Quantcast

Trasporti e urbanistica: così la Penisola Sorrentina sarà Green

Trasporti e urbanistica: così la Penisola Sorrentina sarà Green. Ne parla Fiorangela d’Amora in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

Castellammare, Vico Equense, Meta, Piano di Sorrento, Sant’Agnello, Sorrento e Massa Lubrense sono parte della Smart Coast Network, il progetto da 15 milioni di euro candidato ai fondi del Pnrr, che parla di riconnessione del tessuto urbano attraverso la mobilità green e la rigenerazione dei quartieri storici. Ieri mattina i sindaci dei comuni che nei giorni scorsi hanno firmato il protocollo d’intesa sono arrivati a Palazzo Farnese per definire le strategie per il prossimo futuro, nell’ottica di una nuova visione della costa sorrentina che parta appunto da Castellammare.

Il filo conduttore che unisce i sette comuni è la mobilità interna ed extra comunale che sia ecologica e sostenibile, l’installazione di stazioni di ricarica per veicoli elettrici, connessioni wi-fi comunali e arredo urbano di nuova generazione. «Un’azione sinergica – ha detto il sindaco del comune capofila Gaetano Cimmino – nell’ottica di una visione organica e univoca di tutta la fascia costiera, che consentirà di valorizzare le prospettive di sviluppo dell’area territoriale che attraversa Castellammare di Stabia e tutti i Comuni della penisola sorrentina, in linea con gli obiettivi di ecosostenibilità, mobilità green, rigenerazione urbana e riconnessione del tessuto urbano e sociale che costituiscono gli assi portanti del futuro dei nostri territori».

Nello specifico, per Castellammare torneranno slarghi, piazze e calate per connettere il mare con la collina. Il tutto informatizzato e moderno grazie all’allestimento di aree di sosta con sistemi di ricarica per bici e piccole auto elettriche con monitoraggio del traffico e smart parking per l’utilizzo delle fasce più vulnerabili. Gli spazi saranno caratterizzati inoltre da un sistema di lampioni intelligenti in grado di creare un ambiente «digitale per i propri cittadini», in cui il wi-fi è accessibile in più punti, un concetto che nella sostanza unisce tutti i Comuni parte del progetto.

Così, per la città guidata da Lorenzo Balduccelli, Massa Lubrense, sarà necessario intervenire strutturalmente per installare le colonnine per ricariche elettrice anche in punti meno frequentati del paese. L’intenzione è anche quella di acquistare veicoli elettrici per ridurre le emozioni di co2 per proteggere il verde comunale.

LE ASPETTATIVE A Meta si punterà invece su una nuova illuminazione pubblica alimentata da pannelli solari a batteria lungo il tratto di competenza della Statale Sorrentina «Ci si aspetta che in seguito a tale opera – si legge nella scheda del progetto – il transito veicolare sia molto più sicuro e ci sia una forte implementazione del traffico pedonale, atteso che il percorso di alcuni chilometri presenta debole pendenza ed è molto panoramico». Anche a Piano di Sorrento e Sant’Agnello ci sarà la posa di colonnine per ricariche elettriche. Mentre per Sorrento la progettualità si basa sulla riqualificazione e ottimizzazione di Marina Piccola e Marina Grande, e il potenziamento del trasporto interno attraverso mezzi ibridi ed elettrici. «L’intervento sui due caratteristici borghi marinari – spiega la scheda del Comune guidato da Massimo Coppola – consiste in un recupero per una diversa e più funzionale distribuzione degli spazi, al fine di ottimizzare il flusso di turisti da e per le isole del golfo, che per offrire un maggior godimento dell’area alla popolazione residente». Si concentrerà invece sulla riqualificazione della frazione di Seiano il progetto voluto dal sindaco Giuseppe Aiello. «Oggi il borgo di Seiano – spiega – soprattutto l’area a monte, appare del tutto marginale e tagliata fuori rispetto al resto della città».

Commenti

Translate »