Quantcast

Superbonus 110%, senz’altro il male minore tra i bonus edilizia. Il Tecnico ci spiega perché.

intervento dell’ Ing. Marco Caccaviello

Ancora una volta è una informazione sommaria e approssimata che non sviscera gli argomenti andando a fondo alle problematiche e che quotidianamente irrompe dai mass media, a farla da padrone. Anche quando la materia trattata, come le attuali agevolazioni in edilizia (bonus), risulta essere di primaria importanza per la ripresa economica del Paese. Ma quando determinate  convinzioni vengono usate da una parte politica, oppure dal Capo dell’Esecutivo per dettare la propria linea, necessiterebbe semmai una certa riflessione prima di sparare incondizionatamente nel mucchio. Fare di tutta un’erba un fascio, oltre a provocare un danno irreparabile, non giova a nessuno e si perde di credibilità. E’ il caso del Superbonus 110% che in questi giorni sembrerebbe raccogliere la nomea di truffa autorizzata. Infatti,  grazie ad una informazione distorta, con tale termine si tende ad indicare anche una serie dei altri bonus edilizi  come : ecobonus, una misura volta a garantire l’efficienza energetica degli edifici e prevede una detrazione dal 50% al 65%; sismabonus,  una detrazione fiscale utile a garantire la messa in sicurezza degli edifici, per le unifamiliari, lo sconto va dal 50 al 70% mentre per i condomini va dal 75 all’85%; bonus facciate, facente parte del bonus ristrutturazioni  (comprendente anche il bonus condizionatori) che da una prima percentuale  del 90% recentemente è scesa al 60%. Senza dimenticare ulteriori : bonus caldaie, infissi, mobili, verde, idrico, restauro, barriere architettoniche, etc.  – Insomma una serie di misure che mirano a incentivare la transizione green con interventi ad alto efficiente energetico. Agevolazioni fiscali che  se non controllate sono esposte a truffe e in molti casi  molto appetibili anche dalla malavita organizzata. A tale proposito bisogna comunque dire che, a differenza di altre agevolazioni varate dal Governo,  proprio il Superbonus risulta  essere  la misura più blindata.

Draghi Franco

Quindi è estremamente errato continuare a dire che il Superbonus risulta essere una truffa colossale, la più grande della Repubblica! Piuttosto , invece di continuare ad inveire contro tale provvedimento ,ci si applichi a controllare le restanti agevolazioni e la si smetta, anche mediaticamente , di condannare chi, con il Superbonus 110%, adempie a quanto previsto dalla Legge. Sull’argomento riportiamo quanto dichiarato da un addetto ai lavori, l’ing. Marco Caccaviello (s.c.)

“Vedendo tanta mala informazione in giro perpetrata dai mass media e rilanciata sui social ,sento il dovere di riportare due numeri sulla tanto acclamata frode del secolo: il Superbonus 110.

Il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ruffini,in audizione al Senato giovedì, ha fornito i dettagli delle truffe legate agli sconti fiscali per le ristrutturazioni edilizie. Eccoli i numeri veri: oltre 2 miliardi di frodi (il 46%) collegati al bonus facciate (quella sì una misura inutile ed esposta a ogni rischio di truffa), 1,5 miliardi (il 34%) al vecchio ecobonus del 65%,40 milioni al bonus locazioni, 350 milioni al sisma bonus e 132 milioni – sì: 132 milioni, il 3% del totale – al “famigerato” Superbonus 110%!

superbonus il sole 24 ore

Quindi il Superbonus  nel biennio 2020-2021 rappresenta appena il 3%, ovvero poco più di 130 milioni di euro che corrisponde a neanche l’1% delle pratiche superbonus complessive che ammontano a  13.391.416.571 di euro!! Quindi la “truffa del secolo” per i vertici del governo, vale poco più di 100 milioni. Verrebbe da ridere se questa assurda campagna non mettesse a rischio centinaia di imprese e migliaia di posti di lavoro. Inoltre se si pensa che sono stati sequestrati 110 milioni di crediti di imposta ad un unico consorzio, si capisce bene che dei 130 milioni totali , il 95% delle frodi superbonus è imputabile ad un solo soggetto.

Ora mi domando, perchè in conferenza stampa il premier abbia mentito, sapendo di farlo, facendo di tutta un’erba un fascio ed abbia criticato apertamente il superbonus 110%, nonostante, numeri alla mano, esso non c’entri niente con le frodi e  abbia colto l’occasione per attaccare la forza politica che l’aveva introdotta. E perché  i tg e giornali abbiano cavalcato l’onda non accertandosi dei fatti e portato ad una mistificazione totale della realtà delle cose?

Ad oggi il “110%” ha consentito l’apertura di oltre 100mila cantieri (veri) per un valore di 18 miliardi di euro, la creazione di 130mila posti di lavoro, un salto di più di due classi energetiche in decine di migliaia di condomìni (che significa meno consumi di energia e meno emissioni inquinanti e climalteranti). È una misura “win-win”: vince lo Stato, vince l’impresa, vince il lavoro, vince l’ambiente.”14 febbraio 2022 – Ing. Marco Caccaviello (ing.marcocaccaviello@gmail.com – 3339637182)

Commenti

Translate »