Quantcast

Il Fondo Cesina diventa patrimonio del Comune di Capri

Da ieri il Fondo Cesina, conosciuto come “Il Cannone”, appartiene al patrimonio del Comune di Capri. Un vero e proprio tesoro dal grande valore storico sul quale insiste un fortino risalente al conflitto anglo-francese di inizio Ottocento che faceva parte del sistema delle fortificazioni dislocate intorno all’Isola.
Il sindaco Marino Lembo ha precisato come grazie alla firma dell’atto di trasferimento del fondo finalmente si potranno riaprire i sentieri naturalistici che dal sito portano a Monte San Michele (dove si trovava un’altra importante batteria di cannoni) e valorizzare, così, una zona ricca di storia e di grande valore ambientale. Il tutto in armonia con le azioni dell’amministrazione che sta recuperando, in un’ottica di sostenibilità e accessibilità, molti luoghi che meritano di essere tutelati e riscoperti.
Il primo cittadino si dichiara soddisfatto: «La nostra Capri, sempre più bella! Stiamo seguendo, da qualche anno, tutte le procedure di cessione di beni da parte dello Stato ricadenti nel nostro Comune e per i quali è possibile esercitare il diritto di prelazione.  Dopo l’acquisizione del primo Belvedere di Pizzolungo che intitoleremo a Monika Mann, figlia dello scrittore tedesco e premio Nobel per la letteratura Thomas, ora abbiamo acquistato quest’altro bene, situato sul lato di Cesina verso Marina Grande, dove c’è un fabbricato in pietra. Si tratta di un fortino con feritoie, inserito in un ampio appezzamento di terreno, che faceva parte del sistema delle fortificazioni dislocate intorno all’isola. Sicuramente una batteria principale a difesa dell’approdo della Marina mentre più su, sul ciglio della montagna, c’erano altre postazioni minori. L’intenzione dell’Amministrazione Comunale è quella di valorizzare nuovi percorsi naturalistici e di grande interesse storico, non ancora adeguatamente conosciuti e apprezzati, per incentivare passeggiate lungo itinerari alternativi a quelli super affollati del centro nel corso della stagione turistica».

Il Fondo Cesina diventa patrimonio del Comune di Capri

Commenti

Translate »