Quantcast

Covid, a gennaio spesi in farmacia 58 milioni di euro per tamponi

Più informazioni su

Covid, a gennaio spesi in farmacia 58 milioni di euro per tamponi. A gennaio gli italiani hanno speso in farmacia 58 milioni di euro in test antigenici rapidi per il Covid-19. In tutto il 2021 ne sono stati spesi 140 milioni di euro, un numero esploso nell’ultima settimana dell’anno. Sono i dati elaborati per l’Ansa da Iqvia, provider globale di dati in ambito sanitario e farmaceutico, che confermano l’aumento esponenziale del numero di test effettuati in seguito all’introduzione del Green Pass.

L’acquisto di mascherine, invece, in tutto il 2021, è costato agli italiani 143 milioni di euro. Nel complesso, lo scorso anno, i prodotti Covid, tra cui saturimetri, termometri, probiotici immunostimolanti, vitamine, calmanti e prodotti per tosse e raffreddore, hanno portato le farmacie a ricavi per 2,3 miliardi.

Nello specifico, per quanto riguarda i tamponi antigenici, secondo i dati di Iqvia, nel mese di gennaio 2021 ne sono stati venduti in farmacia 148 mila; mentre a a settembre, prima dell’obbligo del Green Pass sul lavoro la cifra è cresciuta a 586 mila, per un totale di 17,7 milioni di euro. A ottobre, con l’introduzione del Green Pass, il numero ha raggiunto le 844 mila unità, per poi superare quota un milione e 58mila a novembre, per un valore di quasi 30 milioni di euro. Infine, nell’ultima settimana del 2021 è stato registrato un aumento del 15,8% rispetto alla settimana precedente.

Nelle ultime due settimane dell’anno, oltre al fatturato delle farmacie in tamponi, è aumentato anche quello in mascherine, complice l’introduzione dell’obbligo delle Ffp2 sui mezzi di trasporto. Tutti numeri che rilevano “l’effetto Omicron sulle farmacie” Per quanto riguarda gli igienizzanti per le mani, l’andamento nell’anno è stato stabile, con un aumento nelle ultime settimane. Tutti numeri che rilevano “l’effetto Omicron sulle farmacie”. “Rispetto al 2020, anno caratterizzato dal lockdown, la crescita del fatturato è nettamente positiva. È da sottolineare una particolare accelerazione nel fatturato negli ultimi mesi del 2021 a causa del propagarsi dell’infezione virale e per la paura della variante Omicron”, ha sottolineato Iqvia. “Su questa accelerazione ha sicuramente inciso l’introduzione del Green Pass obbligatorio per recarsi al lavoro, che ha provocato lunghe code davanti alle farmacie per assicurarsi il tampone. Per i farmacisti è stato un impegno che ha richiesto tante risorse qualificate umane ed economiche e che, in alcuni casi, particolarmente nelle piccole e medie farmacie, ha inciso negativamente sulla vendita di altri prodotti”, ha concluso.

Fonte SkyTg24

Più informazioni su

Commenti

Translate »