi è risultato positivo.

    Capienze, stadi e spettacoli solo al 100%
    Torna al 100% la capienza degli stadi e di tutti gli impianti sportivi o le arene all’aperto. A partire dal mese prossimo infatti, potranno nuovamente riempirsi curve e tribune. Con un “ma”: fino al 30 aprile per accedere saranno ancora richiesti sia il Green pass “base” che la mascherina Ffp2.

    Buongiorno,
    Ecco il Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 67 di giovedì 17 marzo 2022.

    COVID-19, SUPERAMENTO DELLA FASE EMERGENZIALE

    Il provvedimento stabilisce:

    🔴 obbligo di mascherine: viene reiterato fino al 30 aprile l’obbligo di mascherine ffp2 negli ambienti al chiuso quali i mezzi di trasporto e i luoghi dove si tengono spettacoli aperti al pubblico. Nei luoghi di lavoro sarà invece sufficiente indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie;

    🔴 fine del sistema delle zone colorate;

    🔴 capienze impianti sportivi: ritorno al 100% all’aperto e al chiuso dal 1° aprile;

    🔴 protocolli e linee guida: verranno adottati eventuali protocolli e linee guida con ordinanza del Ministro della salute.

    🔴 graduale superamento del green pass
    eliminazione delle quarantene precauzionali

    ACCESSO AL LUOGO DI LAVORO
    Dal 1° aprile sarà possibile per tutti, compresi gli over 50, accedere ai luoghi di lavoro con il Green Pass Base per il quale dal 1° maggio eliminato l’obbligo

    Fino al 31 dicembre 2022 resta l’obbligo vaccinale con la sospensione dal lavoro per gli esercenti le professioni SANITARIE e i lavoratori negli ospedali e nelle RSA; fino alla stessa data rimane il green pass per visitatori in RSA, hospice e reparti di degenza degli ospedali (oggi 2Gplus).

    🔴 Scuola – nuove misure in merito alla gestione dei casi di positività.

    https://lnkd.in/gsCBFZup

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »