Quantcast

Bologna / Sorrento, oggi compleanno di Lucio Dalla, avrebbe avuto 79 anni – Il successo di 4/3/1943

Più informazioni su

Bologna / Sorrento, oggi compleanno di Lucio Dalla, avrebbe avuto 79 anni – Il successo di 4/3/1943 . Sorrento lo sta ricordando con un grande murales di Jorit e mostre a Villa Fiorentino, la sua città natale lo omaggia Bologna, 4 marzo 2022 – ‘Lucio Dalla. Anche se il tempo passa’ . A dieci anni dalla morte dell’amatissimo musicista bolognese – e nel giorno della sua nascita (oggi sarebbero 79 anni) – la sua città gli dedica una mostra. Tra le affissioni, un brano della poesia di Alda Merini ‘Il silenzio è peggio della follia’, che evoca l’attacco di una celebre canzone di Dalla: “Caro amico ti scrivo e ti dico un grande segreto, che qui dove abito io non si fa mai una canzone, non si sente cantare nessuno e mandano via i migliori, ma la giustizia non si fa più sentire”. L’esposizione – promossa dal Comune di Bologna e curata da Alessandro Nicosia con la Fondazione Lucio Dalla – è aperta tutti i giorni, tranne il martedì, da oggi fino al 17 luglio al Museo civico archeologico, e racconta il percorso umano e artistico del cantante. Focus / Su Rai Storia l’amico Ron racconta domenica 50 anni di musica insieme a Dalla, rivelando tra l’altro com’è nata la canzone ‘Piazza Grande’ – Guarda il nostro speciale su Dalla – Lucio 10 anni dopo: il longform – Cremonini: “Il mio primo incontro con Lucio Dalla” – Il Volo: “Così portiamo Caruso nel mondo” La mostra su Dalla in dieci sezioni Lo spazio espositivo, allestito nel museo che si trova a pochi passi da piazza Maggiore e dalla casa dove Lucio Dalla ha vissuto per gran parte della sua vita, è diviso in dieci sezioni tra le quali quella dedicata all’infanzia, alla passione per il clarinetto, al rapporto con il teatro, il cinema, con la poesia di Roberto Roversi e con Bologna. ‘Balla balla ballerino’, ‘Cara’, ‘Com’è profondo il mare’ – ma anche le canzoni meno note dei tre album degli anni Settanta realizzati con Roversi – accompagnano il visitatore tra le stanze …
In questo decennale in cui lo ricordano gli amici e tutti quelli che lo hanno amato e soprattutto ascoltato, ci sono i documentari come il bel Per Lucio di Pietro Marcello che si è visto ieri sera su Rai 3 e che ora si può recuperare su Raiplay, una mostra a Bologna che lo racconta d quel compleanno, diventato un titolo di canzone, assume un significato speciale.
“Dice che era un bell’uomo
E veniva, veniva dal mare
Parlava un’altra lingua però sapeva amare
E quel giorno lui prese mia madre sopra un bel prato
L’ora più dolce prima d’essere ammazzato”

Lucio Dalla Jorit

Presentato nel 1971 al festival di Sanremo, 4/3/1943 fu la rivelazione di quell’anno e si piazzò terza in un’edizione che vide trionfare Nada e Nicola Di Bari. Quella canzone, scritta da Paola Pallottino, era proprio creata su misura per Lucio Dalla come ebbe poi a spiegare l’autrice del brano che in un primo tempo si chiamava Gesù bambino. La canzone era stata scritta proprio come sorta di risarcimento a Dalla che aveva perso il padre quando aveva sette anni, la Rai chiese delle modifiche al testo: “E anche adesso che bestemmio e bevo vino, per ladri e puttane sono Gesù bambino” fu modificata in “e ancora adesso che gioco a carte e bevo vino, per la gente del porto mi chiamo Gesù bambino” e venne chiesto di cambiare titolo. Sebbene l’autrice non fosse d’accordo Dalla accettò di cambiare il titolo avendo un’intuizione straordinaria: mettere la sua data di nascita. Fu un trionfo all’Ariston e la canzone rimase prima in classifica per tre settimane diventando un cult che ci permette, ogni anno, di continuare a celebrare questo grande musicista e poeta.

Noi di Positanonews, che lo abbiamo anche conosciuto e intervistato a Positano, in una mostra nella Cripta Medievale annessa alla Villa Romana della perla della Costiera amalfitana, e a Sant’Agnello, alla mostra mercato di San Rocco a Maiano di Sant’Agnello, che lui amava e raggiungeva in vespa, vogliamo ricordarlo così con questo video

Più informazioni su

Commenti

Translate »