Quantcast

Ravello: i Carabinieri rischiano lo sfratto

Più informazioni su

Ravello: i Carabinieri rischiano lo sfratto. Ravello e Scala, in Costiera Amalfitana, rischiano di restare senza la caserma dei carabinieri. Per risolvere la situazione, che oramai va avanti da quasi vent’anni, la soluzione individuata è che la caserma venga spostata in un immobile di proprietà della Curia Arcivescovile, la quale, però, al momento non si è ancora espressa.

Come si legge in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano La Città di Salerno, nei giorni scorsi si è tenuto un incontro tra il sindaco di Ravello, Paolo Vuilleumier, i vertici provinciali dell’Arma dei carabinieri e rappresentanti della Curia di Amalfi – Cava de’ Tirreni. Il motivo è la possibilità di spostare la caserma nella frazione di San Cosma.

Attualmente la caserma è ubicata in via Costantino Rogadeo ma i proprietari dell’immobile, da diversi decenni, hanno chiesto la possibilità di rientrarne in possesso. I carabinieri, quindi, rischiano seriamente di essere sfrattati. Già nel 2019 ci fu un sopralluogo da parte del colonnello Gianluca Trombetti, accompagnato dall’ex sindaco Salvatore Di Martino , dal comandante della Compagnia di Amalfi, il capitano Umberto D’Angelantonio e dal maresciallo Procolo Chiocca , con l’economo diocesano don Luigi Colavolpe e Nicola Amato , consigliere delegato della Curia. Tutto sembrava procedere verso la risoluzione ma a distanza di oltre due anni e mezzo tutto è rimasto fermo. «Siamo giunti alle fasi finali. Il canone è stato anche quantificato – sottolinea il sindaco Paolo Vuilleumier Non resta che attendere che arrivi il parere positivo da parte della Curia affinché l’immobile di via San Cosma possa essere utilizzato come caserma».

La questione è giunta a un bivio e gli abitanti di Ravello e Scala sperando che arrivi il via libera della Curia. A luglio potrebbe arrivare lo sfratto e la caserma di Ravello potrebbe chiudere tra meno di cinque mesi.

Più informazioni su

Commenti

Translate »