Quantcast

Napoli vince all’ultimo respiro con la Lazio e va al primo posto

Più informazioni su

    Napoli vince all’ultimo respiro con la Lazio e va al primo posto

    È una gran partita allo stadio Olimpico. Le due squadre si sfidano a viso aperto: ci prova prima il Napoli, con Osimhen lanciato in contropiede da Zielinski, poi la Lazio, con Luis Alberto che angola troppo il tiro da centro area dopo una folata di Felipe Anderson sulla fascia.  Le occasioni da gol non si contano: al 21’ Immobile prova a sorprendere Ospina ma alza troppo la mira, al 24’ Zielinski impegna Strakosha con un gran tiro da fuori. 

    Il primo tempo scivola via senza grandi sussulti: l’unico squillo è di Milinkovic-Savic che al 40’ si libera bene nell’area azzurra ma trova Ospina sulla sua strada.

    Il primo tempo finisce senza reti, la ripresa comincia senza cambi. E con una grande occasione per Felipe Anderson, disinnescato da Ospina al 52’. Cinque minuti dopo la prima sostituzione: Spalletti richiama in panchina Zielinski e getta nella mischia Elmas. La mossa è azzardata ma paga subito perché al 62’ è proprio Elmas ad armare il destro di Insigne che da lontanissimo buca Strakosha e trova il primo gol su azione del suo campionato. Cinque minuti dopo il capitano troverebbe anche il raddoppio ma l’arbitro annulla per il fuorigioco di Lorenzo sulla ribattuta di Strakosha e tiene la Lazio in partita.

    Carica a testa bassa, la squadra di Sarri, alla disperata ricerca del pari. Spalletti si copre con Lobotka per Demme e chiede linfa fresca a Ounas ma il Napoli non riesce più a mettere la testa davanti. La Lazio preme e all’88’ pareggia: dopo una respinta corta della difesa Pedro scocca un tiro violentissimo dai venti metri che sorprende Ospina. È il gol del pari, è il gol che butta giù il Napoli dal primo posto in classifica.

    il Napoli si butta avanti con ferocia e proprio all’ultimo assalto trova il gol della vittoria che vale anche l’aggancio al Milan al primo posto: Insigne libera Fabian Ruiz al tiro, mancino incredibile e pallone in fondo al sacco!

    Lazio (4-3-3)

    1 Strakosha; 77 Marusic, 3 Luiz Felipe, 4 Patric, 26 Radu; 21 Milinkovic-Savic, 6 Leiva, 10 Luis Alberto; 7 Felipe Anderson, 17 Immobile, 20 Zaccagni.

    A disposizione: 25 Reina, 31 Adamonis, 8 Akpa Akpro, 9 Pedro, 11 Cabral, 16 Kamenovic, 18 Romero, 23 Hysaj, 27 Moro, 28 A. Anderson, 32 Cataldi, 33 Acerbi, 88 Basic. All. Sarri.

    Napoli (4-2-3-1)

    25 Ospina, 22 Di Lorenzo, 13 Rrahmani, 26 Koulibaly, 6 Mario Rui; 8 Fabian Ruiz, 4 Demme; 21 Politano, 20 Zielinski, 24 Insigne; 9 Osimhen.

    A disposizione: 1 Meret, 12 Marfella, 5 Juan Jesus, 7 Elmas, 14 Mertens, 31 Ghoulam, 33 Ounas, 59 Zanoli, 37 Petagna, 68 Lobotka. All. Spalletti.

    Arbitro: Di Bello di Brindisi.

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »